CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Una chitarra classica all'estero

di [user #4070] - pubblicato il
Trovandomi a passare molto tempo all'estero e non potendo ricreare il mio home studio fatto di chitarre, synth, effetti e altro, vorrei trovare una chitarra classica da portare fuori che sia di buona qualità ma con un prezzo che non superiore ai 300 €.
Molti anni fa sarebbe stata una impresa molto difficile ma oggi, mi sembra, il mercato di fascia bassa offre molte risposte ad una domanda come la mia. Solo che non quale!
Verso che marche indirizzarmi e verso quali modelli?
Grazie. Tutti i consigli saranno bene accetti.
Dello stesso autore
Quali potrebbero essere i migliori pickup da sosti...
Boss 40th Annyversary Box Set
Pur rispettando le leggi di mercato e fatte le dov...
Solieri
Acciaio, ottone o grafite per le sellette di una strato
Quello strano odore
Loggati per commentare

di aleck [user #22654]
commento del 06/12/2017 ore 09:08:55
Di chitarre più o meno valide in quella fascia ce ne sono tante. A trovarle, le base gamma della Kremona sono ottime. Personalmente, comunque, ti straconsiglio La Patrie (tutto massello, gruppo Godin, madre in Canada) e LAG (produzione orientale, marchio francese). Queste due hanno l'enorme vantaggio per un viaggiatore di esser dotate di truss-rod e credimi, su una classica in questa fascia di prezzo un manico dritto e facilmente regolabile vale più di tante altre cose, soprattutto se dovranno viaggiare o restare insuonate con le corde tese :-)

Le la Patrie le trovi da Crismusic e sono delle chitarre molto curate e di qualità eccellente sotto ogni punto di vista, con l'unico difetto di essere leggermente "overbuilt", diciamo che non ci si suona flamenco. Sono comunque chitarre fatte per durare. Le LAG le conosco meno, ma ne ho provata una che era un piccolo gioiellino, con una bella voce e dei piacevoli intarsi in legno :-)
Rispondi
di giambu [user #4070]
commento del 06/12/2017 ore 09:19:13
Ti ringrazio della risposta. In realtà lo strumento non deve viaggiare di continuo ma restare fermo, e non suonato (!) a lungo in un altro paese.
Mi piace l'idea del massello.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 06/12/2017 ore 09:34:35
Le la Patrie Concert che Crismusic (credo e temo unico in Italia, ma verifica tu) ha per 350 euro, sono delle belle chitarre, hanno un ottimo truss rod a doppia azione, cedro canadese, mogano dell'Honduras... Hanno anche una bella voce che certo migliorerà nel tempo con l'asciugarsi del legno, come su tutte le chitarre in massello. Sono diverse dalle classiche "spagnole" perché i legni hanno spessori più importanti che si traducono in un suono meno frizzante.

Comunque, anche LAG dovrebbe avere un modello "all solid", ma non ho grande conoscenza del loro catalogo. :-)
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609]
commento del 06/12/2017 ore 16:02:54
Vado in direzione contraria rispetto ad aleck, nel senso che in quella fascia di prezzo trovare qualcosa di buono è duro.
Ad esempio ho provato sabato un'Alhambra 3C (che già è più vicina ai 400 che ai 300 euro) e mi son trovato una chitarra che dal IV al VII tasto calava in modo sensibile di volume su tutte e tre le corde basse, mentre dall'VIII al X friggevano la quarta e la quinta corda.
È una cosa che già metto in conto su chitarre classiche economiche che abbiano qualche buco o qualche nota sorda, dato che è qualche tempo che ne cerco una (amplificabile per quel che mi riguarda), ma rimango costantemente deluso.
Poi sono arrivato alla corda di SOL (che è un punto critico di tutte le chitarre classiche) ed era morta. Si riprendeva un po' dal III tasto in poi, ma in generale i tre cantini avevano un volume molto inferiore alle corde basse.
Quindi ti consiglierei di provarne qualcuna, senza farti abbagliare dall' "All Solid", o dal richiamo del marchio, e cerca di focalizzarti sulla suonabilità (l'Alahmbra era ottima sotto questo aspetto), sull'intonazione e sull'omogeneità della resa della varie corde.
Rispondi
di giambu [user #4070]
commento del 06/12/2017 ore 17:15:04
ok
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 06/12/2017 ore 17:29:47
"Cerca di focalizzarti sulla suonabilità, sull'intonazione e sull'omogeneità della resa della varie corde." Non potrei contraddirti neanche volendo :-) In quella fascia ho trovato le Kremona Soloist (per non parlare della fascia superiore di cui ho provato Fiesta e Solea) superiori a gran parte della concorrenza, in particolare alle controparti Cordoba, molto consigliate in ogni dove agli studenti di chitarra classica in conservatorio. Comunque, intonazione, suonabilità e equilibrio sono i parametri fondamentali nella valutazione dello strumento che io per primo prendo in considerazione nel consigliare uno strumento e che stanno alla base anche dei consigli dati sopra :-) Poi ovviamente io parlo della mia esperienza, che può non coincidere con quella di altri e deve esser poi confermta, nel caso, da quella di giambu! In questo fai bene a consigliare la prova.

