HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Dentro l’OUT Side Studio: l’accordatore
Dentro l’OUT Side Studio: l’accordatore
di [user #116] - pubblicato il

Accordare lo strumento è la prima cosa da fare quando si inizia a suonare, sia su un palco che in studio. Proprio in questa situazione possiamo dedicare a questo aspetto un’attenzione particolare come ci racconta Michele direttamente dalla sala di regia.
Per non sbagliare di accordatori Quaini in studio ne ha diversi, o almeno sbagliare di meno. Ecco quindi che dopo il classico Polytune Mini in pedaliera spuntano vicino alla Radial JD7 un Korg e un Peterson a rack, due macchine molto performanti e con diverse funzioni. Il Pitchblack Pro è un’unità rack che permette di scegliere tra la modalità standard e quella stroboscopica. Grazie ai numerosi led garantisce la massima precisione grazie al 3D Visual Meter Display. 

Il Peterson è invece l’Enterprise degli accordatori. È un vero computer dotato di un doppio display LCD. Il primo che graficamente permette di accordare sempre o in modalità standard che stroboscopica, il secondo racchiude il menu. Qui si possono scegliere numerosi preset. Si può scegliere oltre al tipo di strumento anche l’accordatura aperta o con il capotasto. Questo modifica i parametri di ogni corda in modo da ottenere sempre il massimo del risultato. 

Quando da accordare, invece, ci sono le acustiche, Michele si affida alle clip da paletta. Sempre TC Electronic e Peterson. Il primo, semplice e bello da vedere permette di accordare più corde contemporaneamente. Il Peterson, a costo di mangiare batterie che nemmeno una Prius sul passo dello Stelvio, racchiude tutte le funzioni del fratello maggiore a rack, con i dovuti distinguo dovuti al display decisamente più piccolo. 

Ma lasciamo la parola a Michele che dall’OUT Side Studio ci racconta nei minimi dettagli l’uso che fa di questi aggeggi. 

accordatore michele quaini studio di registrazione
Link utili
Rivedi le altre puntate di "Dentro l'OUT Side Studio"
Altro da leggere
Pubblicità
Dentro l’O.U.T. Side Studio: preamp,...
Dentro l’OUT Side Studio: la sala di...
Coccolate gli accordi e la ritmica...
Custom Shop Milano 2017: lezioni e workshop...
Pubblicità
Commenti
di fa [user #4259] - commento del 31/10/2017 ore 08:14:23
La chitarra, come ha detto giustamente Michele, è uno strumento che non potrà mai essere perfettamente accordato lungo tutto il manico. Bisogna sempre cercare il giusto compromesso. Io utilizzo in Polytune in pedaliera e mi rincuora sentire un gran professionista che conferma la difficoltà di avere uno strumento ben accordato e intonato... personalmente impazzisco quando l’accordatore segna che è tutto a posto ma il mio orecchio dice di no... non sono il solo!! Ciao Fab
Rispondi
di peppe80 [user #11779] - commento del 31/10/2017 ore 10:29:50
Io ho sempre usato l'accordatore solo per avvicinarmi il piu possibile all'accordatura "ideale", poi rifinisco sempre fidandomi dell orecchio.
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 31/10/2017 ore 18:47:15
Secondo me, anche perché mi succede spesso, il nostro orecchio predilige a volte corde più o meno accordate, ovvero leggermente sopra o di poco calanti rispetto alla nota perfetta, se poi sarà mai tale quella data dall'accordatore. Anch'io uso il polytune, il mini 2 per la precisione. Mi trovo bene ma sia per il mio gusto che per la pressione diversa che esercito sulle corde (oltre che alla chitarra che dovrebbe vedere un liutaio...), tendo ad accordare i 3 cantini leggermente sopra.
Ricordo anche l'accordatore automatizzato (tronical) che permetteva di variare questa cosa, proprio perché calante o crescente non significa sbagliato. Almeno questi sono i miei gusti :D
Rispondi
di lassie [user #24566] - commento del 03/11/2017 ore 18:48:15
In casa non uso mai l'accordatore avendo il la assoluto in testa, poi proseguo con gli armonici, tanti accordatori in commercio sono abbastanza validi, lo strobo costa tanto ed è solo scena, alcune app tuner sui tablet sono gratis e molto precisi.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Silverstone 30: recensita la prima bi-canale CostaLab
La Tele-style si fa baritona e Dean Zelinsky ne regala una
RV500: testato il super riverbero programmabile Boss
Il gran finale dell'Ibanez RG Tour
Nemphasis: il made in Italy nei negozi con Aramini
I più commentati
Guida all’acquisto: la scheda audio
PRS rinnova le SE per il 2018
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Plugin Tutorial - Soundtoys Little Plate
Un'esplosione di musica ed eventi sul palco di SHG, Music Show Milano
I vostri articoli
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Voglia di Stratocaster
Tre mesi con Helix LT
Avere o non avere il fuzz: la risposta è DOD Carcosa
Marshall 8240 Valvestate: l'amplificatore degli amici
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964