HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Mario Guarini:
Mario Guarini: "Now It's My Turn"
di [user #116] - pubblicato il

"Now It’s my turn" è il debutto da solista di Mario Guarini, bassista noto per la sua attività di session man con grandi nomi della musica pop italiana. E' un lavoro strumentale, in cui Guarini dimostra che la sua attività nel pop non è che la punta dell’iceberg del suo universo musicale. Pura fusion, cristallizzata nei suoi stilemi più efficaci: groove, ricchezza armonica e solismi mozzafiato. E, ad impreziosire il tutto, un cast di musicisti stupefacenti: Vinnie Colaiuta, Michael Landau, Simon Phillips, Mike Stern...

Un impianto stilistico fusion, nomi stellari coinvolti e  tecnica da vendere, spesso finiscono per essere ottimi ingredienti per confezionare dischi pregevoli dal punto di vista della produzione e del suonato ma stanchi da quello artistico, creativo.
Guerini scongiura alla grande questo scivolone grazie al fuoco e alla passione autentica, incontenibile del suo playing che letteralmente trascina i musicisti coinvolti in performance accese e brillanti. Il merito è anche delle composizioni che mai, nemmeno lontanamente, paiono tappeti pretesto per sciorinare la bravura dei musicisti. Ci sono temi, strutture, armonie che fanno capire che nella musica di Guarini quella della composizione è un’urgenza autentica, prioritaria.



Altro aspetto pregevole del disco è il respiro generale delle esecuzioni, nelle quali si può avvertire un’interazione autentica tra i musicisti, un interplay live che valorizza i brani mille volte di più che la perfezione formale di tanti dischi iper prodotti che si ascoltano in questo genere.
Dal punto di vista strettamente strumentale, Guarini strappa un sorriso, perchè riesce a confezionare un disco così efficace ed equilibrato - pur nella sua proposta strumentale debordante e sfarzosa di contenuti - senza rinunciare nemmeno a mezza nota di quelle che avrebbe potuto suonare. Il suo basso è  incontenibile, instancabile, letteralmente, iperbolico. Ci spiega Guarini stesso:
In questo disco ho davvero spinto al massimo il mio linguaggio slap, soprattutto con la tecnica dello strumming e del double thumb dove ho cercato di esplorare nuove soluzioni.  Non mi sono limitato ad un utilizzo e un approccio esclusivamente ritmico di queste tecniche: ho cercato  di servirmene  anche per fare delle armonie con il basso. Questo disco mi ha, finalmente, permesso di valorizzare e dare uno spazio importante al mio linguaggio slap: è una parte importante del mio modo di suonare che ho curato, studiato ed esplorato per molto tempo ma non avevo mai avuto modo di utilizzarle in ambito professionale. Questo perchè nel pop, che è il mio ambito lavorativo più’ importante, non e’ richiesto lo slap.

Mario Guarini: "Now It's My Turn"

“Now It’s My Turn” ci è piaciuto molto e così, quando abbiamo incontrato Mario Guarini al Namm di Los Angeles, ci siamo fatti promettere di tornare presto su Accordo per raccontarcelo in tutti i dettagli della produzione, registrazione e scrittura.
A breve tra queste pagine.

Bassisti dischi mario guarini recensioni
Link utili
Il sito di Mario Guarini
Acquista "Now It's My Turn"
Altro da leggere
Pubblicità
Racer Café: intervista a Dado Neri...
Lezioni di basso con Dado Neri...
Basso Blues: tecnica, riscaldamento & slap...
I due che suonano in cinque...
Pubblicità
In cinque come i King Crimson...
Lorenzo Feliciati: "Koi", musica di fusione...
Vai e Sheehan raccontano "Eat 'em and Smile"...
Caro vecchio Sting...
Basso Elettrico: le Ghost Notes ...
Sting dal vivo...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964