HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Kit di montaggio con acustica
Kit di montaggio con acustica
di [user #116] - pubblicato il

“Bausatz” (che in tedesco vuol dire: “Kit di montaggio”) è l'ultimo album del chitarrista acustico Luca Francioso e contiene sette brani interamente composti ed eseguiti con la loop station. L’album è prodotto dal chitarrista Massimo Varini, che ha curato anche il mastering del disco. Un lavoro fresco, piacevolmente bizzarro e realizzato benissimo. Ce lo siamo fatti raccontare dall'autore.
Com'è nata l'idea di questo disco?
“Bausatz” è nato dal desiderio di mettermi in gioco e di rinnovare il mio linguaggio, un’esigenza che ho avvertito alla fine dell’anno scorso. Ho iniziato così a lavorare su alcune idee, ma ogni volta mi imbattevo su soluzioni già sperimentate. Così, a un certo punto del processo compositivo, ho cambiato direzione e ho azzardato un approccio bizzarro, provare cioè a realizzare qualcosa di gratificante con qualcosa che non mi piace. Ho scelto dunque di provare a comporre con la loop station, considerato che non l’ho mai amata molto. L’ho sempre vista come una sorta di intrusa nel mondo fingerstyle, per la natura stessa di questo stile esecutivo. E invece, devo ammettere che mi sono divertito un bel po’ a scoprire tutte le sue potenzialità. È stato un’esperienza fortemente didattica.

Ma incidere un disco con la loop station significa registrare delle performance live?
Dopo aver fatto lunghe chiacchiarate con molti artisti che già ne fanno uso, ho scelto di non usare la loop station in fase di registrazione, ma di utilizzare la ripresa microfoinica della mia chitarra, creando i vari loop con il software utilizato per le incisioni. In questo modo, oltre a ottenere una qualità sonora superiore, ho potuto gestire al meglio la stereofonia, cosa che dal vivo, con la loop station che utilizzo, non è possibile.



Quindi, in fase di registrazione, hai inciso le varie sezioni separatamente? 
Esattamente. Ho composto tutti i brani con la loop station, in lunghe sessioni live, perché l’obiettivo era quello di poter suonare tutti i pezzi dal vivo così come gli avrei incisi. Poi, però, in studio ho realizzato le riprese singole di ogni parte, opportunamente combinate tra loro con sovraincisioni.

Per incidere hai usato un click?  
Sì, assolutamente. Ritengo che per un disco di questo tipo sia inevitabile.

Suonare a click ti permette di prendere e combinare le sezioni di varie take di uno stesso brano...
Esatto. Per alcuni brani, in alcuni tratti, ci sono sette o otto chitarre che suonano contemporaneamente: se tutto non è perfettamente in griglia, l’insieme potrebbe non funzionare.

Raccontaci l'apporto di Massimo Varini in veste di produttore.
Ci sarebbe molto da dire. Massimo è un grande artista, ma soprattutto è una persona speciale e lavorare con lui è stato davvero semplice e naturale. Oltre a realizzare il mastering dell’album, si è curato della produzione esecutiva del progetto, appoggiando con grande rispetto le mie scelte, senza mai impormi una sua idea, atteggiamento invece che ho sperimentato in produzioni passate. Mi ha dato moltissimi consigli e insieme abbiamo discusso su quale direzione artistica e sonora dovesse prendere il lavoro. Gli devo molto. Per me è stata un’opportunità di cresicta umana e artistica di notevole importanza!

Ci descrivi la strumentazione utilizzata?
Per la composizione, che poi è il setup che mi ha accompgana dal vivo, ho usato la mia Cole Clark Angel 2E-BB, il multieffetto ZOOM A3, l'octave Boss OC-3 e la loop station Digitech JamMan Stereo. Tutto cablato con cavi Reference. Per le registrazioni ho usato la mia Cole Clark, un basso acustico Epiphone, il microfono AKG c-414, il Duet della Apogee e Logic, con i suoi plugin nativi. Poi Max ha realizzato il mastering nel suo studio.

interviste luca francioso massimo varini
Link utili
Il sito di Luca Francioso
Altro da leggere
Pubblicità
Chitarra acustica: l'assolo di "To Be With You"...
Chitarra Acustica - Insidie da pop anni '80...
Quadriadi e rivolti: un esercizio intelligente...
Tommy Emmanuel: sonorità da Banjo...
Pubblicità
Tommy Emmanuel: rolls alla Atkins...
Semplicità, personalità e la musica nel cuore...
Country & Fingerstyle: pattern con corda a vuoto...
Scrivere e studiare in tour...
Blues, accordi di settima & swing ...
Per scrivere musica servono le emozioni...
Bonamassa: pace con la chitarra acustica...
La canzone che avrei voluto scrivere io...
Nick Johnston: esercizi, pattern & fraseggi in legato...
Commenti
di MM [user #34535] - commento del 30/11/2017 ore 14:21:40
Bellissime produzioni, complimenti.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Il suono di chitarra dei miei sogni. Parola di Johnston
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964