CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
NAMM: Polyphia dal vivo
NAMM: Polyphia dal vivo
di [user #17404] - pubblicato il

L’unica maniera per giudicare il valore di uno strumento e sentirlo in azione. Per questo le esibizioni degli artisti sono un aspetto cruciale del NAMM. Tra le centinaia di demo, showcase e veri e propri live uno in particolare mi ha letteralmente steso, quello dei Polyphia.
Si tratta di una band di quattro ragazzi giovanissimi che fanno musica strumentale: due chitarre, un basso e una batteria. Hanno suonato allo stand Dunlop, rinunciando al batterista e servendosi delle basi.
La loro proposta non è facilissima da descrivere. I brani si sorreggono su intrecci di chitarra molto articolati e davvero tecnici. Delizioso il fatto che le complesse linee melodiche siano costantemente inframezzate da appoggi armonici su accordi ricercati e spesso ampliati dall’utilizzo delle corde a vuoto. Ci sono tantissimi stilemi dello shred strumentale d’annata, tanto che - francamente - nei momenti tecnicamente più spinti e negli intrecci e armonizzazioni più vorticose, i Cachopony sono tra i riferimenti più immediati per descriverli. Ma è il suono, la pronuncia, l’attitudine che sono anni luce lontani. Manca totalmente l’aggressività, quella grezza irruenza propria del metal e, soprattutto, non c’è traccia dei suoni high main che sono diventati il cliché di quello stile. Qui c’è eleganza e raffinatezza, stile, delicatezza e una precisione e pulizia disarmante. E poi, soprattutto, groove. Già, perchè l’impianto delle loro tessiture chitarristiche sono tappeti zeppi di elettronica e beat  presi in prestito dal electro pop, RnB e hip hop. E la cura di come gestiscono il timing delle loro frasi, accordi e impennate solistiche su questi tempi, zeppi di stop and go è esaltante.



Il suono è un crunch leggerissimo, inzuppato in leggero delay, caldo e avvolgente, che non intacca di una virgola l’intelleggibilità del loro playing. Nella loro maniera di accarezzare gli accordi c’è un pizzico di Eric Johnson e Hendrix e c’è tantissimo Govan nella sicurezza e nel suono di vbirati e slide.
Spulciando su internet li trovo accostati alla scena djent e classificati come progressive.
Ma francamente mi sembrano forzate e limitative come descrizioni: I Polyphia mi paiono piuttosto dei chitarristi giovanissimi, straordinari e disinibiti, che scrivono grandi melodie di chitarra e si divertono a suonarle mescolando shred con suoni, arrangiamenti e una produzione che attizzerebbero Katy Perry.

namm show 2018 polyphia
Link utili
Il canale youtube dei Polyphia
Il sito del NAMM show
Mostra commenti     7
Altro da leggere
La Buccaneer è la ESP Custom per il 2018
Tornano le Yamaha CSF
Starwood: PAF in chiave TV Jones
Colortone: Remo ti colora il kit
Masters e cajon nel 2018 di Paiste
Breedlove riscrive la Parlor con Concertina
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964