HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Collegare ampli a un finale esterno
Collegare ampli a un finale esterno
di [user #47952] - pubblicato il

Un valvolare a basso wattaggio è comodo, ma si può richiedere più potenza sul palco. Si può ovviare con un finale aggiuntivo, ma servono alcuni accorgimenti.
Sto per acquistare una mini testa Mesa Boogie Mark V 25. La mia scelta ricade su questa mini testata per le sue ovvie ragioni di versatilità e manegevolezza. Principalmente la userei per suonare in casa e piccoli/medi locali, ma la mia domanda è questa: se per dei live in luoghi più grandi non mi dovessero bastare i 25 watt della testata, sarebbe cosa fattibile collegare un finale più potente?
La testata in questione ha un resistore di carico, quindi in teoria potrei uscire dal send per sfruttare il pre ed entrare in un altro finale più potente senza aver bisogno di collegare la cassa alla mini testa. Secondo voi la cosa è fattibile?
Vi ringrazio in anrticipo per le vostre risposte.

Collegare ampli a un finale esterno

Risponde Lorenzo G. di Giniski e Dragoon: secondo la mia modesta opinione, hai già tutto ciò che ti serve.
Mi spiego meglio: il Mesa Boogie Mark V 25 ha una presa DI con simulatore di cassa (sia Open sia Closed Back) insieme a un Mute delle uscite speaker principali.
Puoi quindi semplicemente collegarti da questa presa (detta CabClone DI) all'impianto attraverso un cavo XLR, scegliere il tipo di cassa simulata e scegliere se mantenere il tuo altoparlante come spia personale sul palco o disattivarlo. Poi sì, anche la soluzione che hai pensato funziona, ma perché portarsi dietro un finale (pagato) e una cassa per un'evenienza sporadica? In live più grandi non posso credere che non ci sia un impianto a cui microfonarsi o attaccarsi per poi risentirsi in spia. 25W sono abbastanza se ben sfruttati. Scegli bene la cassa a cui abbinarlo e vedrai che ho ragione.
Al limite usa due casse, una per i live da pub e la seconda da aggiungere alla prima per quelli più grandi. Non solo, ma se le scegli con coni differenti e modulari potrai scegliere la pasta sonora di una dell'altra o della loro combinazione: fidati, ne so qualcosa. Per ogni evenienza, come detto, la soluzione l'hai già in tasca.
amplificatori mark v mesa boogie
Link utili
Mesa Boogie Mark V 25
Giniski
Dragoon
Altro da leggere
Pubblicità
Hiwatt annuncia la rinascita...
Piccole, potenti e italiane: Southern The...
Tono e Fender messicane con Michael Lee...
Laney diventa Mini con sei combo smart...
Pubblicità
Commenti
di DottorZero [user #44787] - commento del 07/01/2018 ore 11:56:28
....Anche perché i 25W di un Mesa...."pesano"!
Ricordo un vecchio DC 5 che strillava come un ossesso...Il proprietario ci suona cover dei ZZ TOP...Uno dei migliori ampli mai sentiti e provati!
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 08/01/2018 ore 12:25:3
il DC-5 è 50 watt con valvole finali 6l6 mentre il il mark v 25 è 25 watt con valvole finali el84
Credo che la differenza di volume si senta
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 07/01/2018 ore 14:10:23
Ma invece di fare tutto sto casino con uscite emulate (false) e casse (vere, costose e pesanti) e finali (veri, costosi e pesanti) non sarebbe meglio fare come s'è sempre fatto dalla notte dei tempi? Un SM58 davanti alla cassa collegato all'impianto per vivere felice.
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 08/01/2018 ore 09:33:34
Intanto ringrazio Lorenzo G. e tutti voi per le risposte.
Ovviamente l'uscita DI è comodissima e nel 90% dei live sicuramente i 25 watt sarebbero più che sufficienti. Vista la spesa della "mini testa" volevo soltanto essere sicuro di essere completamente autonomo sul palco anche nei purtroppo non rari casi in cui l'impianto del locale faccia schifo. Quindi mi confermate che l'uscita dal pre della testa è fattibile senza collegare la cassa?
p.s. suono vari generi musicali e il problema del wattaggio troppo basso penso che possa presentarsi nei suoni metal con medi scavati "V eq". in questi casi sicuramente un finale più potente (che già possiedo) potrebbe aiutare. Grazie ancora a tutti voi per le risposte
Rispondi
di my_prince [user #16856] - commento del 08/01/2018 ore 10:13:
Io lo facevo con il mio H&K 18v; usavo solo il pre prendendo il segnale dal send e mandandolo prima al mio pod 500 e poi al Fender Hot Rod!
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 08/01/2018 ore 10:23:00
Ok. Grazie per il tuo aiuto my prince.
Ma Come ti comportavi con il finale della testata. Non collegavi la cassa?
Se il finale della testata non ha un carico potrebbe danneggiarsi.
Rispondi
di Alex95SG [user #30733] - commento del 08/01/2018 ore 11:39:11
se dico una scemenza chiedo scusa, però se tu esci dal send di un ampli non c'è bisogno di toglierlo dalla standby, perchè il pre lavora lo stesso (cosa testata personalmente), quindi non avresti il problema della cassa, però ripeto: potrebbe essere una scemenza e se qualcuno più esperto di me lo confermasse/sconsigliasse sarebbe meglio :) . Detto ciò visto che hai quella uscita magari il tuo ampli ha anche un carico interno, potresti chiedere direttamente alla Mesa, in definitiva anche io però propendo per la microfonazione e magari la soluzione due casse 1x12 (una sola nei locali piccoli, due nei grandi, magari non vicinissime così diffondi meglio il suono), magari ti prendi un bel mic tipo E906 ed usi quello, a quel punto di sicuro di problemi di volume non ne avrai mai !
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 08/01/2018 ore 12:13:41
Grazie per la risposta Alex.
Comunque il mesa ha un carico interno e sono certo che si attiva/disattiva con lo switch speaker on/off ma non sono certo se il pre lavori lo stesso con lo speaker off. Lo switch in questione è dedicato più all'uscita DI emulata, cioè uscendo dalla DI puoi decidere se tenere il cabinet acceso o spento ma non sono certo se per l'utilizzo che ne voglio fare io il non avere un cabinet collegato possa creare problemi. Spero di essermi spiegato bene. magari qualcuno che possiede la testata può darmi maggiori dettagli.
Rispondi
di my_prince [user #16856] - commento del 09/01/2018 ore 00:03:2
È vero! Ora ricordo che funzionava anche in standby!
Rispondi
di my_prince [user #16856] - commento del 08/01/2018 ore 23:33:48
La testata tubemaister ha un selettore che permette di decidere il wattaggio che va da zero, 1, 5 e 18.
Impostando a zero si può non attaccare la cassa (non ha bisogno della resistenza della cassa probabilmente perché esclude il finale) l'ho letto dalle istruzioni...
Usavo il pre perché ha un gusto molto Marshall nel distorto, cosa assolutamente assente nell'hot rod che ha un canale distorto che non riesco ad usare... Ma il pulito è un amore!