PS. Quella Alhambra non l'ho provata, ma le loro acustiche mi son sembrate solide e di buona qualità nonostante non abbia amato il loro carattere molto moderno :-)

PPS. Le classiche di quella fascia che ho provato sono essenzialmente Yamaha, Cordoba, Hofner, La Patrie e Lag. In campione non ampissimo e che ovviamente non può esser rappresentativo a fine "statistico" :-)
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609]
commento del 06/12/2017 ore 21:20:16
Ovviamente ognuno scrive in base alle sue prove "sul campo" che non solo non possono essere rappresentativo a livello "statistico" per quantità, ma lo possono essere poco anche in termini di qualità.
Nel senso che uno può trovare pure uno strumento bacato e farsi una cattiva idea, oppure trovare lo strumento uscito bene per miracolo.
Però dall'insieme delle esperienze, magari un briciolo d'idea salta fuori.
Il problema che ho riscontrato io è quello delle varie note sorde distribuite sul manico, e per me è un grave problema per cui testo accuratamente tutto il manico per trovarle.
Purtroppo non può essere fatto basandosi sulla fiducia di alcune marche, deve essere verificato su ogni singola chitarra.
Ad un altra persona può interessare meno e magari cura altri dettagli che io trascuro.
In realtà c'è un altro problema che mi sta sul gozzo, anche se non riguarda il caso specifico:
Il prezzo enormemente gonfiato delle classiche amplificate.
In pratica fanno pagare attorno alle 300 euro un piezo che a loro costerà 10 montato.
Sulle acustiche non lo possono fare perché la gente prenderebbe la versione non amplificabile e con 20 euro di magnetico in un modo o nell'altro risolve il problema.
Con la corda in nylon ne approfittano in modo vergognoso.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 06/12/2017 ore 22:09:38
Ti do ragione su entrambe le questioni:

1) ogni chitarra, tanto più sulle classiche, fa storia a sé;

2) le classiche amplificate sono un furto. Oltre che per quello che giustamente fai notare tu, direi, anche perché sono quasi tutte amplificate DA CANI in questa fascia. Qualcosa di veramente vergognoso. Alla fine, preferisco risparmiare e dotare la chitarra di microfono (interno o esterno che sia), investendo l'extra in qualità...
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609]
commento del 06/12/2017 ore 23:34:5
Il microfono nel mio caso non è la soluzione migliore.
Ho bisogno di un minimo di effettistica che non potrei "pilotare" con un microfono, senza contare rientri di batteria, spie e tutto quanto sai bene che capita sul palco od in sala prove.
Mentre per il microfono interno non ho mai capito se si può usarlo anche col tappo sulla buca, ma presumo che non sia la cosa migliore da fare.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 06/12/2017 ore 23:39:13
Guarda, sulla classica ho sperimentato meno, ma su due acustiche di miei amici ho montato, per un uso prettamente live, IK Multimedia I-Rig Acoustic Stage e Finhol Edge-Mic. Entrambi offrono un suono molto naturale è una buona resistenza al feedback. Specialmente l'I-Rig ha una cancellazione di frequenze spettacolare per contrastare i rientri e si riesce a usare con soddisfazione anche con gli effetti. Ovviamente la buca va lasciata libera. Informati a riguardo, son due soluzioni che agli amici a cui li ho montati (oddio, l'I-Rig ha davvero poco da montare) hanno abbandonato i piezo e spesso evitano anche i microfoni esterni in studio quando si registra qualcosa di poco impegnativo.
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609]
commento del 06/12/2017 ore 23:50:11
L'I-Rig lo guardo con curiosità, ma non sono mai riuscito a testarlo.
Il problema potrebbe essere l'EHX K9 che è un po' schizzinoso sull'ingresso.
Certo che se funzionasse sarebbe un'ottima soluzione.
Rispondi
di giambu [user #4070]
commento del 06/12/2017 ore 22:18:42
Per fortuna non mi interessa amplificata...
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609]
commento del 06/12/2017 ore 23:41:
Dipende.
Se t'interessasse solo amplificata non sarebbe sto gran problema.
Una Godin se hai i soldi, o una Yamaha silent se ne hai meno e sei più che a posto.
Il problema sorge quando vuoi la chitarra amplificata per il palco che puoi suonare anche a casa (o in un bosco) senza collegarti ad ampli o cuffie.
Non è il tuo problema e mi scuso se ho invaso i tuoi spazi.
Rispondi
di franklinus [user #15063]
commento del 06/12/2017 ore 17:43:24
io ho fatto acquistare ad un mio allievo una yamaha cg 182 s,top in massello,ottima action,buon suono..se non sbaglio era uno strumento demo e quindi ha risparmiato un po'(270 euro),certo,costa più di 300 euro però la qualità c'è tutta per quella cifra
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964