HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Ologramma di Frank Zappa in tour: Dweezil non ci sta
Ologramma di Frank Zappa in tour: Dweezil non ci sta
di [user #116] - pubblicato il

Dweezil non parteciperà al tour che vedrà protagonista l'ologramma di suo padre Frank. Con lo slogan "No Fake Frank", dichiara guerra al Zappa Family Trust.
Dweezil Zappa, figlio d'arte di Frank che da diversi anni porta in tour la musica del padre con il progetto Zappa Plays Zappa, era ai ferri corti col Zappa Family Trust già da tempo. Il recente annuncio di un imminente tour con un ologramma di Frank come frontman e una schiera di musicisti storici a fargli da supporto è stato la proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso.
Questo è il tweet comparso sul profilo di Zappa poco dopo la diffusione del comunicato ufficiale riguardo l'inizio dei lavori sull'ologramma.

Ologramma di Frank Zappa in tour: Dweezil non ci sta

Il riferimento non è esplicito, ma i fan hanno colto al volo e un utente gli ha chiesto: "Deduco che il tuo nome sia stato usato nel comunicato stampa senza il tuo permesso?". La risposta è stata un semplice "Corretto".
Più tardi, Dweezil spiegherà che non ha nessuna intenzione di partecipare al tour, dissociandosi completamente dal progetto.

Ologramma di Frank Zappa in tour: Dweezil non ci sta

Non è la prima volta che il chitarrista si scontra a muso duro con la sua famiglia. Alla morte della madre nel 2015, i diritti del Zappa Family Trust sono passati ad Ahmet e Diva Zappa, lasciando fuori Dweezil e Moon Zappa, i maggiori.
In passato non sono mancati i dissapori, ampiamente documentati dallo stesso Dweezil, principalmente nati intorno ai suoi tour "Zappa plays Zappa". La famiglia ha tentato più volte di diffidare Dweezil dall'uso del marchio Zappa, e come risultato ha ottenuto il recente spettacolo chiamato "50 years of Frank: Dweezil Zappa plays Whatever the F@%k He Wants - The Cease and Desist Tour".
Il titolo del tour è un riferimento alla lettera mandatagli dagli avvocati del Zappa Family Trust, un'intimazione di "cease and desist" in cui si "invita" Dweezil a cessare ogni attività musicale legata all'opera di Frank Zappa, compreso l'uso dei nomi Zappa e Dweezil, i suoi stessi cognome e nome di battesimo, che sarebbero entrambi "un marchio registrato appartenente al Zappa Family Trust".
Il sottotitolo dello show, letteralmente "Dweezil Zappa suona il c***o che gli pare", è una risposta più che diretta alla faccenda.

Ologramma di Frank Zappa in tour: Dweezil non ci sta

L'ologramma è l'ultima mossa del Trust, e anche qui la battuta di Dweezil non si è fatta attendere. Sul suo sito è già possibile vedere le nuove magliette "No Fake Frank", slogan di una campagna di sabotaggio che non mancherà di far discutere nei prossimi mesi.
concerti curiosità dweezil zappa eventi frank zappa
Link utili
L'ologramma di Frank Zappa
Le t-shirt sul sito di Dweezil
La documentazione della diatriba
Dweezil Zappa intervistato su Accordo
Altro da leggere
Pubblicità
La folle chitarra a 17 corde di Jared Dines...
Come nasce un piatto di batteria: scuole a...
Boutique Guitar Showcase: il meglio della...
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton...
Pubblicità
Commenti
di Claes [user #29011] - commento del 26/09/2017 ore 17:28:13
Total madness!!! ZTF must be out of their minds! Per prima cosa, hanno introito derivante dai diritti per le edizioni musicali - cioè SIAE per concerti dal vivo e implicita promozione dei lavori passati di FZ. Per adesso, tutto è un giro di avvocati da $$$ che non hanno interesse altro che $$$ a lungo possibile. I clienti reciproci possono però trovare una soluzione negoziata face-to-face e costringere gli avvocati a provvedere ai documenti del compromesso raggiunto. Per esempio 5-10% a ZTF su quello che è la paga per il live e derivati. La stessa percentuale a Dweezil su entrate merchandising - queste a cura di ZTF (e non saranno "fake" Zappa).
Trademark copyright violation: che non ci si possa chiamare Zappa di cognome e neanche Dweezil di nome... mi pare folle. C'è di certo di mezzo una severa diatriba in famiglia!
The Others Of Intention: insomma, cambiare nome - i fans capiranno - bad publicity is good publicity!
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 27/09/2017 ore 14:07:00
tutto il mio rispetto a Dweezil!
Rispondi
di Guycho [user #2802] - commento del 01/10/2017 ore 07:33:01
L'unica attività degna di nota è il lavoro di Dweezil, il resto è parassitaggio.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Curiosità
La folle chitarra a 17 corde di Jared Dines
Come nasce un piatto di batteria: scuole a confronto
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton torna in vendita
L'ultimo singolo di Dale Crover è anche un piatto
Le corde a tensione fissa che potrebbero rivoluzionare la chitarra
Dischi e recensioni
L'ultimo singolo di Dale Crover è anche un piatto
A&R e case discografiche: il complesso lavoro dell'Artist & Repertoire
Angolo DIY
Interviste
Giacomo Anselmi: la nuova via è a otto corde
Intervista a Daniele Tedeschi: "Non siamo mica gli americani"
Fago e Migi: da Kiko Loureiro al backstage di Ibanez Rg Tour
Sebo Xotta e la chitarra muccata
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964