HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Ampli Valvolare 400-500€
di [user #47351] - pubblicato il (Modificato) 

Voglio prendere un ampli valvolare, combo o non a massimo 500€.
Suono in casa, ma in futuro probabilmente suonerò in piccoli spazi.
Le mie domande sono queste e vi prego di rispondere chiaramente GRAZIE
1)I valvolari con Gain diviso da Volume, devono essere un po' tirati per lavorare bene?
2)Che Wattaggio mi servirebbe per avere un buon volume casalingo (non sono in un condominio) SIA IN DISTORTO MA ANCHE IN UN CLEAN MORBIDO?
3)Mi ha offerto un mio amico una testa Bogner Alchimist a 300€. Cosa ne pensate?
4) Nel caso che cassa mi consigliereste?
GRAZIE ANCORA 
Dello stesso autore
Cassa per casa....
Commenti
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/10/2017 ore 09:38:28
Premessa, ogni ampli a valvole suona meglio quando lo spremi un pò, o meglio lavora al suo g-spot, questo non vuol dire che un valvolare di ridotta potenza suoni bene come un 100W ma ad un volume più basso, ma non è vero neanche il contrario, dipende dall'ampli, dalla costruzione, ci sono picolini tipo il Fender 5e3 da 12Watt che ti tirano giù i muri se vuoi oppure ampli da 100watt gestibilissimi in casa.
L'importante è che l'ampli sia gestibile, tanto comunque dentro le mura i un appartamento sarà sempre troppo per qualcuno.
Ad esempio il mio Bassman lo uso tranquillamente in casa e rispetto all'hot rod deluxe che avevo prima è molto più gustoso ed utilizzabile.
Per ripondere alle tue domande:
1. si e no per quanto detot sopra, i controlli ti permetteranno di far saturare l'ampli (di pre) però a volume infimo non suonerà mai bene come ad un volume decente, c'è da tenere in considerazione che il cono deve muoversi un pò ;)
2. dipende dall'ampli, con l'hotRod che avevo prima 40W era sempre troppo forte, con il Bassman adesso riesco ad avere un volume non fastidioso con un buon suono, per il distorto dipende se prendi un multicanale non hai grossi problemi ma le limitazioni di cui sopra, se prendi una monocanale hai solo il clean per i drive devi dotarti di pedali.
3. se non lo prendi tu lo prendo io a 300Euro
4. una 2x12
Rispondi
di DavideLP [user #47351] - commento del 11/10/2017 ore 14:01:21
Beh per far lavorare il cono basta prendere una cassa con wattaggio giusto, tipo 25W, no?
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/10/2017 ore 14:41:19
no se intendi sparargli dentro un quarto di Watt, non è così semplice, la coperta sarà corta comunque bisogna capire a cosa preferisci rinunciare.
Partendo dal presupposto che ci vorrebbe un ampli per ogni occasione, il compromesso vorrebbe che sia più praticabile togliere volume che aggiungerne, nel senso che se ho un ampli che suona forte posso farlo anche suonare piano mentre se prendo un 15/20W rischio che al primo batterista pestone il mio clean sia andato a farsi benedire.
Vuoi un ampli trasportabilissimo che suona benissimo a qualsiasi volume, che tiene un clean praticamente uguale per tutta l'escursione del volume e che sia progettato apposta per rendere al meglio con i pedali? Guarda la Gurus 5015 otto chili di qualità ed un prezzo che sull'usato si discota pochissimo dal tuo budget.
Rispondi
di AlexEP [user #35862] - commento del 11/10/2017 ore 10:03:18
Ho appena preso un Hiwatt T20 (€ 540 circa). Pulitissimo, due canali, mangiapedali lavora a pentodo e triodo: a triodo puoi alzare il master e farlo lavorare bene anche in casa.
Rispondi
di Zoso1974 [user #42646] - commento del 11/10/2017 ore 10:17:38
Come wattaggio starei tra i 15w e i 30W... anche se alla fine non è quello che fa la differenza.
L'importante, per quello che vuoi tu, è avere due canali e un master volume... e soprattutto prendere un modello che non necessità di essere sempre spinto per suonare bene.
Se prendi un monocanale, per suonarci in casa, devi andare di pedali.
Come cassa io ti consiglio una 1x12. Per peso e dimensioni.
La 2x12 ovviamente suona meglio, ma portarla in giro è più rognoso, e ovviamente ti limita un pò con i volumi sonori visto che spara di più.
Se poi prendi un combo... occhio al peso, sopra i 20Kg rischi di odiarlo velocemente...
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 11/10/2017 ore 10:19:24
Non sto a parlare di quanto devi "tirare" un ampli o del wattaggio migliore perchè semplicemente non ha senso, la storia è diversa di ampli in ampli e parlare di "potenza" in questi termini è impossibile.

