HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Scott Henderson sulla sua nuova Suhr
Scott Henderson sulla sua nuova Suhr
di [user #116] - pubblicato il

Suhr amplia il catalogo con una signature di Scott Henderson rivista secondo i canoni più aggiornati del chitarrista fusion. Manico roasted, ponte di nuova concezione e single coil silenziosi per un tono classico misto a una suonabilità moderna, Scott spiega in video la sua nuova Classic.
Scott Henderson è tra gli artisti Suhr più longevi. La collaborazione tra il liutaio e il maestro fusion dura dal 1991, e da allora i due lavorano a stretto contatto alla ricerca di uno strumento che fornisca un suono classico, un'accordatura stabile anche con l'uso intensivo della leva richiesto da Scott e una suonabilità dal taglio incredibilmente moderno. L'ultima incarnazione del loro progetto entra in catalogo per il 2017 con un'edizione aggiornata della signature, rivista nell'essenza per rispecchiare le più recenti necessità stilistiche di Henderson.

Scott Henderson sulla sua nuova Suhr

La Suhr Classic Scott Henderson affonda le sue radici nella miglior tradizione californiana. La forma è quella di una Strat-style in piena regola, con la sola differenza di vedere il jack d'uscita spostato sul bordo. Non mancano i piccoli accorgimenti e contour vari per offrire un'ergonomia maggiore rispetto al taglio classico. L'ontano è una garanzia per il modello, come anche l'acero usato per il manico. In questo caso, è del roasted maple, cioè un acero trattato a caldo per rimuovere impurità e umidità, incrementando stabilità e vibrazioni dell'insieme. La finitura satinata contribuisce a una scorrevolezza eccellente, e il profilo a D, più schiacciato e largo rispetto al classico C, è studiato per accompagnare gli stili più all'avanguardia. Anche la tastiera, in palissandro indiano, sfoggia un approccio moderno con una curvatura da 16 pollici.

Scott Henderson sulla sua nuova Suhr

Disponibile nelle finiture Fiesta Orange e Seafoam Green, la signature lascia spiccare sul battipenna bianco delle plastiche color mint per i pickup e le manopole.
La voce è affidata a tre single coil, una tripletta di Michael Landau Standard, più caldi e improntati sui medi rispetto ai pickup di stampo classico. Il set arriva di solito con una versione dall'output maggiorato al ponte, ma Scott ha voluto tre pickup identici per un tono più uniforme su tutta la gamma. Basata sul sistema Silent Single Coil, l'elettronica promette di conservare il timbro della bobina singola eliminando il rumore di fondo in qualunque condizione.

Miscela gustosa di modernità e tradizione, la Classic di Scott Henderson adotta un ponte mobile con sei viti ridisegnato da John Suhr per garantire una stabilità eccezionale unita al tono classico dei ponti vintage. Le sellette, ricurve come ci si aspetta, sono in acciaio e, su richiesta specifica del chitarrista, la leva è più corta rispetto allo standard.



La nuova Classic rappresenta un aggiornamento sostanziale ai precedenti modelli imbracciati da Scott, e guardiamo con interesse al suo arrivo in Italia, grazie alla distribuzione di Backline. Nell'attesa, altre foto e scheda tecnica completa sono sul sito ufficiale a questo link.
chitarre elettriche scott henderson scott henderson classic suhr
Link utili
Scott Henderson Signature sul sito Suhr
Sito del distributore Backline
Altro da leggere
Pubblicità
Vai a Custom Shop Milano, conosci musicisti,...
Fender spiega la Jazzmaster...
Framus Pro Series The Stormbender Devin...
Nuove St Vincent per Music Man e Sterling...
Pubblicità
Commenti
di fender66 [user #1640] - commento del 15/07/2017 ore 13:44:49
Azzzzzz.. la fiesta orange è da infarto..
Rispondi
di Pietro utente non più registrato - commento del 15/07/2017 ore 14:28:19
Fantastica la Seafoam Green.
Rispondi
di bettow [user #30179] - commento del 15/07/2017 ore 23:16:49
Bellissima! Immagino costerà un botto!
Rispondi
di catoblepa [user #33960] - commento del 16/07/2017 ore 01:28:0
negli USA 3.495 'verdoni' ... ergo nella nostra 'little Italy' non credo meno di 4milacinquecento eurini ...
Rispondi
di edgar587 [user #15315] - commento del 17/07/2017 ore 21:02:53
Come si fa ad avere un fraseggio così schizzato, ignorante e allo stesso tempo strutturato in maniera così raffinata e avanguardista..?
Rispondi
di rickyfigoli [user #36535] - commento del 21/07/2017 ore 08:48:11
Lui è così... l'ho visto anche di recente ad una masterclass, sembra completamente pazzo, invece è sempre perfettamente a fuoco. Un genio.
Rispondi
di marmo75 [user #47076] - commento del 21/07/2017 ore 16:23:48
si, per me è sempre stato un jeff beck 2.0, favoloso lui e la chitarra
Rispondi
di rickyfigoli [user #36535] - commento del 22/07/2017 ore 08:59:46
Trovo JB generalmente più emozionale e diretto. Scott è veramente di fuori. Quando suona blues tanto tanto, ma quando esce dal blues è un pazzo scatenato e io lo adoro.
Rispondi
di sand1975 [user #46451] - commento del 22/07/2017 ore 02:46:59
Strepitoso Scott, un vero genio al pari di jeff beck, holdsworth, hendrix, Scofield. Uno che ha cambiato "la chitarra" ed è tutt'ora inimitabile. Su youtube è pieno di video di gente che scimmiotta da Vai allo shredder dell'ultima ora. Ma quanti possono "imitare" in modo credibile Scott Henderson? Impossibile, neanche lui riesce ad "imitarsi", completamente pazzo ed "estemporaneo"


Però (c'è sempre un però) non riesco proprio a giustificare gli oltre 4000 euro di questa chitarra, per tipologia costruttiva e materiali, e un manico roasted (un ottimo blank in acero roasted costa ad un comune mortale che ne ordina uno una 30ina di euro, qualcosa in più) se quartersawn) non mi fa cambiare idea...

Le ho provate, belle, perfette, nulla da dire, non mi hanno impressionato come le Tom Anderson ma 4000 euro a me che sono abituato a dare un valore alle cose non li vale. Poi certo molti la compreranno perché la GAS non ha prezzo (e chi fa le chitarre lo sa). Per me una strat style con ottimi legni selezionati, Coi migliori pickup artigianali avvolti sulle cosce di una megafiga brasiliana come i Cohiba, assemblata a mano da un signor liutaio e settata e finita impeccabilmente non può costare più di 2000 euro.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
Boss WL: trasmettitori smart per tutti i gusti
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Fender spiega la Jazzmaster
La storia del delay
I più commentati
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
La Ibanez AE510 estrae il preamp per preservare i legni
SL4X: Jackson Soloist si veste di mini-humbucker
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
I vostri articoli
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Come creare true bypass, looper e footswitch
Analizzare e riparare un cavo difettoso
Sovtek Mig 50: britanniche dalla Russia
di Oleg
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964