CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
La Gibson è nei guai finanziari
La Gibson è nei guai finanziari
di [user #116] - pubblicato il

La scadenza per il pagamento dei debiti contratti da Gibson è prossima. Si parla di default. Secondo gli analisti il colosso della chitarra potrebbe uscirne con le ossa rotte.
"Gibson Brands, Inc. today announced that the company made a $16.6 million coupon payment to holders of its $375 million, 8.875% senior secured notes due 2018". Con questo breve comunicato del 2 febbraio 2018, Businesswire fa riferimento allo stato finanziario di Gibson Brands, proprietario tra gli altri di marchi come Epiphone, Dobro, Baldwin, Tascam, Cakewalk, naturalmente, Gibson Guitars. Quello che appare un aggiornamento di routine sembra però essere quasi un epitaffio per l'azienda proprietaria dello storico marchio, come spiega un allarmante articolo su Nashvillepost.

"La situazione finanziaria del produttore di strumenti di Nashville, che fattura più di un miliardo di dollari l'anno" spiega Nashvillepost "è tutt'altro che normale". Pare che Gibson debba far freonte a un debito di 375 milioni di dollari, con ulteriori 145 milioni di aggravio qualora non dovesse onorarlo entro il prossimo 23 luglio. Una condizione finanziaria non più sostenibile. 

La Gibson è nei guai finanziari
In foto, chitarre nello stabilimento Gibson durante l'allagamento del 2010.

"Che siano i debitori o gli obbligazionisti, alla fine qualcuno prenderà il controllo di quest'azienda. Era annunciato da tempo" spiega Reshmi Basu di Debtwire, specialisti in analisi di mercato. Secondo Basu, la scarsa trasparenza dimostrata dall'azienda in alcune occasioni avrebbe portato gli investitori a perdere fiducia nel brand. La situazione non è stata migliorata dall'accordo con lo studio azionario GSO Capital Partners per ricevere un prestito d'emergenza da 130 milioni di dollari.

Nel 2016, Moody's Corporation aveva già retrocesso Gibson alla classe di credito CAA2, che indica un "titolo dalla solidità scarsa con alta probabilità di insolvenza in un contesto sfavorevole". Ora Kevin Cassidy, Senior Credit Officer per Moody's, spiega che l'attuale CEO Gibson Henry Juszkiewicz ha essenzialmente tre opzioni: lui e il suo team potrebbero rinegoziare il loro debito, anche se a condizioni pesantemente svantaggiose. Potrebbe essere persuaso a cedere parte delle sue quote di proprioetà in cambio di copertura per il debito. Oppure potrebbe dichiarare bancarotta, con le immaginabili conseguenze.

Nessuno fa mistero che Gibson abbia compiuto una serie di passi sbagliati negli ultimi anni, acquisizioni temerarie, scelte progettuali insensate, a cui si è aggiunta  la gestione assertiva, ma ben poco illuminata, del suo padre padrone. Nei prossimi giorni il quadro dovrebbe farsi più chiaro, quindi potremo farci un'idea più precisa sulla sorte di una delle più importanti aziende del settore.
gibson musica e lavoro
Link utili
L'annuncio su Businesswire
L'analisi su Nashville Post
Mostra commenti     98
Altro da leggere
Gibson esporrà al Namm
Nuovo abito Alpine White per la Lucille di BB King
Gibson: torna la The Paul dopo 40 anni
Vento di cambiamento: Gibson annuncia il nuovo CEO
L'incompresa Les Paul Classic
Collabora con Accordo per i test delle chitarre acustiche
Seguici anche su:
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964