Ti dico invece che la Bogner Alchemist, per quel prezzo, è uno degli acquisti più azzeccati che tu possa fare: un pulito marcatamente Fender e mangiapedali e un distorto molto caratteristico, leggermente compresso e decisamente "grosso" in pieno stile Bogner. Con la sua cassa 2x12 fa un'ottima accoppiata, altrimenti ti vedi "costretto" a una cassa tipo Palmer per stare nel budget. Non posso che consigliartelo se in buone condizioni: eccoli da un "pulito pulito" fino a un distorto bello grintoso.
vai al link
vai al link
vai al link
vai al link
vai al link

PS. I video della Bogner stessa sono i più realistici che si trovano in rete in base a quello che ricordo di questo ampli...
Rispondi
di paolo_vain [user #47377] - commento del 11/10/2017 ore 10:23:21
Ciao
1) In casa è impossibile spremere a dovere un valvolare. E la resa di 1w non è esattamente la stessa di 30W. E' una cosa difficile da spiegare, un valvolare bello spinto da proprio qualcosa in più.
2) A mio avviso per suonare in casa e in piccoli spazi, 5w valvolari bastano e avanzano. Anzi, un po' hai anche da risparmiare nella corsa del volume. Il problema non è tanto nello spazio, quanto l'abbinamento di un batterista, un bassiste ecc. Con 5 w valvolari in casa ti sembra di spostare le pareti, poi lo porti in saletta, e (sempre che non sia un trio jazz) il batterista ti porta via e ti fa tornare a casa innervosito. Fermo restando che non bisogna arrivare a 100w, ma il resto della brigata lo si addomestica spesso anche con un ampli 25w. Altra parentesi, dipende anche tutto da quanto deve essere pulito il tuo pulito, perché se cerchi un pulito hi-fi, forse un po di potenza in più non guasta.
3) Alla luce di quanto sopra io, anche per questioni di ingombro, lascerei l'Alchemist al tuo amico, che magari lo vende anche a qualcosa in più. Sponsorizzo molto il Peavey Classic 30 e il Laney VC30, come ampli da indecisione e terre di mezzo tra casa, sala o chissà cosa in futuro. Si comportano egregiamente in tutte le circostanze.
4) Quoto la 2x12, perché può sempre venir bene, ma in casa una 1x12 basta e avanza.

