HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Propellerheads Reason 9.5: finalmente VST!
Propellerheads Reason 9.5: finalmente VST!
di [user #45705] - pubblicato il

Ricordo Reason ai suoi albori, un programma che gestiva una manciata di virtual synth, campionatori virtuali e drum machine solamente via MIDI, sincronizzabile alle altre DAW via ReWire e con una ricca libreria di campioni e patch. Era già una rivoluzione! Oggi si raddoppia!
Già dalla versione 6.0 Reason si candidava a diventare una DAW a tutti gli effetti grazie all'introduzione di Record, la piattaforma che permetteva finalmente di registrare e riprodurre le tracce audio, stratchare in tempo reale il BPM di tutto il progetto, audio compreso, e gestire in autonomia il mix con l'implementazione del nuovo mixer modellato sulle console della serie K di Solid State Logic. Con l'introduzione dei Rack Extensions della versione 7, anche gli sviluppatori esterni hanno potuto cominciare a creare i loro effetti e strumenti dedicati a Reason, ma solo con il nuovo upgrade 9.5, gratuito per tutti gli utenti della versione 9, la DAW di Propellerheads si apre finalmente ai virtual instruments e agli effetti in formato VST. Una nuova rivoluzione!

Propellerheads Reason 9.5: finalmente VST!

Integrazione completa

Alla prima apertura dopo l'ugrade, Reason va in cerca della cartella contenente tutti i VST e comincia a scansionarli. Reason supporta il protocollo VST versione 2.4. Ora sul Browser di destra potete vedere tutti i vostri strumenti VST elencati insieme agli altri moduli Instruments, come gli effetti VST sotto la voce Effects.   
Cliccandoci sopra due volte o trascinandolo nel Virtual Rack appare il nuovo modulo VST che ci permette di gestire lo strumento/effetto come qualsiasi altro modulo di Reason. Facendo doppio click sulla scritta "VST Plugin" possiamo aprire direttamente il plugin con la sua interfaccia originale. Oltre alla possibilità di utilizzare l'automazione come in qualsiasi altro modulo, il nuovo VST Module ci mette a disposizione 6 ingressi CV, assegnabili a qualsiasi parametro controllato via MIDI, in modo da poter utilizzare il potente sistema di patching virtuale di Reason. Ogni modulo può utilizzare fino a 16 usicite, anche se di default viene creata una sola traccia sul mixer virtuale. Per il momento non è possibile assegnare più di una parte MIDI ad un Virtual Instrumets multitimbrico, ma nessuno ci vieta di aprire più istanze dello stesso strumento all'interno del progetto su cui stiamo lavorando.

Propellerheads Reason 9.5: finalmente VST!

La DAW alternativa sempre più matura

Ho utilizzato Reason nelle sue prime versioni, sia come strumento di creazione MIDI a se stante, sia come "virtual sampler" linkato in Rewire a Cubase, per la sua leggerezza e stabilità e per la sua buonissima librearia inclusa, che comprendeva anche suoni orchestrali tutt'ora più che utilizzabili. Ritrovarlo in questa nuova versione aggiornata è stata una piacevole sorpresa: Reason è uno strumento potente e maturo, ma allo stesso tempo semplice e molto divertente da utilizzare. Chi si avvicina per la prima volta a questo programma può trovare un modo nuovo di intendere ed utilizzare la DAW, che indirizza l'utente ad utilizzare più l'immaginazione e la sperimentazione, cosa molto utile per chiunque si cimenti nella produzione musicale, di musica elettronica e non. Per tutti gli utenti già registrati, il nuovo upgrade è completamente gratuito, quindi non c'è nessun motivo per non entrare nel mondo dei VST. Consigliatissimo!

 
propellerheads reason
Link utili
Propellerheads Reason
Altro da leggere
Pubblicità
Reason 7...
Reason 5 in azione......
Novità da Propellerhead! Reason 5 & Record...
Commenti
di gerlop [user #44005] - commento del 21/07/2017 ore 10:41:06
il problema delle daw è che bisogna avere un computer della nasa...
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705] - commento del 21/07/2017 ore 10:49:18
Ciao Gerlop,
se usi la DAW per mixare, con un normalissimo computer moderno puoi affrontare qualsiasi sessione di lavoro. Se invece produci e utilizzi molti virtual instruments si, hai bisogno di una macchina ben corazzata. In ogni caso può essere di aiuto utilizzare qualche piccolo accorgimento. Se sei interessato qui puoi trovare qualche tecnica riguardante la latenza: vai al link
Rispondi
di gerlop [user #44005] - commento del 21/07/2017 ore 19:59:09
grazie per la dritta, ciao
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705] - commento del 21/07/2017 ore 20:23:15
Prego Gerlop ;) ciao
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Yamaha NS-10: i primi nearfield studio monitors
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
Come equalizzare la voce
L'equalizzatore: che cos'è e come funziona
Back To Basic: cos'è e come funziona il Compressore
Plugin of the week
Plugin Of The Week - Sonimus SonEQ FREE
Soundtoys EchoBoy Jr. Plugin Of The Week
Waves Renaissance Compressor Plugin Of The Week
Eventide H910 Harmonizer Plugin Of The Week
Klanghelm IVGI Saturation & Distortion Plugin Of The Week
Waves SSL G-Master Buss Compressor Plugin Of The Week
Kush Audio Clariphonic DSP MkII Plugin of The Week
Slate Digital VerbSuite Classics Plugin Of The Week
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964