CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
L'invenzione del talkbox: la storia del pupazzo Stringy
L'invenzione del talkbox: la storia del pupazzo Stringy
di [user #17844] - pubblicato il

Talkbox è sinonimo di Peter Frampton, ma l'idea di dare voce umana a uno strumento nasce nei lontani anni '40, negli studi Disney e sul palco di Alvino Rey.
Modulare il suono di uno strumento musicale con la voce umana è un vecchio pallino di molti inventori. Dal talkbox al vocoder, le discografie sono costellate di esempi celebri e, restando nell'ambito chitarristico delle soluzioni "a tubo", è non si può non citare l'uso che ne hanno fatto artisti come Peter Frampton, o i Bon Jovi di "It's My Life" e i Guns n Roses di "Anything Goes".



L'attenzione del grande pubblico si sarà pure spostata sul talkbox dopo gli anni '70, ma per scovare i primi esperimenti sulla categoria bisogna andare indietro di almeno altri trent'anni.

Tra i primi, forse il primo, a stravolgere il suono delle sue corde con una bocca umana usata a mo' di cassa armonica è stato Alvino Rey. Il virtuoso del banjo, della chitarra e della lapsteel era anche un fine innovatore. È ricordato come uno dei primi chitarristi elettrici in assoluto, e tra i suoi primati c'è anche quello di aver registrato un brano in cui il suo strumento "canta".
Nel 1944, Alvino e la sua orchestra registrano una versione di "St. Louis Blues" con un ospite speciale. È una curiosa (e alquanto inquietante) marionetta di legno dalle fattezze di una piccola chitarra, si chiama Stringy e duetta letteralmente con il cantante per poi sfidare il clarinettista in una serie di scambi.



Alcuni raccontano che lo stratagemma consistesse in un talkbox primordiale, dove il suono dell'amplificatore di Alvino veniva convogliato in un tubo con all'altro capo sua moglie, nascosta dietro le quinte, a trasformare in parole il suono della lapsteel mimando le sillabe. Il tutto sarebbe poi stato ripreso attraverso un microfono da gola a carbone.
Alvino comunque non svelò mai il suo trucco, e ci sono altre teorie a riguardo. La più accreditata vede l'utilizzo di un Sonivox, apparecchio commercializzato a partire dal 1940 circa che consisteva in due piccoli altoparlanti poggiati contro il collo. L'operatore si limita a mimare le parole per darvi forma, mentre la voce è offerta dallo strumento che viene riprodotto attraverso gli altoparlanti.



Il Sonovox non è mai diventato davvero diffuso in musica, ma è stato impiegato più volte in spot pubblicitari e nel cinema. La stessa tecnica è stata usata per far "parlare" il treno in Dumbo ("I think I can, I thought I could").

alvino rey curiosità effetti e processori
Mostra commenti     10
Altro da leggere
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Pathos: il primo distorsore realizzato da Tosin Abasi
Due rarità fanno da modello ai Micro Preamp Mooer
Curveball Jr: l’eq-boost che fa l’amplificatore
BeatBuddy: la mini drum machine per chitarristi si aggiorna
Battute che solo un musicista può apprezzare
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964