HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Cry Baby nel 2017 tra basso e Black Sabbath
Cry Baby nel 2017 tra basso e Black Sabbath
di [user #116] - pubblicato il

Il 105Q ha volumi e frequenze regolabili per ammiccare agli envelope filter. Il Geezer è disegnato per il midrange aggressivo del bassista dei Black Sabbath.
Ideato nel 1966 e commercializzato a partire dall'anno successivo, Dunlop festeggia i 50 anni del Cry Baby con due edizioni espressamente dedicate ai bassisti. Il wah wah per basso elettrico rivedono le frequenze per conservare la presenza delle fondamentali e lavorare in maniera più efficiente sul range medio e acuto, aggiungendo incisività nel mix e personalità.

Cry Baby nel 2017 tra basso e Black Sabbath

Per realizzare il Cry Baby Bass modello 105Q, i progettisti hanno rivisto alla base il disegno del Cry Baby originale, adattandone le fondamenta al suono e alla risposta dello strumento. Aggiornato per il 2017, trova la sua ispirazione nei classici envelope filter di MXR, con un range abbondante e un timbro ideale per arricchire groove funk quanto parti soliste.
L'escursione del pedale sposta il picco di risonanza in avanti per far uscire di più sugli altri strumenti il suono durante l'apertura del filtro verso gli acuti.

Per una flessibilità totale, Dunlop lo ha dotato di due manopole aggiuntive. La Q dà una sonorità più incisiva e a fuoco sulle medio-alte o per un tono più morbido e regolare su tutta la gamma, agendo in maniera diretta sull'ampiezza delle frequenze toccate dal wah. Il volume è infine un'aggiunta indispensabile per ricevere un boost negli assolo

Basato sul potenziometro proprietario Dunlop, il 105Q offre il sistema di spegnimento automatico quando il piede viene sollevato dalla pedana. Un trimmer interno consente di regolare il ritardo con cui l'effetto viene disinserito.
Moderno e pratico, conta su un'alimentazione standard da 9 volt con negativo centrale e un comodo scomparto per sostituire la batteria senza svitare la base dello chassis.



Per le celebrazioni dei 50 anni di wah wah non poteva mancare all'appello uno dei musicisti più distintivi del panorama. Geezer Butler è indicato come il primo bassista ad aver utilizzato un Cry Baby su un disco, e anche sul palco il pedale è diventato parte integrante dei suoi show.
Tarato sui gusti e le necessità del bassista dei Black Sabbath, il Cry Baby Geezer si spoglia di ogni regolazione superflua e offre ai fan l'escursione aggressiva e i medi prominenti tipici dei momenti solisti di Butler.

Cry Baby nel 2017 tra basso e Black Sabbath

Per vedere più da vicino i due nuovi wah wah per basso di Jim Dunlop vi consigliamo una visita sul sito, qui per il Bass 105Q e qui per il Geezer. In Italia, saranno entrambi disponibili grazie alla distribuzione di Eko Music Group.
black sabbath cry baby 105q cry baby geezer effetti e processori geezer butler
Link utili
Cry Baby Bass 105Q sul sito Dunlop
Cry Baby Geezer Butler sul sito Dunlop
Sito del distributore Eko Music Group
Altro da leggere
Pubblicità
Absolute Destruction: guasti controllati in...
J Rockett Audio Design sfida la plexi con...
Andy Timmons in edizione limitata con BB...
Il Big Muff Op Amp ritorna a prezzi umani...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964