CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Usi pratici di un compressore

di [user #19927] - pubblicato il
Stavolta cerco di capirne di più per quanto riguarda un uso concreto di un comp lasciando perdere la teoria che funziona come un limiter ecc...

Ho bisogno di input per capire che uso se ne può fare, quindi VOI come lo usate? a cosa può servire? A: livellare i volumi, enfatizzare o mettere più "dietro le quinte" un frasgeggio, per avere un suono più omogeneo, per dare un aria più professionale, per avere più fluidità nei soli high gain, per "colorare" (non ho mai compreso appieno questo termine) e dare un tocco più caratteristico al sound (Gilmour?)...or what else? 

Sparate le
Dello stesso autore
Boss LS2: soluzione routing pedali?
Overhead per ripresa ampli?
Alternative all'SM57 per suono più morbido sul distorto
scheda audio e mixer insieme per registrare: si può?
Un bel distorsore anni'80
Strana domanda: quanto consuma un ampli in termini di costi?
Loggati per commentare

di Sykk [user #21196]
commento del 29/11/2017 ore 07:42:25
Ci sono un sacco di cose poco chiare e vaghe scritte sui compressori.
Io ti consiglio questo video fatto da un altro utente di accordo:
vai al link

E una cosa dalla mia esperienza: un compressore con sensibilità impostata per ottimizzare gli arpeggi non può essere usato per ritmiche funky e viceversa.
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 29/11/2017 ore 09:53:51
Il compressore fa tutte le cose che hai descritto, al prezzo di una perdita (lieve o consistente) di dinamica.
In poche parole, un compressore enfatizza le note a basso volume e schiaccia quelle ad alto volume (questo è il limiter).
Quindi hai un volume medio più uniforme, un suono più omogeneo, più fluidità. Di contro, hai meno dinamica, perché viene appunto compressa.
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 29/11/2017 ore 10:42:41
Esempi pratici:

1) suoni in una band metal e in un passaggio devi fare un arpeggio clean mentre l'altra chitarra pesta come una dannata. In casi come questo ci si trova spesso ad avere il proprio suono sommerso dall'altro e con poca intellegibilità. Il compressore ti permette di alzare il livello rms del segnale senza dover alzare necessariamente il volume, col risultato di avere un suono più intellegibile e che "galleggia" bene in mezzo agli altri strumenti, senza perdere la morbidezza della chitarra arpeggiata.
2) puoi fare un solo in clean con note lunghe, anche se il tuo suono non te lo permette. Il comp ti permette di avere la stessa risposta in sustain di un suono distorto, mantenendo però il clean.
3) devi fare dei palm muting in clean ma non si sentono. Vedi punto 2.
4) puoi livellare lo strumming con gli arpeggi.
5) puoi "allungare" un crunch senza aumentare di gain.
6) puoi boostare un distorto.
7) puoi usarlo nel send return per non far clippare l'ampli.
8) sul basso puoi usarlo per rendere lo slap meno esplosivo.
9) puoi incicciottire il suono.
10) usato sulla voce aiuta a sentire bene ogni singola sillaba mantenendo un volume relativamente basso.
11) usato sui suoni percussivi, aiuta a renderli più cicciotti e a livellare un colpo con l'altro.
E tanto, taaanto altro!
Il compressore è in generale l'effetto più difficile da settare, ma rimane uno dei più efficaci.
Nel mio gruppo per esempio lo usiamo tutti: io a rack fisso per la chitarra, l'altro chitarrista a pedale per tutti i clean, il bassista lo usa fisso sull'ampli per livellare ed incicciottire il suono e il cantante sulla voce per uscire meglio nel mix. In studio ne uso addirittura 3 in cascata solo per la cassa della batteria...
L'unica regola nell'usarlo è che un compressore è settato bene quando non si nota la sua presenza...e ci vuole molta esperienza per farlo!
Rispondi
di Gasto [user #47138]
commento del 29/11/2017 ore 11:02:15
Che figata, bella rassegna di idee!! La 2) non l'avevo mai pensata per esempio...Io l'ho sempre usato sui distorti per limitare variazioni di dinamica involontarie, sui puliti/crunch mai proprio perchè mi piace enfatizzare le dinamiche...è proprio vero che il COMP è un effetto spesso sottovalutato...almeno dal sottoscritto.
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 29/11/2017 ore 11:45:55
Magari vado un po' OT, ma livellare il suono non vuol dire necessariamente ammazzare la dinamica. Esistono 2 tipi di dinamica: la dinamica effettiva (ovvero l'effettiva variazione del volume al tocco del plettro) e la dinamica apparente o timbrica (la variazione di timbro al variare della forza della plettrata): a dispetto di quanto si possa credere, la seconda è mooolto più importante della prima, in quanto chiama in gioco la psicoacustica. In altre parole, giocando di fino con il tempo di attacco e rendendo il comp il più trasparente possibile, puoi ottenere un suono perfettamente livellato ma che ti rende comunque bene la dinamica...provare per credere! L'unico problema è che a volte i pedali sono sprovvisti di questo controllo...
Rispondi
di Gasto [user #47138]
commento del 29/11/2017 ore 12:24:33
- la seconda è mooolto più importante della prima, in quanto chiama in gioco la psicoacustica - Cosa intendi esattamente?

