HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.
Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.
di [user #116] - pubblicato il

Il concerto degli Offspring a Lignano (Udine) è stato una festa: grande musica, incorniciata da una notte d’agosto caldissima e incantevole. Offspring potentissimi e divertenti ma altrettanto ganze le altre due band in apertura: scanzonati e originali i Rumatera; micidiali per sound e perizia esecutiva i Millencolin.
Prima di parlare dello show due parole sulla location perfetta: il concerto si è tenuto all’interno dello stadio  Stadio Comunale G. Teghil. Impagabile, per il caldo afoso di ieri, potersene stare in un prato verde di erbetta fresca, all’aperto, in un’area totalmente ventilata. Pochi metri da fare per scatenarsi nella bolgia a ridosso del palco, altrettanto pochi per passeggiare verso i lati del palco, tutti costeggiati da chioschi di birre, panini da potersi gustare seduti sull’erba, al fresco. Essendo poi lo stadio in una zona balneare, fantastico vedere una fetta di pubblico arrivare sul prato, allo show, in infradito e boxer, direttamente dalla spiaggia. Magari tutti i concerti all’aperto, d’estate, fossero così!

Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.

Aprono la serata i Rumatera e sono uno spasso. Il trio di punk rock veneto se la cava alla grande e fa divertire il pubblico. Trio ( basso, chitarra e batteria ) hanno un gran suono (la Les Paul del chitarrista sparata nel Mesa ha davvero una cartella notevole) e gran parte del pubblico conosce e canta i loro pezzi. La loro idea di prendere il canovaccio musicale del punk californiano e cucirgli addosso lifestyle e storie del ragazzotto veneto godereccio e campagnolo è vincente. Sono irriverenti ma risultano autentici, freschi, efficaci, divertenti e, soprattutto, personali. Anche musicalmente, tengono egregiamente testa alle due band di mostri sacri a cui aprono. Insomma, fanno una gran figura. Sarebbe carino integrassero la formazione con una seconda chitarra, magari capace di appoggiare qualche pad al synth, perchè è un peccato che ricorrano (anche se in maniera davvero minimale) a sequenze su base che, forse, non valorizzano un set così ruspante e verace. Quando i  Rumatera attaccano il loro inno “Rumatera morti de figa” (manifesto programmatico della proposta scanzonata, leggera e divertente della band) sale palco ad animare lo spettacolo una scatenata Lady Poison, ballerina performance. Il pubblico impazzisce: canta, balla e si scatena. Un ottima apertura di serata. Bravi Rumatera.

Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.

I Millecolin vengono dalla Svezia e sono una band di punk rock tra le più rispettate dagli addetti ai lavori. In effetti, sono fenomenali. La cura dei suoni è eccezionale e il sound del bassista (Music Man dentro un Ampeg SVT) è da manuale: un treno di suono grosso, scuro e potente che dal palco ti arriva, diretto, in mezzo alla fronte.  Anche il lavoro delle chitarre è mostruoso (Gibson in testata Mesa su cabine Marshall 4x12). Le ritmiche sono suonate con straordinaria efficace e perizia e sono pulitissime, feroci. Ma per quanto tecnicamente - a livello di sound ed esecuzione - siano sicuramente i più forti della serata, il loro set diverte, conquista per la perizia ma non decolla. I pezzi si susseguono l’uno troppo simile all’altro e l’adesione totale, la cura assoluta dell’iconografia musicale punk rock alternative ,li rende perfetti ma forse un po’ anonimi. Però ripeto: se dovessi consigliare a un produttore, un fonico o a un musicista una band micidiale per studiare quel tipo di suono e approccio - dopo averli ascoltati live ieri sera - non avrei dubbi: suggerirei i Millecolin. 

Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.

Arrivano, finalmente, sul palco gli Offspring e per prima cosa balza agli occhi la mancanza del loro celebre chitarrista Noodles. Noodles è considerato uno dei più efficaci e moderni chitarristi punk rock, è endorser Ibanez e ha addirittura un suo modello signature. Qualche settimana fa, Noodles aveva annunciato che per improvvisi motivi famigliari avrebbe dovuto rinunciare a seguire la band in tour, dicendosene, ovviamente, più che dispiaciuto (dal 1985 gli Offsring non avevano mai suonato senza di lui). Al suo posto Noodles ha designato come sostituto  Todd Morse della band H2O, riconfermando alla seconda chitarra Tom Thacker dei Sum 41 (che già rinforzava il sound della band nei recenti show). Morse ha fatto un lavoro eccellente: imbraccia la stessa chitarra di Noodle e si veste come lui. Il suono è lo stesso e tutte le parti di Noddle sono studiate, tirate a lucido ed eseguite perfettamente.

Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.

Gran parte del pubblico, infatti, non solo non nota differenze di stile e suono ma pare proprio, nemmeno accorgersi della mancanza di Noodle. Tant'è che proprio il lavoro delle chitarre è il fiore all’occhiello della performance degli Offspring che ai due chitarristi Morse e Thacker,  aggiungono anche i riff e power chord potentissimi del leder e cantante Dexter Holland  (con al collo una nuova Les Paul Ibanez ARZ). Gli Offspring suonano precisi come un disco ma con un’energia e un vigore  live che rende lo show una goduria. Holland tiene il palco con fierezza, un pizzico di strafottenza e fa capire di avere abbastanza attributi per essere capace - da solo - di tenere in piedi un grande show, anche senza il suo alter ego alla chitarra. 

Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.

Irresistibile il siparietto nel quale Holland e il “finto Noodles” Morse si sfidano su chi riesca a dare maggiore refrigerio al pubblico assiepato e bollente sotto al palco. Parte Holland con una bottiglietta d’acque che schizza sulle prime file. Morse risponde sparando e svuotando un’intero estintore pieno d’acqua sul pubblico.  Chiude la partita, arrivando a centro palco Holland con una pompa d'idrante con la quale letteralmente annaffia e inonda  tutte le prime file. Bagnato e rinfrescato, il pubblico riacquista tutto il vigore per scatenarsi nella successiva “Pretty Fly (for a White Guy)”, il pezzo più potente, ballato e cantato della scaletta.

Offspring, Millencolin & Rumatera dal vivo.

Foto di Simone di Luca
Link utili
Il sito degli Offspring
Il sito dei Rumatera
Il sito dei Millencolin
Azalea, promoter della serata
Altro da leggere
Pubblicità
The never ending soundcheck...
Slash dal vivo!...
Paul Gilbert - Prima tappa italiana del Tour 2013...
Steve Vai e la chitarra che suona da sola...
Pubblicità
Simple Minds in concerto...
Carmen Consoli, in punta di plettro...
Caro vecchio Sting...
Kenny Wayne Shepherd: tripudio di chitarra blues...
Sting dal vivo...
Osvaldo Di Dio: nel blues anche un errore può essere bello...
Commenti
di Sykk [user #21196] - commento del 06/08/2017 ore 08:52:18
ooooh finalmente si parla un po' del buon vecchio punk rock.
Tra l'altro a parte gli Offspring che erano una delle band più quotate, all'epoca ascoltavo parecchio anche i Millencolin, che per il grande pubblico sono stati sempre più in secondo piano rispetto ad altri.
Rispondi
di THE_Luke [user #31235] - commento del 07/08/2017 ore 21:01:1
I Rumatera hanno sempre avuto due chitarre. L'ultimo album è stato registrato con una chitarrista direttamente recuperata negli States, dopo un divertente "talent" sponsorizzato da Aperol. Fa bene vederli su un bel palcone in un evento del genere!
Rispondi
di GianniJanaRojatti [user #17404] - commento del 07/08/2017 ore 21:37:47
Sì, l'anno passato assieme ai Dolcetti li avevamo incrociati a un festival dividendo il palco. E li ricordavo con due chitarre, con appunto la ragazza americana alla seconda chitarra. In questo live però ce n'era una sola con qualche rinforzo in base. Bravissimi!
Rispondi
di rockit [user #11557] - commento del 08/08/2017 ore 16:53:48
Nell'ultimo album e ultimo tour hanno ridotto i ranghi e viaggiano come trio. Più che le chitarre, che secondo me rendono alla grande anche così, a me manca la terza voce che faceva gran differenza, spesso. E forse il fatto che mancasse già nel penultimo tour è alla base della decisione di ricompattare la formazione, visto che non ci hanno perso molto.
Sempre forti.
Mi fa piacere che anche gli Offspring si tengano in forma, io li vidi per il tour di Americana al Palaverde, concerto assolutamente devastante. Pretty Fly nemmeno la fecero quella volta. Poi con gli album successivi li ho un po' persi, ahimé.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Giacomo Anselmi: la nuova via è a otto corde
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964