Aggiungo una cosa, se la previsione è di suonare in casa, o comunque da solo, potresti non aver bisogno di ampli come quelli che ho consigliato, mi spiego: a casa è molto appagante la ricerca del suono e spesso ci troviamo ad aver costruito un suono più corposo, ricco di basse perchè ci sembra più bello e coerente coi nostri standard di ascolto. Poi andiamo in saletta e il setup di casa si traduce in una pasta che semplicemente non esce tra gli altri strumenti. Questo per dire che Classic 30 e VC 30, forse in casa potrebbero non appagare, ma suonando con altri, bucano molto bene.
Potresti dare una possibilità ad una Hughes & Kettner Tubemeister 5 o anche 18.
Ciao!
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/10/2017 ore 11:56:07
Davide chiede dei consigli e giustmente porti il tuo contributo, c'è però da precisare che quando dici "che magari lo vende anche a qualcosa in più" riguardo all'Alchemist la verità è che il prezzo a cui lo vende è stracciato, ci sono in giro ex demo a 500Euro e nuovo costava ben di più.
E' un ampli che ben poco ha da spartire con il Classic30 soprattutto in termini di resa sonora sia pulita che distorta, tutte le volte che l'ho provato mi ha sempre deluso abbastanza, anche se visto il prezzo a cui si trova in giro è sicuramente un ampli per iniziare interessante, in più l'Alchemist ha molte features interessanti: potenza switchabile ed oltre al riverbero hai anche il delay.
Rispondi
di paolo_vain [user #47377] - commento del 11/10/2017 ore 12:16:32
Sì, infatti intendevo dire che magari appunto lo vende meglio. Comunque sono d'accordo che sia un buon ampli. Dico solo che secondo me è un po grosso, ingombrante e non si sposa con un uso casalingo. Nel mio immaginario non ha senso avere in casa una testata da abbinare ad una 2x12 che tira giù i muri. Ma per me neanche in sala ha molto senso, infatti sposo appieno la politica di gran parte delle marche di ampli di produrre qualcosa di dimensioni e peso più contenuti. 30w spesso sono più che sufficienti per ogni uso. E' la solita storia, al netto di una microfonazione (se dovesse servire), a mio parere è sempre meglio avere un oggetto che non ti faccia passare la voglia già in fase di trasporto. E di roba molto buona ce n'è parecchia secondo me.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/10/2017 ore 13:08:17
beh una testata rispetto al combo può risultare meglio per l'uso casalingo, in casa tengo una 1x12 ed in sala una 2x12 anche il trasporto rispetto al combo può essere più vantaggioso, in più l'Alchemist può essere switchato a 20w che in casa ma anche live può essere utile, riguardo alla microfonazione ti dirò che la curo di più nei locali piccoli anche suonanado un ampli da 40w su 4 coni da 10.
Poi scusa ma perchè una 2x12 dovrebbe tirare giù i muri rispetto ad una 1x12? mica è il cono che fa la potenza.
Per quanto riguarda la potenza ribadisco che è una questione esclusivamente di progetto, prova a suonare un AC30 di quelli nuovi ed una JCM800 da 100W, secondo me per suonare in casa sceglieresti la seconda... concordo con te che l'ampli non debba anche essere trasportabile nei limiti però, non a scapito della qualità.
Rispondi
di paolo_vain [user #47377] - commento del 11/10/2017 ore 12:19:27
P.S.
Poi in merito alla resa sonora è tutta questione di gusti, me lo aspetterei e mi meraviglierei del contrario (vista la differenza di prezzo) che l'Alchemist possa dare qualcosa in più di un Classic 30, però lavorando solo con le orecchie e senza farmi troppo condizionare dalla firma, il Classic 30 non mi è suonato niente male. Il Laney come rapporto qualità prezzo è ovviamente anche meglio.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 11/10/2017 ore 16:00:02
se parli di Laney mi viene in mente il Lionheart L20T-212 veramente un bel giocattolino...
Rispondi
di ciofhalen [user #44278] - commento del 11/10/2017 ore 10:26:29
Egnater Rebel 20..Tanta potenza e super versatilità..hai il mix di valvole (6v6 ed el84), gain e volume separati, loop effetti, 3 uscite a diversi ohm per le casse, e il wattaggio variabile da 1 a 20 watt..se ti va leggi la mia mini-recensione qui su accordo ;)
Rispondi
di paolo_vain [user #47377] - commento del 11/10/2017 ore 10:29:48
Si bravo, anche questo è un bell'ampli.
Rispondi
di aghiasophia [user #35493] - commento del 11/10/2017 ore 11:34:25
Condivido totalmente la premessa fatta da aleck.
Aggiungo solo qualcosa sull'Alchemist, avendolo posseduto. Quando l'acquistai, per timbirica e resa sonora, pensavo di aver preso se non al'ampli-per-la-vita, una bestiola che mi avrebbe lungamente accompagnato. Sbagliavo. Dopo meno di un anno, e dopo nemmeno chissà quante prove, ho cominciato a riscontrare difficoltà nel cambio da un canale all'altro, fino alla totale impossibilità di pilotare tale operazione via pedaliera. Addirittura, prima dell'impossibilità di switchare completamente dal pulito al distorto, l'ampli diede segni di autentica follia: volevo passare dal Gold al Mercury e mi si innescava il delay, volevo aggiungere il riverbero al clean e si attivava il distorto. Un inferno! Provai con la sostituzione della pedaliera, ma non era lì il problema. Anche un amico con cui suonavo spesso all'epoca aveva riscontrato precedentemente problemi analoghi con la versione testata, a cui francamente non diedi peso prima dell'acquisto del mio combo pensando si trattasse di problematiche connesse a quell'esemplare o un particolare lotto.
L'ampli mi fu parzialmente rimesso a posto da un tecnico che mi spiegò di essersi trovato di fronte a problemi di natura progettuale. Ovviamente, prendi con le pinze ciò che ti dico. Magari fu un mio momento di sfiga epocale, anche perchè di lì a poco ebbi pure dei problemi con una Single Rectifier, però mi è parso successivamente di leggere interventi in rete basati su esperienze analoghe alla mia.
Rispondi
di 77casual [user #25849] - commento del 11/10/2017 ore 15:19:15
Sarò breve.
Orange Tiny Terror.
Lo trovi sia combo sia testa.
Se testa, una cassa una 2x12.