Mi è chiaro che il COMP interviene a un certo livello, quindi da margine per la dinamica fino a un certo punto....ehhh si, sperimentare ... è tutto li in effetti, ma il tempo è sempre così poco...
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 29/11/2017 ore 12:48:43
Intendo che la dinamica apparente ti fa percepire una variazione di volume anche quando in realtà non c'è. Esempio classico è la risposta in dinamica di alcuni ampli a valvole tirati a canna in clean: in quel caso si sente una grande differenza di dinamica tra una plettrata leggera ed una forte, ma in realtà il livello di compressione è piuttosto alto, e di conseguenza la dinamica reale è minore, solo che la compressione tipica delle valvole tende a farci percepire una maggiore differenza timbrica tra una plettrata e l'altra, con la conseguenza di farci apparire un dislivello di volume in realtà lieve come molto più ampio. Spero di non aver divagato troppo.
In ogni caso, spiegare come ottenere questo con un compressore richiederebbe un sacco di tempo. La cosa migliore è sperimentare!
Rispondi
di dylandog_89 [user #19927]
commento del 29/11/2017 ore 17:54:10
proprio questo mi serviva sentire, ti ringrazio molto per gli esempi! per curiosità tu che rack usi?
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 29/11/2017 ore 18:01:5
Per il momento ho modificato un vecchio Behringer mdx2600. Ho dovuto vendere il dbx1066 per questioni di soldi...ma appena posso me lo ricompro!
Rispondi
di dylandog_89 [user #19927]
commento del 30/11/2017 ore 19:21:26
grazie ancora!
Rispondi
di MojoKingBee [user #39456]
commento del 29/11/2017 ore 11:34:39
per le ritmiche funky è un must
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 30/11/2017 ore 10:26:02
Il compressore è utile soprattutto su clean.
Il concetto sulla dinamica è come un attore che in certi momenti deve parlare ad alta voce e in altri sussurrare senza un compressore si avrebbero dei picchi quando urla e non si sentirebbe niente quando sussurra .
Il compressore somrza i picchi e rende intellegibile le parti sussurrate ma l'espressività c'è ancora perché il suono della voce sussurata e gridata è diverso non cambia solo il volume.
Allo stesso modo quando devono campionare un suono ad esempio di un piano non è sufficiente campionarlo una sola volta per ogni singolo tasto e variare solo il volume ma bisogna campionarlo molte volte pestando sui tasti con diverse quantità di forza.
Se usi un compressore sceglilo con la possibilità di miscelare il suono diretto a quello compresso perché si può regolare meglio e renderlo più trasparente.
Consiglio Xotic SP Compressor io ho quello vero ma ora c'è simulato anche dentro Helix.
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 30/11/2017 ore 14:02:25
...come un attore - giusto! Ho un pezzo da cantare, da registrare e che mi fa dannare ormai da parecchio tempo - parte da un sussurro! Uso un JoeMeek VC1 rack, analogo, veramente brutale e un micro-settaggio da una parte richiede sino a parecchi settaggi modificati da un'altra e c'è pure un enhancer a bordo, utile ma pericoloso. Chi come Pearly opina che un compressore deve essere trasparente, ha ragione specialmente per la voce che da sempre necessita compressione per quando si registra. E dipende pure da microfono e canzone. In realtà, non c'è un settaggio universale...
Per altri usi, pure a catena come esemplifica Fabrimix! I vantaggi digitali per la chitarra sono evidenti... pedaliera con patches! Poi 1-2 pedali extra per assoli al volo da sustain infinito.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964