Avevo scritto qui su accordo anche un articolo in cui Usavo il pre nel send return del pod 500 con uno strano attacco a 4 cavi, ma ora non lo ritrovo (da cellulare...)

Ho cercato anche di sfruttare la Di acquistando un cavo ad hoc (da bilanciato a sbilanciato) per collegare il pre dello H&K all'input del Fender, ma il risultato non era entusiasmante (mentre la Di sulla scheda audio era fantastico!)
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 08/01/2018 ore 12:49:32
Non conosco l'ampli in oggetto, ma se un finale non ha una cassa collegata o un carico resistivo dato per esempio da una loadbox, rischi di friggere il finale (più precisamente il trasformatore di uscita). Il tuo mini ampli incorpora il cab clone, quindi una loadbox+emu cassa/mic come il mio koch LB2. Se usi quello il finale ha un carico, ma se usi un finale esterno, che puoi fare senza problemi, il cabclone è escluso, quindi serve una cassa. Non so se puoi rientrare col finale esterno nel cabclone ma non credo, dovresti leggere sul sito o sul manuale o scrivergli.
Rispondi
di coprofilo [user #593] - commento del 08/01/2018 ore 22:15:30
Dubito fortemente che la resistenza di carico dipenda dal collegamento o meno del cavo all'uscita cabclone... Se si seleziona speaker off si conette la resistenza di carico, poi nulla vieta di uscire dal send per andare in un altro finale, senza bisogno di ulteriori collegamenti.
Se anche fosse il cavo a determinare l'inserimento o meno della resistenza di carico basterebbe collegare un cavo che non va da nessuna parte e collegare il send all' ingresso del finale.
In ogni caso vista la complessità di queste testate è sempre meglio dare una letta al manuale di istruzioni che nel caso dei mesa è fatto molto bene.
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 09/01/2018 ore 09:32:26
il cabclone è sempre attivo sulla mark v 25 ma pui scegliere se tenere attiva o no l'uscita anche dalla cassa.
Rispondi
di my_prince [user #16856] - commento del 09/01/2018 ore 00:19:42
Cmq tutti questi giochetti l'ho fatti per puro divertimento (e portati in qualche live) ma senza comprare niente ad hoc (se non un paio di cavi)... Avevo il tubemaister e stavo passando all'hot rod...
Per farlo è fondamentale avere un Ampli con send return seriale... Con il parallelo non va... L'hot rod per esempio ha un seriale un po' del cavolo perché il volume del segnale che va nel send dipende dal volume di output... Questo vuol dire che non puoi mettere li niente che lavori sul gain, ma solo modulazioni e ambienti.
Nel Laney VC30 che avevo qualche anno fa avevo un s/d parallelo e non potevo giocare con questi collegamenti, ma se tornassi indietro... Il suono che ne usciva era sempre presente! Il classe A si fa non mettendo impicci tra il pre ed il finale...

