CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Cambiare il radius col setup?
Cambiare il radius col setup?
di [user #47965] - pubblicato il

Che margine di manovra offre il setup di una chitarra? È possibile modificare l'altezza delle corde per imitare uno strumento strutturalmente diverso?
Sono sempre stato un felice utilizzatore di Stratocaster, abituato a una certa alla bombatura del manico e alla regolazione per l'altezza delle singole sellette sul ponte. Per Natale mi hanno regalato due chitarre, niente di valore (lo dico per far presente che non ci sarebbe quindi nessun problema a farci, eventualmente, lavori invasivi): una simil Les Paul con il suo classico ponte e una simil PRS con il wraparound.
Sarà l'abitudine alla Stratocaster, sarà che non sono chitarre di qualità e quindi qualche difettuccio ce l'hanno, ma mi ci trovo malissimo a suonarci per la strana bombatura/altezza che hanno le corde e vista l'impossibilità di regolare le singole sellette: le uniche due viti ai lati non mi bastano per regolare l'altezza/bombatura.
Guardando un po' in giro sembra non esistano troppe alternative, che sia rarissimo trovare un Tune-o-matic con la regolazione singola delle sellette e praticamente impossibile trovare un wraparound con sellette regolabili, tant'é che sono arrivato, nella mia ignoranza e disperazione, a tre possibili soluzioni finali:
- riadattare una cordiera e saldarla/avvitarla sotto un Tune-o-matic con sellette regolabili, in modo da ricreare una sorta di wraparound
- bucare la chitarra con in wraparound e aggiungere una cordiera stile Les Paul
- trovare un wraparound con sellette regolabili in avanti/indietro e sostituire poi le sellette con modelli regolabili anche in altezza.
Che ne dite? Sono completamernte fuori di testa o sto cercando la soluzione del mio problema nel posto sbagliato? Ho cercato male ed effettivamente si trovano prodotti che fanno al caso mio?

Cambiare il radius col setup?

Risponde Pietro Paolo Falco: il setup di una chitarra può essere alterato in maniera sensibile per adattarsi ai gusti del musicista, ma ci sono dei limiti intrinsechi legati alle caratteristiche dello strumento.
Sostituire un ponte economico gioverà senza dubbio alla resa generale, sia per suono sia per tenuta d'accordatura. Nel caso dei wrap around, esistono numerose alternative "adjustable", con sellette regolabili singolarmente per ottimizzare l'intonazione. Tuttavia, quando si parla di altezza delle corde e della curvatura che formano nell'insieme, è d'obbligo considerare il tipo di chitarra che si ha in mano.

Se provieni dall'universo Fender, probabilmente avrai sempre avuto a che fare con chitarre a scala lunga, cioè con un diapason (la distanza tra capotasto e ponte) da 25,5 pollici e con radius (bombatura della tastiera) da 7,25" o 9,5". Non ultima, l'eventuale presenza di un ponte mobile determina solitamente uno spazio maggiore tra le corde rispetto a quello previsto da chitarre a ponte fisso in stile Tune-o-matic. Tutti questi fattori rendono la suonabilità di una chitarra in stile Fender profondamente diversa rispetto a uno strumento d'estrazione Gibson - che adopera per lo più radius da 12" su un diapason da 24,75" - o PRS - il cui standard è radius da 10" su diapason da 25".
Attenzione: le repliche non ufficiali non si rifanno necessariamente a queste misure, quindi converrebbe consultare le specifiche tecniche o misurare in prima persona per averne la certezza.

Il diapason ha un'influenza su fattori come la rigidità delle corde e non può essere modificato. Puoi invece agire sull'altezza delle stesse lavorando sul ponte e sul truss-rod. Alcuni ponti consentono di regolare anche l'altezza delle sellette, e quindi delle singole corde. Tuttavia, un setup ottimale deve tener conto delle caratteristiche costruttive dello strumento e l'arco descritto dalle corde non è a discrezione del musicista, ma deve accordarsi al radius impostato dai costruttori: i ponti con sellette regolabili solo in lunghezza non fanno altro che offrire quella curvatura già di fabbrica. Questo video tutorial con Marco Viola di MOV Guitars potrà chiarire come si procede alla regolazione dell'action in base al raggio di curvatura di una tastiera.

In sostanza, puoi regolare in altezza le corde per la sensazione che più preferisci sotto le dita, ma le forme dei manici, il diapason, il radius e la distanza tra le corde (con la conseguente larghezza del manico percepita dalla mano) sono caratteristiche proprie di ogni strumento: dovrai essere tu a valutare se riuscirai a fartele piacere col tempo, la pratica e la tua sensibilità personale.
chitarre elettriche manutenzione
Link utili
Cos'è il radius
Regolare l'action in base al radius
Mostra commenti     21
Altro da leggere
SL4X: in prova la Jackson da corsa per la fascia media
La Les Paul richiede più manutenzione?
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Doheny V12: gli humbucker tripli della offset G&L
Supro replica la Dual Tone di David Bowie
DC Pro è la prima Epiphone del 2019
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964