CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Empress Zoia: il pedale che progetta effetti al Namm
Empress Zoia: il pedale che progetta effetti al Namm
di [user #116] - pubblicato il

Empress colpisce il pubblico del Namm 2018 con il Zoia: la piattaforma vergine che può diventare tutto quello che hai in mente, se sai come programmarla.
La presentazione ufficiale descrive il Zoia come "la Lego per gli strumenti musicali". La novità più calda dello stand Empress per il Namm 2018 è uno stompbox decisamente atipico, una piattaforma vergine capace di consentire ai musicisti di costruire suoni ed effetti da zero, sulla base di una vasta gamma di algoritmi, oscillatori e funzioni accessorie da combinare e manipolare in completa libertà.

Ideale per i chitarristi quanto per tastieristi, producer e appassionati di musica elettronica in generale, il Zoia sfoggia un pannello dei comandi profondamente diverso da qualunque pedale convenzionale.
Sull'ampia superficie nera, 40 pulsanti in gomma con retroilluminazione a colori rappresentano moduli e blocchi, e fanno da mattone per l'effetto - o il gruppo di effetti - che si va a progettare.
Sulla sinistra una manopola, quattro pulsanti per il menu e un piccolo display per navigare tra la miriade di opzioni offerte, oltre che tenere d'occhio le memorie, le impostazioni e la forma d'onda del segnale prodotto dallo strumento.

Empress Zoia: il pedale che progetta effetti al Namm

L'approccio è basilare e vicino al concetto di programmazione in senso stretto. Per creare un delay, per esempio, si richiama il relativo algoritmo che ripete il segnale fornito in ingresso, e per dosare le caratteristiche come la quantità di ripetizioni si lavora direttamente sul modulo della ripetizione riportandone una porzione all'ingresso per fare sì che venga ripetuta a piacimento, nel modo e con le peculiarità che più si desiderano, trattando potenzialmente ogni segnale generato in una maniera diversa, dirottandolo verso altri blocchi e applicandovi altre funzioni.
Oltre le sonorità più scontate, è possibile controllare davvero ogni aspetto, fino a sfruttare LFO, creare dei suoni synth da oscillatori basilari, gestire controlli MIDI, tap tempo e modulazioni di ogni tipo.

Empress Zoia: il pedale che progetta effetti al Namm

Una piattaforma di questo tipo ci fa pensare a una versione user friendly del noto software Max MSP che, partendo da semplici collegamenti virtuali e operazioni algebriche, è capace di generare effetti e suoni elaborati e stimolanti all'inverosimile.

Il Zoia non è un dispositivo per tutti, ma le possibilità espressive di un macchinario del genere sono virtualmente illimitate, e siamo curiosi di vederlo all'opera più da vicino non appena sarà disponibile sul mercato, entro l'estate 2018.
effetti e processori empress namm show 2018 zoia
Link utili
Sito Empress
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Supro modernizza il delay analogico
Strymon sfida il delay magnetico con il Volante
Aquarius: il delay-looper Joyo in azione
LR Baggs espande la Align Series per acustica
Keeley X Pedals: arrivano i classici in forma di prototipo
Beetronics Buzzter: un pedale tre livelli
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964