HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
NAMM: Polyphia dal vivo
NAMM: Polyphia dal vivo
di [user #17404] - pubblicato il

L’unica maniera per giudicare il valore di uno strumento e sentirlo in azione. Per questo le esibizioni degli artisti sono un aspetto cruciale del NAMM. Tra le centinaia di demo, showcase e veri e propri live uno in particolare mi ha letteralmente steso, quello dei Polyphia.
Si tratta di una band di quattro ragazzi giovanissimi che fanno musica strumentale: due chitarre, un basso e una batteria. Hanno suonato allo stand Dunlop, rinunciando al batterista e servendosi delle basi.
La loro proposta non è facilissima da descrivere. I brani si sorreggono su intrecci di chitarra molto articolati e davvero tecnici. Delizioso il fatto che le complesse linee melodiche siano costantemente inframezzate da appoggi armonici su accordi ricercati e spesso ampliati dall’utilizzo delle corde a vuoto. Ci sono tantissimi stilemi dello shred strumentale d’annata, tanto che - francamente - nei momenti tecnicamente più spinti e negli intrecci e armonizzazioni più vorticose, i Cachopony sono tra i riferimenti più immediati per descriverli. Ma è il suono, la pronuncia, l’attitudine che sono anni luce lontani. Manca totalmente l’aggressività, quella grezza irruenza propria del metal e, soprattutto, non c’è traccia dei suoni high main che sono diventati il cliché di quello stile. Qui c’è eleganza e raffinatezza, stile, delicatezza e una precisione e pulizia disarmante. E poi, soprattutto, groove. Già, perchè l’impianto delle loro tessiture chitarristiche sono tappeti zeppi di elettronica e beat  presi in prestito dal electro pop, RnB e hip hop. E la cura di come gestiscono il timing delle loro frasi, accordi e impennate solistiche su questi tempi, zeppi di stop and go è esaltante.



Il suono è un crunch leggerissimo, inzuppato in leggero delay, caldo e avvolgente, che non intacca di una virgola l’intelleggibilità del loro playing. Nella loro maniera di accarezzare gli accordi c’è un pizzico di Eric Johnson e Hendrix e c’è tantissimo Govan nella sicurezza e nel suono di vbirati e slide.
Spulciando su internet li trovo accostati alla scena djent e classificati come progressive.
Ma francamente mi sembrano forzate e limitative come descrizioni: I Polyphia mi paiono piuttosto dei chitarristi giovanissimi, straordinari e disinibiti, che scrivono grandi melodie di chitarra e si divertono a suonarle mescolando shred con suoni, arrangiamenti e una produzione che attizzerebbero Katy Perry.

namm show 2018 polyphia
Link utili
Il canale youtube dei Polyphia
Il sito del NAMM show
Altro da leggere
Pubblicità
Tornano le Yamaha CSF...
Starwood: PAF in chiave TV Jones...
Colortone: Remo ti colora il kit...
Masters e cajon nel 2018 di Paiste...
Pubblicità
Commenti
di Sykk [user #21196] - commento del 28/01/2018 ore 08:20:13
Hanno riportato sul pop delle skills che di solito si sentono nel prog-metal, in certi momenti mi hanno ricordato i Dream Theater.
Ci vedrei bene anche una voce, giusto per non diventare noiosi alla lunga.
Rispondi
di Mariano C [user #45976] - commento del 28/01/2018 ore 08:42:12
C’è molto di snarky pupposo è molto poco di proveniente dal metal in questa musica
Rispondi
di talpa [user #1842] - commento del 28/01/2018 ore 10:08:0
Una cosa che ho notato suonando in giro e che le nuove leve di ragazzi sono davvero molte brave strumentalmente a volte io da 40enne strimpellatore della domenica mi sentivo a disagio, peccato che nella maggior parte dei casi non c'è ( questo non è il caso) molta capacità compositiva, ma solo tanta imitazione.
Vi invito anche all'ascolto di questo trio giovanissimo,
vai al link

Rispondi
di sand1975 [user #46451] - commento del 28/01/2018 ore 17:27:46

MINCHIA!!!! (non saprei dire altro).
Rispondi
di Gasto [user #47138] - commento del 29/01/2018 ore 16:03:46
Bambini prodigio sono sempre esistiti: vai al link

:-)
Rispondi
di Lpcustom [user #47755] - commento del 28/01/2018 ore 18:12:24
...eccalla'!!! e mi pareva strano.....
Rispondi
di MrGi [user #33656] - commento del 29/01/2018 ore 12:01:45
Il fatto che questo tipo di musica possa avere un mercato e dei giovanissimi che se ne appassionano è un pensiero confortante, tra loro e gli Snarky Puppy mi rendono fiducioso per il futuro e mi danno un approdo lontano dalla banalità propinata dai mainstream
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Tendiniti del musicista: come evitarle?
"Solo una Sana e Consapevole Libidine": l'assolo di Corrado Rustici
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964