HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La gamma Nux in Italia con Frenexport
La gamma Nux in Italia con Frenexport
di [user #116] - pubblicato il

La serie Core, la multieffetto Cerberus con IR a bordo, l'ampli Stageman e tutto il catalogo Nux saranno in Italia con Frenexport, con altre novità in vista.
Settembre si avvicina e il mercato riserva già grosse notizie per il periodo autunnale: da questo momento, il catalogo di effetti e amplificatori Nux sarà presente sul territorio italiano con la distribuzione esclusiva di Frenexport.

L'azienda spiega che particolare attenzione sarà prestata alla promozione e alla distribuzione di prodotti innovativi e di recente ideazione come la Cerberus, pedaliera multieffetto con quattro moduli analogici più la potenza degli Impulse Response, e l'amplificatore Stageman per chitarra acustica. Non manca all'appello l'apprezzata linea di pedali Core, nelle edizioni Mini e anche con le nuove Deluxe che hanno visto i maggiori successi Nux in delle versioni ampliate nelle funzioni e tecnologicamente aggiornate.

La gamma Nux in Italia con Frenexport

I prodotti saranno disponibili da subito, e per la fine dell'anno sono attese altre novità. Nux va ad affiancarsi in Italia a marchi come Kay, Belcat, Blade e Peace Drums, e sarà presente sul territorio in tutti i punti vendita serviti dalla distribuzione di Frenexport.
Per approfondire la conoscenza dei prodotti Nux e della distribuzione di Frenexport, vi consigliamo una visita sul sito ufficiale a questo link.
amplificatori effetti e processori frenexport nux
Link utili
L'annuncio sul sito Frenexport
Pedaliera Nux Cerberus
Nux Time Core aggiornato
Ampli Nux Stageman
Altro da leggere
Pubblicità
EHX Superego diventa Plus...
Dr. Z torna al british anni '60...
Victory dedica una monocanale di atipica...
Tender Octaver ora con tre modalità e dry...
Pubblicità
Commenti
di Aynrand [user #35588] - commento del 26/08/2017 ore 11:00:06
Devo dire che sono estremamente soddisfatto del Cerberus, in più di venti anni di chitarra non ho mai messo insieme una pedaliera fisica, proprio per il problema del tip-tap o pedali da riconfigurare al volo, il tutto associato all'ansia da live. Il Cerberus salva tutti i parametri come un qualsiasi multieffetto digitale (che ho usato sempre al minino dal vivo), ma paradossalmente l'assenza del "deep editing" rende più facile e intuitivo trovare il suono che si cerca, almeno per quanto mi riguarda.
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 29/08/2017 ore 10:38:26
Ciao, visto che sto guardando con interesse anch'io al cerberus, ma sono indeciso tra quello e l'Ms3 di Boss, mi puoi inviare in privato una tua impressione del primo. Preciso che suono hard rock/heavy metal per cui mi interessa molto la distorsione, punto debole di molti multi effetto e motivo per cui ho nel mirino l'MS3: così utilizzo i miei pedali distorsori.
Grazie e ciao
Rispondi
di Aynrand [user #35588] - commento del 29/08/2017 ore 13:21:05
Nessun problema, vorrei fare una recensione ma in questo momento non ho proprio tempo.
Rispondi
di Neogia70 [user #41568] - commento del 29/08/2017 ore 15:38:0
Sto aspettando che consegnino anche a me il Cerberus, aspettavo un prodotto così da anni (da quando ho mollato il Carl Martin QUATTRO per assenza di un sitema di presets) . Dovrebbe arrivarmi settimana prossima ma avere dei feedback anche da qualche accordiano che già lo possiedo non sarebbe male ......
Rispondi
di Aynrand [user #35588] - commento del 29/08/2017 ore 16:01:28
Se c'è qualche cosa in particolare che ti interessa sapere chiedi pure ;)
Rispondi
di Neogia70 [user #41568] - commento del 29/08/2017 ore 16:15:59
Grazie Mille !!!

