HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Settaggio stop tailpiece su Les Paul
di [user #27905] - pubblicato il (Modificato) 

Salve a tutti.
Negli anni ho avuto fra le mani diverse Les Paul, per la manuntenzione delle quali ho alternato diversi liutaio nel tempo, notando che a seconda del liutaio quello che cambiava di più era la posizione dello stop tailpiece;
Al momento mi sento abbastanza in grado di fare un set up di base da solo(regolare il truss rod, l'action, i pickup e le ottave). 
Mi rimangono dei dubbi proprio su come regalare lo stop tailpiece, avendo avuto consigli sia di metterlo il più basso possibile, completamente attaccato(anche se qualce corda tocca il ponte), sollevato(come esce di fabbrica, ma una volta regolato il truss rod e l'altezza delle corde a dovere risulta troppo alto).
Mi sembra(la psicoacustica fa miracoli..) che il suono che mi piaccia si ottenga abbassandolo completamente(anche qualora ci sia un contatto tra alcune corde corde e il ponte), ma vorrei sapere se effetivamente c'è una misura consigliata.
Avete qualche suggerimento in merito?
Grazie
Dello stesso autore
Blues junior e Boss DD7...
Annate Sg standard e manico 60/50...
Ancora sulla scalatura corde .10 vs .09...
Cover interna per case Gibson 2005...
L'usato al prezzo del nuovo, sfogo...
Pickup più vintage su Telecaster Classic...
Commenti
di pastrana [user #34418] - commento del 12/01/2018 ore 18:12:23
L'angolo delle corde sul ponte è importante, determina la forza verticale che queste imprimono allo stesso, che è vitale per un buon attacco sulle note. Con questo angolo ci puoi "giocare", ma non troppo, nel senso che questo non dovrebbe mai essere troppo piano ne troppo stretto. All'atto pratico, Stewmac (per citarne uno) suggerisce di prendere come riferimento l'angolo delle corde al capotasto (l'inclinazione della paletta per capirci) e riportarlo più o meno uguale al ponte. Poi, se vuoi abbassare completamente il tailpiece ma il ponte risulta essere troppo alto, puoi incordare wrap-aronund, "alla-Bonamassa". Io le Gibson le ho sempre tenute così, tailpiece tutto giù e corde wrap-around, è pratico e anche bello a vedersi, secondo me.
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905] - commento del 12/01/2018 ore 18:51:16
Grazie! Direi ci sono abbastanza vicino, il ponte è abbastanza basso e per ottenere un angolo simile non dovrei alzare molto lo stop tailpiece.
Il wrap around l'ho già provato tempo fa, più che altro per capire la differenza con il normale montaggio, ed esteticamente non fa per me.
Rispondi
di pastrana [user #34418] - commento del 12/01/2018 ore 18:17:1
p.s.: è sconsigliabile esagerare con l'angolo sul ponte, sui sistemi tipo TOM Gibson. Specie se monti un TOM tipo Abr-1 rischi di piegare le sottili viti perno. In giro è pieno di Gibson (anche nuove, a volte..) con quei perni storti...
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905] - commento del 12/01/2018 ore 18:53:19
Mi confermi un timore che nel post non ho espresso!
Grazie davvero.
Rispondi
di Alex95SG [user #30733] - commento del 13/01/2018 ore 13:54:25
Confermo, sulla mia SG per anni l'ho avuto molto basso, quasi a contatto con il body, e le corde toccavano il ponte stesso. Dopo l'ultimo set up il mio liutaio mi ha spiegato che aumentando l'angolo le corde sono più dure da suonare (proprio perchè sottoposte ad una forza differente), e il ponte si può stortare (il mio lo era, fortunatamente è riuscito a rimetterlo dritto). Le corde non dovrebbero toccare il ponte. Ora è settata correttamente e oltre ad essere più morbida in teoria non si dovrebbe più stortare il ponte.
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905] - commento del 13/01/2018 ore 16:00:55
Grazie!
Questa mattina l'ho settato quasi attaccato al corpo ma senza che le corde tocchino il ponte.
L'angolo che si crea, visto che il ponte è settato abbastanza basso, non mi sembra troppo acuto.
Potrebbe essere un buon compromesso, e a livello di suono non mi sembra di sentire differenza.
Rispondi
di pastrana [user #34418] - commento del 13/01/2018 ore 17:51:03
Benfatto..
ad ogni modo, se il metallo dovesse essersi snervato (non sono in acciaio quelle viti..) e il difetto dovesse ripresentarsi, si possono cambiare eh.. nulla di grave: dado e contro dado per cavarle, e 5 minuti di lavoro.
Rispondi
di Alex95SG [user #30733] - commento del 13/01/2018 ore 18:00:23
In realtà a me si era stortato proprio il ponte, non le viti! Si era tipo curvato verso il basso per la pressione delle corde
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti
Joe Bonamassa: tutti a lezione di British Blues
Ricky Portera: l'assolo di "Ayrton"
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
S-Locks: Schaller reinventa lo strap lock
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
I vostri articoli
Piccole, potenti e italiane: Raw Dawg EG
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
ProCo Multi Rat fatto in casa
Arrogantia Pandora Vendetta 24 HH Trem: non omologarsi e vivere felici
Meris Mercury 7: il Nexus 6 dei riverberi a pedale
I compleanni di oggi
_Thor
mickeysambora
Ale_qv
FRANCO59
RubberSoul
Giaggia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964