HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Primo valvolare
di [user #46924] - pubblicato il (Modificato) 

Ciao ragazzi, come da titolo sono alla ricerca del primo ampli valvolare. Dopo il primo annetto di lezioni passato in compagnia di un mustang 1 vorrei finalmente quel suono caldo che solo le valvole possono darti. Ovviamente essendo un novellino suono solo in casa (per ora) quindi non ho bisogno di wattaggi esagerati. Mi sono documentato parecchio su internet e ho ben chiaro il concetto del riscaldamento delle valvole a volume più alto e del problema del wattaggio con l'ambiente casalingo. Non cerco una sonorità ben precisa ma, per chi conosce i preset del mustang, utilizzo maggiormente il british 80, british 60 e il twin reverb ovvero rispettivamente la simulazione di ampli marshall, vox e fender (almeno credo) quindi sonorità tipicamente rock e blues.
Inizialmente la mia scelta era ricaduta sul marshall dsl 15c ma, dopo aver fatto un salto dal mio liutaio di fiducia, mi è stato proposto un peavey classic 30 usato a 450 (ma ha già detto che può scendere quindi penso che a 400 lo porterei via). L'ho ascoltato giusto qualche minuto e mi è sembrato ottimo anche a basso volume, con puliti e riverbero buoni e un'ottima distorsione. Oggi dovrei andare a provarlo con un mio strumento per capire se è ciò che cerco. La mi domanda è cosa ne pensate a riguardo? è un buon ampli? ci sono ampli migliori per i generi ai quali punto? Mi consigliate di provarlo con la strato american standard o con la epiphone les paul standard con dragon 2?
Scusate se sono un po' logorroico ma vorrei fare il giusto acquisto.
Intanto vi ringrazio in anticipo per la pazienza e un'eventuale risposta.
Dello stesso autore
Ciao ragazzi, in questi giorni mi sto...
Sondaggio: scambiereste una epiphone les...
Commenti
di dale [user #2255] - commento del 01/12/2017 ore 12:12:13
Provalo con le tue chitarre, ci piazzi davanti un bell'overdrive e vai con dios.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 01/12/2017 ore 12:33:15
"vorrei finalmente quel suono caldo che solo le valvole possono darti." scusa se mi permetto, ma è un luogo comune. Dici aver suonato finora solo su un Mustang 1, per cui desumo che non hai mai provato altro, per questo motivo mi permetto di dire che formuli un giudizio di preferenza basato solo su documentazione online o pareri indiretti, e non su esperienza personale. Cosa ti fa pensare che anche un buon (se non ottimo) transistor non possa avere un suono "caldo"? Roland Jazz Chorus, Peavey Bandit 112, Tech21 TM60 sono solo alcuni esempi di ottimi transistor, dal timbro caldo e dinamico, che se ascoltati in un blind-test metterebbero in difficoltà parecchi sostenitori delle valvole. Dico questo per spronarti ad allargare la tua ricerca non solo sui valvolari quanto anche sui transistor (non digitali nello specifico), che oltre al vantaggio della minore cura di attenzioni (e di manutenzione=denaro) che richiedono, hanno anche quello di poter essere utilizzati in ambienti casalinghi anche a volumi molto bassi, tipo da studio di notte per intenderci. I valvolari al contrario si esprimono bene se viene sfruttata al meglio la loro tecnologia, che si traduce quindi nel far lavorare le valvole ad un certo regime e ad un certo volume. Spesso in casa questo non è possibile e quindi ci si trova a possedere l’agognato ampli, costretto a lavorare sotto soglia con conseguente degrado del suono e frustrazione personale. Venendo alla tua domanda: ho avuto in passato il Peavey Classic 30, ottimo valvolare e per la mia esperienza anche affidabile. Lo usavo in sala prove e per live e solo in un paio di occasioni l’ho suonato a casa. Ti dirò…è possibile suonarci a casa ma è veramente frustrante, non esprime il suo potenziale. 30w sono tanti credimi e se puoi suonare solo a volume 0,5 o 1, il Peavey non suona come saprebbe. Anche dal vivo, microfonato, non andavo mai sopra al 2 o 3 di volume, spesso dovevo abbassarmi (e suonavo rock, hard rock). Alla fine l’ho venduto e sono tornato al mio fedele Peavey Bandit 112 del 2005 che tuttora uso con grande soddisfazione. Se invece hai la fortuna di non avere vicini e quindi gestire i volumi che ti pare, allora il Classic 30 lo consiglierei. Per un discorso di economia e di minore manutenzione comunque ti consiglio di provare qualche transistor buono (Peavey o anche Hughes&Kettner), hanno dinamica, calore e buone distorsioni sfruttabili a bassi volumi. Il consiglio è di provare quanti più strumenti possibili, in modo da farsi una propria idea in base alle proprie esigenze. Con quale chitarra? Hai 2 chitarre molto diverse…provalo con entrambe!
