CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
LD System Maui 5 tanta potenza 11 chili
LD System Maui 5 tanta potenza 11 chili
di [user #116] - pubblicato il

Il sistema Maui 5 è l’ultimo nato in casa LD System. È piccolo e leggero ma eroga una potenza di 200w rms con 800w di picco. Cinque coni al suo interno tutti con magneti al neodimio per contenere il peso senza rinunciare a potenza e definizione. Lo abbiamo testato in varie situazioni ed ecco il risultato.
Il Maui 5 è un PA compatto, realizzato dalla LD System per essere estremamente leggero. È un impianto completo perché al suo interno ospita anche un mixer a quattro canali e collegamento bluetooth, ma andiamo con ordine. 

La costruzione è in ABS, un sistema che permette di non far ingrassare troppo la struttura ed è composto da quattro diverse parti. Il core è nella base che ospita oltre al subwoofer da 8’’ con un taglio intorno ai 120Hz anche il DSP e l’amplificatore in classe D tutto sviluppato dall’azienda stessa. Ha un sistema bass reflex che aumenta la percezione delle basse e dona una maggiore dinamica su questo range di frequenze. Il satellite invece è composto da 3 parti, unibili tramite un sistema di incastro molto rapido che non necessita di alcun cavo. Solo in uno dei 3 elementi (che uniti raggiungono quasi ii due metri di altezza) sono ospitati i quattro coni da 3 pollici che si occupano di mid e hi range. Non è necessario montare tutti e tre gli elementi si può optare anche per il montaggio diretto del diffusore sopra il subwoofer per un impianto dalle dimensioni ancora più contenute. 

LD System Maui 5 tanta potenza 11 chili

Il mixer ospitato onboard è completo di tutto ciò che serve per far suonare un duo o un trio. Abbiamo a disposizione un ingresso di linea stereo con connessioni combo jack xlr a cui seguono nell’ordine un ingresso per microfono, uno per strumenti e un mini jack per lettori mp3 pc e affini. A disposizione c’è anche la pratica connessione bluetooth che permette di connettere un dispositivo e riprodurre in modalità wireless la propria musica. 

A disposizione ci sono parecchi controlli a partire dal master che controlla il volume generale a monte del quale troviamo hi-boost e il sub volume. Questi intervengono separatamente su testa e sub e permettono di adattare al meglio la risposta dell’intero PA. Per ogni canale poi troviamo un volume dedicato per mixare al meglio il risultato che si vuole ottenere. 

Abbiamo provato il Maui in diverse situazioni a partire dalla semplice diffusione di musica. Il sistema risponde bene anche a volumi contenuti, mantenendo una bella definizione anche quando i coni non sono sollecitati a dovere. La netta separazione data dall’altezza a cui sono montati i tweeter permette di avere un ascolto ottimale e l’apertura di quasi 120°x20° aiuta a non perdere definizione e potenza nemmeno quando ci si sposta all’interno della sala. 

Con gli strumenti la situazione cambia, bisogna tirare su il volume con decisione per mantenere la stessa impressione di potenza e precisione del suono. Questo è pressoché normale quando si utilizzano microfoni e strumenti al posto di musica prodotta masterizzata e compressa a dovere, è sintomatico. Il Maui però non viene messo in crisi, anzi, alzando il volume oltre la metà dà il meglio di se. Anche con un contrabbasso sparato direttamente nell’ingresso combo senza DI il risultato è limpido e grosso quanto basta. Il cono da 8’’ regge alla perfezione e non dà segni di cedimento. Le voci escono brillanti, forse leggermente troppo frizzanti sulle frequenze più alte, ma questo può variare in funzione soprattutto del microfono utilizzato. 

La potenza è risultato sufficiente per coprire anche stanze di 100mq. Ovviamente con 200w lineari non avremo certo la spinta per scuotere le pareti con un DJ set, ma per situazioni live più di intrattenimento, sottofondo, si hanno a disposizione tutti i watt di cui abbiamo bisogno. 



Il Maui con un prezzo che si aggira attorno ai 500 euro è un prodotto davvero ottimo. Un PA leggero e performante che non viene messo in crisi nemmeno da strumenti ostici come il contrabbasso. Sicuramente troverebbe giovamento nell’utilizzo di un mixer esterno che possa aggiungere equalizzatori e riverberi su tutti i canali utilizzando poi gli ingressi di linea dell’LD System per mandare il segnale al PA. È un prodotto con un design innovativo e ricercato che non sfigura in nessuna situazione. È l’ideale tanto per la piccola band che vuole trasportare tutto in una valigia (disponibile come accessorio e ospita tutti e quattro gli elementi) quanto per il locale che vuole avere un PA dall’ottimo rapporto qualità prezzo. Il plus del mixer incorporato e del bluetooth completano un prodotto già in partenza efficace. 

LD System è un marchio distribuito in Italia da Adam Hall
impianti audio ld system maui 5
Link utili
LD System è un marchio distribuito in Italia da Adam Hall
Visita il sito LD System
Mostra commenti     9
Altro da leggere
L'LD System P900 arriva nei negozi
LD System U506 HHD2: due radio al prezzo di uno
Adam Hall al Namm tra audio e luci pro
Gli LD Stinger G3 inaugurano a Berlino il The Venue Berlin
La serie Turbosound iQ spiegata
Seguici anche su:
News
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964