HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il Warped Vinyl diventa HiFi
Il Warped Vinyl diventa HiFi
di [user #116] - pubblicato il

Tutto analogico, ma con la potenza del controllo digitale, il chorus Chase Bliss si aggiorna alla terza edizione con l'etichetta HiFi e nuove sonorità.
Nato in origine per replicare l'effetto di un vecchio vinile rovinato dal tempo, in tre edizioni il Warped Vinyl è diventato una vera fabbrica di modulazioni e vibrati, forte di una qualità sonora di primo livello e un pannello particolarmente ricco di controlli.
Sulla scia del delay Tonal Recall già testato su Accordo per La Boutique Di Osvaldo, il Warped Vinyl in edizione HiFi è un chorus-vibrato completamente analogico, ma con all'interno un piccolo cervello digitale a memorizzare impostazioni e controlli così da richiamare più preset al tocco di uno switch.

Il Warped Vinyl diventa HiFi

Sei manopole e tre selettori danno al musicista il controllo completo dell'effetto, che si arricchisce di connessioni addizionali per dispositivi MIDI esterni e un pedale d'espressione dal ruolo personalizzabile.
Ben 16, i DIP switch sul dorso regolano le caratteristiche del pedale d'espressione, il ramping e le funzioni di momentary switch.

Oltre ai parametri di tono, velocità e mix, il Warped Vinyl riserva una sezione ModuShape al solo carattere delle modulazioni, con cui regolare la forma d'onda sia in fase ascendente sia in quella discendente, grazie a due selettori separati.

La nuova manopola Lag, infine, consente maggior intervento sul timbro dei chorus generando sonorità più fluide e profonde alla bisogna.
Rispetto alle edizioni precedenti, il modello HiFi vanta anche un livello di rumore ancora inferiore per sonorità più definite e brillanti.
Restano i due switch, uno per attivazione e uno per il tap tempo, e viene riproposto il selettore al centro tra i due pulsanti per memorizzare e richiamare preset.



Disponibile sugli store internazionali da fine dicembre, il Warped Vinyl è per il momento un'esclusiva Reverb in prevendita e può essere visto sul sito ufficiale a questo link.
chase bliss audio effetti e processori warped vinyl hifi
Link utili
Recensione Tonal Recall su Accordo
Warped Vinyl sul sito Chase Bliss
Altro da leggere
Pubblicità
BugCrusher: distruzione sonora analogica...
Wally+: da Hotone la loop station più...
Yamaha EAD10 trasforma la batteria in un...
Greg Howe mostra il Lick Box...
Pubblicità
Commenti
di catoblepa [user #33960] - commento del 01/12/2017 ore 18:46:24
... avete dimenticato ... "per soli 419 euro's" :(((
Rispondi
di frank5150 [user #22607] - commento del 02/12/2017 ore 11:30:48
OMG! per una cifra del genere personalmente forse opterei per un pedale tipo eventide (H9 o mod factor) o Strymon Mobius usato...
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 02/12/2017 ore 15:48:15
ma sicuramente, spendere 419 euro per un chorus è un caso clinico ahah
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/12/2017 ore 03:18:30
Non tanto clinico, direi in linea per il tipo di prodotto. Se uno strymon OLA , che è digitale, costa 349 euro, questi chase bliss che è analogico ma controllato digitalmente ha un prezzo vantaggioso.
Il Mobius non ti avvicina nemmeno un po ai suoni di questo analogico, che poi di Chorus ha ben poco alla fine.
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 04/12/2017 ore 11:58:24
----ha un prezzo vantaggioso----
alla faccia, beato te che voli cosi alto.

---Il Mobius non ti avvicina nemmeno un po ai suoni di questo analogico, che poi di Chorus ha ben poco alla fine. -------

Non so il Mobius ma dai suoni che ho sentito nel video su you tube io quando avevo l'eventide Modfactor potevo tranquillamente arrivarci, con tutte quelle forme d'onda che ha, magari con le loro minime differenze ma era possibile trovare una vastità di suoni impressionante, sono convinto che anche il Mobius non abbia problemi a farlo.

Sono sempre più convinto che ci sia una sorta di patologia nel mondo dei pedali e spendere quei soldi per un effetto che si usa di tanto in tanto perchè il chorus ed il vibrato si usano cosi, ogni tanto è una cosa folle, e mi riferisco specialmente alla tipologia del chitarrista medio, non sto parlando di un Pete Thorn ad esempio, anche se lui spesso usa gli eventide o gli strymon giustamente, visto tutte le comodità che offrono, midi si tutte a differenza di questo del video.