Rispondi
di fabiojay [user #20826] - commento del 01/12/2017 ore 12:34:1
non ci sono solo le valvole per avere un suono caldo... io ti consiglio tutti i prodotti dv mark
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 01/12/2017 ore 16:06:32
il vero problema casalingo per me, non sono le valvole e neanche il wattaggio. il vero problema casalingo è: in che contesto vivi? che rapporto hai con il vicinato? hai dei muri che isolano, o hai dei muri di cartone? in che fascia oraria suoni usualmente? anche perche se no io non suonerei da una vita in condominio con dei valvolari da 100W!
ricordati sempre che al vicino non importa che diamine di ampli usi, ma a lui interessa solo non essere disturbato dai rumori, che magari qualcuno li tollera, ma qualcun altro no. se hai appurato già queste cose, e sei idoneo da tutto ciò, beh allora non preoccuparti della tipologia di ampli, ma prendi quello che ti sfizia di +;) ciao buon acquisto:)
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 01/12/2017 ore 16:36:36
Chiken tu ha risposto correttamente, in più tieni conto poi che ci sono valvole e Valvole come ci sono transistor e Transistor e digitali e Digitali, questo vuol dire che non è solo la tipologia di ampli che può fare la differenza ma sopratutto il progetto, ci sono ampli con wattaggio importante che suonano bene anche a volumi da appartamento.
L'importante è provare, capire cosa si vuole e decidere cosa comprare, ma provare molto è essenziale.
Detto questo il Peavey Classic 30 è un onesto ampli ma te l'hanno offerto ad un prezzo un pò altino, è quanto spenderesti a prenderti un Hot Rod che nuovo costa una volta e mezza in più.
Questo è un bel prodottino vai al link
In alternativa dai un occhio alla Gurus 5015 una testata valvolare da 7kg che suona benissimo a qualsiasi volume
Rispondi
di In Time [user #47128] - commento del 01/12/2017 ore 23:26:57
del peavey ho sentito sempre parlar bene ma non l'ho mai provato
punto 2 sedondo me 30w in casa son troppi, certo che vecchio mio hai mezionato tutte e tre le timbriche storiche..buona ricerca pero ricorda....lascia stare il marshall dsl...mi spiace dirlo ma e' una porcheria che non viene usata nemmeno al 6 raggio di San Vittore....chi c'e al 6 raggio ?..
ve lo lascio immaginare...
Rispondi
di Giovanni093 [user #46924] - commento del 03/12/2017 ore 11:19:10
Allora partendo dal presupposto ho avuto occasione di sentire qualche transistor e nn mi hanno colpito, il peavey usato è stato venduto il giorno dopo per mia sfortuna. Ovviamente ora ragionando sul nuovo mi sono ricordato dell’orange th 30 combo che mi è capitato di sentire la settimana scorsa e devo dire che mi aveva piacevolmente sorpreso: distorsione e crunch ottimi, puliti sorprendentemente buoni (non suono tanto con i puliti ma non li disprezzo). Ha anche il riduttore di potenza per casa rispetto al peavey. Ho ascoltato pure l’hot rod ma per fare rock americano alla guns e acdc non è proprio il massimo. Quindi per ora sono indeciso tra peavey e orange. L’orange ha il ridutorre di wattaggio utile per casa (ma so che si puó aggiungere anche al peavey), il peavey ho già visto che anche a 2 suona molto bene, oltretutto in più ha boost, riverbero a molla e, a detta del liutaio, un’ottima manutenzione. Secondo voi su cosa dovrei buttarmi?
Rispondi
di alexus77 [user #3871] - commento del 04/12/2017 ore 06:30:11
E' ancora il miglior combo valvolare entry level. 400 mi sembrano ancora troppi, ma non frequento il mercato. E' fatto negli USA o in Cina? Se e' uno con lo chassis squadrato vecchio stile fatto in USA, e' una bomba. Due soldi per valvole, cono e cambio cavo cono e suona alla grande.
Rispondi
di AlexEP [user #35862] - commento del 05/12/2017 ore 09:53:54
Prova l'Hiwatt t-20c. Valvolare, cinese ma fatto coi controcaxxi, ha 5 valvole, possibilità di splittarlo a triodo (3 valvole e 9W) suono pulitissimo, due canali (distorsioni inutili, ma a me serviva il canale pulito) lo uso tranquillamente a casa. Usato lo trovi per la cifra che ti interessa.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Esercizi per chitarra acustica
​Aria XP05, la regina del sustain
HyVibe è la chitarra acustica che fa da multifx amplificato
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
I vostri articoli
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Segna-posizione fashion con poca spesa
Trasformare una chitarra in un tres cubano
I compleanni di oggi
ilparola
alessio326
giored
jimbo93
sgstratomike
LeleOne1957
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964