HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
di [user #116] - pubblicato il

La Music Man signature di St. Vincent arriva in quattro modelli limitati per il nuovo album. In colori neon, saranno anche oggetto di un'estrazione.
Il nuovo album di St. Vincent è in arrivo. Il 13 ottobre sarà sugli scaffali, e l'eclettica chitarrista sarà partita per un tour mondiale già il 7 ottobre. Per la presentazione di Masseduction, questo il nome dell'ultimo lavoro, Music Man presenta un'edizione speciel omonima della sua signature, ma le quantità saranno estremamente limitate.

St. Vincent in edizione speciale per Masseduction

La Music Man St. Vincent signature è tra le chitarre più singolari del catalogo americano. Le forme squadrate e aggressive della solid body offrono una buona ergonomia e un aspetto moderno al tempo stesso, e la dotazione tecnica ne fa uno strumento particolarmente performante e versatile.
Per l'occasione, la chitarra è declinata in quattro colorazioni neon, ispirati alla linea grafica del disco. Le finiture disponibili - coprenti su tutto il corpo, il manico e la paletta - saranno Blue, Lime, Pink e Orange, sulla quale il battipenna bianco è sostituito da uno con stampa leopardata.

St. Vincent in edizione speciale per Masseduction

Ne saranno prodotti solo dodici esemplari e saranno reperibili attraverso rivenditori selezionati in tutto il mondo. Per conoscerne l'eventuale disponibilità in Italia, vi consigliamo di contattare Mogar Music, distributore del marchio Music Man nel nostro Paese.
È una buona idea, inoltre, tenere gli occhi puntati sul sito Ernie Ball e sul sito ufficiale di St. Vincent, perché cinque altre chitarre saranno estratte a sorte, e le modalità di partecipazione saranno rese pubbliche nei prossimi giorni.

Nel video di presentazione della signature, così St. Vincent raccontava la storia della sua Music Man e del suo avvicinamento al mondo della musica.



La St. Vincent signature si basa su un body in mogano africano, con un manico in acero e una tastiera in ebano. Tre mini-humbucker offrono un output relativamente sostenuto e libero da rumori di fondo, da personalizzare con un selettore a cinque posizioni e regolare mediante due soli potenziometri di volume e tono master.
Il ponte mobile Ernie Ball Music Man consente escursioni anche di una certa importanza senza soffrire per tenuta d'accordatura, e a questo contribuiscono senza dubbio le meccaniche Schaller autobloccanti.
chitarre elettriche masseduction music man st vincent st vincent signature
Link utili
Sito St. Vincent
Masseduction sul sito Music Man
Sito del distributore Mogar Music
Altro da leggere
Pubblicità
Doheny: G&L punta sulle offset...
Schecter cerca te per la Extreme Legacy...
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie...
La Duelsonic è un nuovo concetto di...
Pubblicità
Commenti
di coltrane [user #15328] - commento del 16/09/2017 ore 18:04:25
Provata in negozio, mi da l' idea della chitarra che vuol essere moderna, talmente moderna che poi ha un balance tonale che non va bene praticamente in ogni sound, Non ci sono confronti con altri modelli di pari prezzo, vedi una bella schecterina di livello.
Rispondi
di Rothko61 [user #32606] - commento del 16/09/2017 ore 19:22:59
A me le chitarre devono anche piacere... e questa, secondo il mio personalissimo giudizio, è una delle più brutte in circolazione.
Rispondi
di catoblepa [user #33960] - commento del 17/09/2017 ore 01:18:59
si Rothko61 ...
da estimatore delle Music Man (ho parecchie Luke & Silouette) devo - con molto dispiacere - essere d'accordo con te: un vero 'aborto clandestino'
buona musica a tutti neh!
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 17/09/2017 ore 07:46:21
è molto retrò/futuristica, la vedo bene in una puntata dei Jetsons o sul palco di chi suona musica anni '60.
Certo se in quegli anni Gibson avesse affiancato a Explorer e Flying V anche una chitarra con questa forma, adesso saremmo tutti li a volerne una.
Rispondi
di RedRaven [user #20706] - commento del 17/09/2017 ore 20:25:50
vado controcorrente: esteticamente è una delle poche forme nuove che trovo belle, un classico moderno. La paletta si sposa poco col body a voler essere puntigliosi, ma insomma. Non so come suoni non avendola provata, ma c'è un altro problema: viene una fucilata.
Rispondi
di pickuppato [user #44299] - commento del 18/09/2017 ore 12:16:28
Dalle panche da osteria passiamo al grembiulino da colf...la prossima un aspirapolvere? ;)
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 18/09/2017 ore 12:16:59
A guardarla bene non la trovo cosi brutta come al primo sguardo, secondo me bisogna farci l'occhio perche' il design e' davvero azzardato, i tre mini humbucker la rendono estremamente versatile a mio parere, personalmente adoro il suono di quel pick up al manico della mia Les Paul, bisogna vedere come suonano questi, di sicuro saranno piu' spostati sulle alte rispetto all'humbucker full size, sono d'accordo con chi afferma che la forma della paletta non c'entra nulla con la forma del body: probabilmente non hanno voluto rinunciare alla riconoscibilita' del Brand dalla paletta....personalmente l'avrei disegnata coerente con il body....materiali di qualita', tastiera in ebano, finiture semplici ma fatte bene ed il il prezzo e' allineato con quello di una normale Custom Shop Fender, Music Man da tempo ha dimostrato che la qualita' dei suoi strumenti non ha nulla da invidiare a casa Fender.....difficilmente ne comprero' una ma se lo facessi di sicuro sarebbe arancione con la battipenna leopardata
Rispondi
di ADayDrive [user #12502] - commento del 18/09/2017 ore 14:05:48
Anch'io nutro perplessità sulla paletta (capisco le necessità del brand ma non c'entra nulla) però la chitarra è originale, ha pure una sua cifra sonora e poi (fattore non affatto secondario) l'artista titolare mi piace e mi sta pure simpatica. Leopardo tutta la vita, comunque.
Rispondi
di RedRaven [user #20706] - commento del 20/09/2017 ore 20:55:55
Lei quando suona pare in playback, non so, sembra non sapere dove mettere le mani :)
Rispondi
di ADayDrive [user #12502] - commento del 21/09/2017 ore 09:21:45
Eh, dissento, lei è una che sa molto bene il fatto suo, si nota anche dal fatto che ama circondarsi di vecchi volponi, vedi batterista e collaborazioni varie... Non è chitarrista rock, è una musicista completa che utilizza lo strumento come uno dei tanti colori disponibili su una tavolozza.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie da Accordo
La Duelsonic è un nuovo concetto di chitarra stereo
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
Migliora i tuoi accompagnamenti: Mamma Mia
Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile
I più commentati
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie da Accordo
La Duelsonic è un nuovo concetto di chitarra stereo
I migliori assolo di Corrado Rustici con Zucchero
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
Perché il fuzz genera un'ottava superiore?
I vostri articoli
Quattro suoni che non possono mancare nella tua pedaliera
di aleZ
Fender Mustang GT 100: prova su strada
Il silenzio in pedaliera
Se tutti suonassero l'ukulele...
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964