Il tubemaister è di una versatilità incredibile! Leggero, Di spettacolare, la capacità di poterlo collegare a qualsiasi cassa (io Usavo una Marshall 4x12 in studio da 4hom senza nessun problema, anzi spingeva!
La sua singola non crea abbastanza headroom secondo me... Poi il pulito un po' freddino...

Sono dell'opinione, come detto su, che meglio trovare il tuo suono e la comodità nel trasporto per poi piazzare nei live un buon sm57 (progettato proprio per gli strumenti, mentre l'sm58 è più adatto alla voce e sempre pronto a fischiare!)... E non sempre una testata e cassa è più comoda di un combo!
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 09/01/2018 ore 09:28:1
Resta solo da capire se con lo speaker off e quindi con la resistenza di carico attiva anche l'uscita del pre rimane attiva.
Per My Prince. Ho scelto questa testata proprio per la facilità di trasporto, suppongo per lo stesso motivo per il quale tu hai scelto la tubemaister e concordo con i consigli di tutti per il microfonaggio ma se il sistema di monitor sul palco fà schifo ed è cosa non rara vorrei solo poter sfruttare tutte le possibili opzioni per avere almeno un suono decente e volume a sufficienza sul palco.
Nessuno possiede la testa in questione?
Rispondi
di coprofilo [user #593] - commento del 09/01/2018 ore 09:53:39
Il segnale del pre dal send ė per forza disponibile, senza pre non suonerebbe!!
Rispondi
di lukepetit [user #47952] - commento del 09/01/2018 ore 10:10:01
Si, dovrebbe essere così. Grazie per il tuo aiuto
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 10/01/2018 ore 12:35:25
Ah ok non sapevo dello switch. Allora penso possa essere usato senza problemi con un finale esterno. Certo meglio sempre vedere il manuale. Comunque voto anch'io per il mic.
Rispondi
di FBASS [user #22255] - commento del 10/01/2018 ore 23:31:1
Scusate se faccio il polemico, ma essendo io riparatore di amplificatori, effetti e HI-Fi dal 1971, ( sono anche ingegnere elettrico), da sempre so che un push-pull di EL84 al massimo ti da 15 W, RMS, è vero che da sempre i Watt si vendono come le caramelle, ma sti 25 W da dove sono usciti, forse saranno di picco, boh e triplo boh ( non ci dimentichiamo che ai miei tempi gli Stelphon con 4 X EL84 li davano per 70 W mentre la VOX correttamente l'AC30 lo classificava come 30 W ), FBASS.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Arrogantia Pandora Vendetta 24 HH Trem: non omologarsi e vivere felici
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
ProCo Multi Rat fatto in casa
Da Lindy Fralin il P90 fenderiano
Cordoba C4-CE: una classica in mogano
I più commentati
Joe Bonamassa: tutti a lezione di British Blues
Arrogantia Pandora Vendetta 24 HH Trem: non omologarsi e vivere felici
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
Line 6 Powercab: l'impatto del cabinet anche in digitale
I delay TC2290-DT torna in VST con controller dedicato
I vostri articoli
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
ProCo Multi Rat fatto in casa
Arrogantia Pandora Vendetta 24 HH Trem: non omologarsi e vivere felici
Meris Mercury 7: il Nexus 6 dei riverberi a pedale
Scegliere la chitarra da modificare
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964