Il pedale è bello quanto vuoi ma non riesco a capire come si possa spendere 419 euro per un chorus/vibrato quando puoi avere un Modfactor, un Mobius o un H9 usati e spendere meno, probabilmente non avrò un orecchio cosi fine.
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/12/2017 ore 13:02:49
Ribadisco: se uno strymon OLA costa 349 euro ed è diffuso, questo per 70 euro di differenza è un altro pianeta. Se poi a te non interessa spendere per un chorus è un altro discorso è lo capisco. Ma a chi il Chorus piace e cerca combinazioni di vibrato particolari, puo scordarsi di trovare su Eventide o su qualsiasi altro digitale (Mobius in fondo alla lista) anche solo la metà di quello che fa Chasebliss in analogico. Poi vuoi mettere la.scatola di legno?
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 04/12/2017 ore 13:13:25
---se uno strymon OLA costa 349 euro ed è diffuso----
Mah sarà anche diffuso, io con tutti i concertini che mi vedo non ne ho mai visto uno in pedaliera a differenza del Mobius.

----Ma a chi il Chorus piace e cerca combinazioni di vibrato particolari, puo scordarsi di trovare su Eventide -----

Se ci smanetti bene trovi quello che vuoi con tutti quei parametri, specie con il vibrato che suonava da paura.

Ho come la sensazione che se facessero un altro chorus dal prezzo di 675 euro diresti che è molto meglio del Warped Vinyl per un motivo o per l'altro.
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/12/2017 ore 15:54:59
Ma no dai. A me piacciono i chorus e ne ho diversi sia analogici che digitali. Ho lo strymon OLA al momento in pedaliera ma ad essere sincero potrei tranquillamente sostituirlo con un mxr 234, un behringer cc300, o un digitale come il digitech cr7: una fascia di prezzo tra i 40 e i 130 euro. Ho avuto il nuovo ce2w, il tc corona, il maxon cs9 pro. Ogni chorus ha le sue peculiarità. Anche Neunaber (che ho in pedaliera) offre bellissimi chorus. Però il livello di spippolamento di un chase bliss è unico ed ineguagliabile. A cosa poi serva, non te lo saprei dire! Certo era meglio prendere (per me) un Mobius ma alla fine se vuoi scegliere le modulazioni una per una finisci in questo giro.
Comunque non spenderei mai quei soldi per un chase bliss monofonico, ma forse si per uno stereo, magari usato.. Adesso non mi venire a raccontare che non prendi mai cazzate inutili anche tu!! Non ci crederei. Quindi confessa, figliolo, i tuoi peccati e rivela in che cosa hai sperperato inutilmente euri, pentendoti. La mia lista sarebbe troppo lunga...
:-)
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 04/12/2017 ore 19:07:30
Il fatto è che ho davvero provato tanta roba e pur riconoscendo la diversa qualità dei prodotti spesso non posso credere che ci sia davvero cosi tanta differenza di prezzo e siccome è davvero un ottimo momento per i produttori di pedali nel senso che sono molto usati dai chitarristi a volte credo davvero che provino ad intortare la gente con dei prezzi assurdi.

Una volta comprai un Arion chorus che usava ed usa Scott Henderson e Michael Landau, lo pagai 50 euro spedito, suonava come uno boutique, davvero, inoltre aveva una suono Leslie tra le più convincenti che abbia mai sentito.
Ora costa di più perchè c'è stata una sorta di riscoperta.
Un altro esempio è l'Ibanez de 7 che ha una simulazione di Echo da paura, si trova a 50 euro, si potrebbe stare ore a parlare di quanti esempi ci sarebbero.

Si di cazzate inutili ne ho prese però veramente a quel prezzo, 419 euro per me deve come minimo essere un Multieffetto con diversi algoritmi, per un pedale singolo non li spenderò mai, a parte il fatto che non uso molto i chorus, vale per tutti gli effetti.

Poi intendiamoci, uno può fare quello che vuole è tanto per ragionare però lo trovo anche un pò scomodo nella gestione.
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 04/12/2017 ore 12:06:31
Tutto contestabile o meno, ognuno compra c'ho che vuole, ma mettere 2 footswitch così vicini e in mezzo una leva per me è un errore.
Troppe cose per uno stimo così piccolo.
Meglio farlo più grande e spostare due cosette.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 04/12/2017 ore 16:52:54
Giusto... Avrebbero dovuto fare un logo più piccolo e avere la levetta più in alto. 16 DIP switch? Mi pare impossibile manovrarli live tra un pezzo e l'altro!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
​Aria XP05, la regina del sustain
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Labyrinth: spiegato il super-controller CostaLab
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
TV-Tele: la chitarra TV Jones con bobina asimmetrica
I più commentati
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Esercizi per chitarra acustica
Arturia V Collection 6
Wally+: da Hotone la loop station più piccola al mondo
I vostri articoli
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Segna-posizione fashion con poca spesa
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964