Rispondi
di kik [user #44337] - commento del 11/10/2017 ore 16:51:34
Cerca nell'usato un Mesa/Boogie Studio 22+ (il combo con equalizzatore)
Rispondi
di DavideLP [user #47351] - commento del 11/10/2017 ore 17:46:47
Allora vi spiego bene.
Ho 16 anni, suono per il momento solo a casa. A ca sa mia non ci sono problemi di volume alto, semplicemente non voglio che dia fastidio a ME un volume eccessivo.
Ho pure una cantina dove volendo potrei pestare ancora di più di quanto faccio in camera.
Prossimamente vorrei trovarmi qualche amico con cui suonare, ma tanto, portarmi 10Kg come 20Kg, combo o testata e cassa è uguale. Di certo non me li posso portare a spalle fino a dove suonerei.
Quindi a me pare di aver capito che 300€ per quella testa siano ottimi, come è di buona qualitá la testa stessa. Poi abbinandola a una buona cassa col volume giusto (che so se sono 20W-30W-40W-10W) verrebbe fuori una cosa buona, o no?
Ceh non è che se la testa è leggermente sovradimensionata è un problema giusto?
Poi come si svilupperá la mia tecnica, quindi se vorrò usare pedali o no, se sfrutterò più i clean o i crunch ecc... Non lo so neanche io. Suono da questo febbraio ma la chitarra mi da sempre più soddisfazioni, quindi sento il bisogno di cambiare quel catorcio a transistor di ampli che ho.
Cosa dite quindi?
Grazie davvero
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 11/10/2017 ore 17:57:51
I watt non indicano il volume e la cassa va scelta in base alla potenza (i watt, appunto) e all'impedenza (ohm) della testata. La Bogner Alchemist essendo una testata master volume non ti creerà problemi come volume, è molto gestibile.

Un altro amplificatore che farebbe decisamente a caso tuo e che, forse, mi piace anche più della Alchemist è il Peavey ValveKing 20MH, dovresti trovare però l'offerta giusta perchè in genere viaggia sui 470 solo testata. Questo amplificatore sarebbe anche meglio gestibile della Alchemist: è più piccolo, ha più features interessanti (controllo valvole, uscita bilanciata con cassa simulata) e, in generale, offre una maggiore versatilità.
vai al link
vai al link
Rispondi
di DavideLP [user #47351] - commento del 11/10/2017 ore 18:02:24
Capisco, però so giá che anche un valvolare modesto mi sembrebbe un'apparizione divina, abituato come sono al mio ampli. E ho trovato questa Bogner, che: se va bene per le mie esigenze, a un prezzo molto buono, in più da una persona di cui mi fido e che conosco... Mi pare sia la scelta più sensata :D
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 11/10/2017 ore 18:48:15
Si, la Bogner è buona a quel prezzo. Provala bene, assicurati che sia a posto e nel caso, se ti piace, prendila senza remore :-)
Rispondi
di Sparklelight [user #41788] - commento del 12/10/2017 ore 08:31:23
L'unico consiglio utile di cui hai bisogno è di andare in un negozio a provare qualche amplificatore, possibilmente con una persona esperta.

Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Le vostre esibizioni
Happy 2017!!
Rockabye!!...anche se non molto rock... :)
I'm On Fire
Capriccio n. 20 con GKG R36
Breve impro su "How Insensitive"...
di luvi
I vostri articoli
Fender Stratocaster FSR '60 Japan
Un'acustica made in Texas: Jamie Kinscherff High Noon
Quattro effetti per rubare il lavoro al tuo tastierista
di aleZ
DiMarzio Chopper S
Le chitarre di Keith Richards al No Filter Tour 2017
I compleanni di oggi
lazydaniel
MALGA
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964