1 - Volevo giusto sapere le impresssioni sui suoni, io l'ho comprato praticamente a scatola chiusa ed ascoltato solo i pochi video review su YouTube, per il resto non ho conoscenza dei pedali Nux quindi un feedback sulla grana sonora non mi dispiacerebbe visto che tu lo hai

2 - La sezione Drive/Distortion come lavora? Il funzionamento mi sembra lasci spazio a molte soluzioni utilizzando anche i due in cascata o in parallelo. Il distorsore mi sembra molto orientato alle sonorità marshall ....è gestibile per sonorità blues secondo te ? Asociato con il drive - entrambi con bassi livelli di drive - mi da l'idea che ci si possa tirare fuori dei buoni suoni saturi

3 - Il passaggio dalle modalita preset a quella manual mi sembra piuttosto chiaro ed immedito. Quello che mi domandavo è : se io nel Preset 1 ho un suono con drive+chorus+delay e decido di editare il solo parametro del drive aumentando il gain. Quando vado a salvare come si comporta la macchina? A- mi salva solo il pramaetro editato lasciando invariati tutto il resto (anche se i vari pot sono messi in maniera strapalata rispetto ai prest originale) B - mi salva lo stato delle manopole in quel momento quindi non solo il Gain che ho cambiato, ma anche i pot degli altri parametri coinvolti? (in questo caso il chorus ed il delay?)

4 - E' possibile creare un preset con dist+rev in on e magari salvare il drive in OFF (in modo da accenderlo soltanto in caso serva)? Idealmente creo di si ma visto che lo hai magari mi dai conferma

5- sai nulla della nuova interfaccia software per la gestione del Cerberus? Io ho solo letto di un work in progress ma in un video di YouTube mi sembra di aver visto una demo ....

Grazie in anticipo
Rispondi
di Aynrand [user #35588] - commento del 29/08/2017 ore 21:54:22
La possibilità di usare OD e Dist in serie o parallelo è sicuramente una delle sue caratteristiche più utili, in questo senso le ho già provate tutte, che si combinassero alla perfezione (in serie) già me lo immaginavo, ma il gran suono che si può ottenere mettendole in parallelo mi ha veramente stupito.

Il distorsore è orientato all'heavy come l'overdrive al blues (un colpo al cerchio e uno alla botte). E' il clone del JHS Angry Charlie, una distorsione bilanciata e leggermente compressa, mentre l'overdrive è il mitico Blues breaker, stranoto per essere ottimo sia da solo che come booster. Come comparto drive la scelta è stata di assoluto buonsenso non c'è che dire.
Io ho un testata monocanale solo clean con il mio inseparabile plexitone che nel stistema dei 4 cavi sta nell'out del comparto drive prima del input dell'ampli, sempre acceso, quello è il mio suono di base e con davanti il comparto drive del Cerberus posso ottenere migliaia di suoni diversi.

Per i punti 3 e 4 confesso che devo ancora provare, non voglio dare risposte inesatte. In ogni caso il passaggio da preset a manual e da banco a banco sono assolutamente immediati.

Riguardo al suonare in diretta nel mixer, bisogna tenere conto che Cerberus (per fortuna) è completamente privo di preamp sia hardware che software, l'ultima volta che ho tentato di mettere la mia testata nel fx loop di un multieffetto, ho rischiato la scomunica, con Cerberus, il tempo di attaccare i cavi e tutto era già a posto, la simulazione di fabbrica è più che decente, molto fenderosa, si possono comunque ottenere suoni utilizzabili anche senza un preamplificatore davanti. Per quanto riguarda il sofware, io mi affido ai canali ufficiali ma ancora pare che non ci sia nulla di scaricabile, se mi sbaglio fammelo sapere!

Marco

Rispondi
di Aynrand [user #35588] - commento del 02/09/2017 ore 09:57:56
Un aggiornamento su Creberus:
Nella pagina facebook ufficiale di NUX è comparso un video di anteprima dell'Editor vai al link, a quanto pare il software non servirà solamente a modificare le simulazioni di cassa, ma anche gli effetti digitali, come dimostrato da questo altro video di sviluppo che riguarda uno Shimmer :vai al link
La prima versione ad essere rilasciata sara quella per Mac.

Inoltre, per Cerberus, Loop Core e Loop Core Deluxe è già disponibile sul sito NUX il format converter per le simulazioni di cassa.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Curiosità
Così nascono le chitarre Martin
Ola Englund molla Washburn per un ottimo motivo
Il più grande insegnamento di Rudy Rotta
Dischi e recensioni
A&R e case discografiche: il complesso lavoro dell'Artist & Repertoire
Angolo DIY
Thinline di recupero homemade al 100%
Trasformare la chitarra in una lap steel
Interviste
Sebo Xotta e la chitarra muccata
Osvaldo Di Dio: nel blues anche un errore può essere bello
Jeff Loomis: Jason Becker e il suo vibrato
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964