CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
C7 Apocalypse, Schecter la tocca morbida
C7 Apocalypse, Schecter la tocca morbida
di [user #116] - pubblicato il

Con sette corde e un look semplicemente aggressivo la C7 non va certo per il sottile. Due humbucker potenti e un manico da corsa con radius compound completano l’opera. L’abbiamo provata con Alessandro Crippa e una sana dose di cattiveria.
L’Apocalypse è una chitarra senza compromessi, progettata per essere aggressiva e potente e lo mette in chiaro subito con il look, quando il nome avesse lasciato qualche dubbio. Le venature dello swamp ash utilizzato per il body sono messe in evidenza dalla finitura satinata rusty gray che continua sul manico con scalatura da 26,5 pollici realizzato in multistrato di acero e bubinga con tastiera in ebano e 24 tasti jumbo in acciaio inox. 

La giuntura tra corpo e neck è cesellata al millimetro per rendere praticamente impalpabile l’attaccatura delle due parti, sistema che porta il nome di Ultra Access, di nome e di fatto, perché in effetti raggiungere la sesta corda anche 24esimo tasto è un gioco da ragazzi. 

C7 Apocalypse, Schecter la tocca morbida

Il look è semplice e raffinato e il nero dell’ebano è interrotto solo da due piccoli triangoli al 12esimo e al 24esimo tasto, un tocco di classe che enfatizza il nero delle meccaniche autobloccanti Schecter e del ponte fisso Hipshot. 

L’estetica è curata in ogni dettaglio. I due humbucker Schecter USA Apocalypse VII sembrano neri, ma in realtà la plastica brunita è semitrasparente e lascia intravedere le bobine di rame al di sotto. 

I due magneti sono controllati da tre diversi potenziometri, due per regolare il volume dei singoli pick up e uno per il tono in comune tra i due. Immancabile ovviamente il selettore a tre posizioni che, con uno dei volumi chiusi, può diventare un kill switch all’occorrenza e il push pull nascosto sotto al tono per lo split. 

La C7 è massiccia ma leggera. Il legno utilizzato è risonante ma non affatica le spalle, grazie anche all’ottimo bilanciamento. Il manico ha un radius compound che va da 12 a 16 pollici e, unito al profilo thin C, regala un feeling da velocisti puri. 

L’Ultra Access Neck Joint è la ciliegina sulla torta per chi ama correre su e giù per la tastiera senza sosta e i tasti jumbo in acciaio aiutano non poco. 

C7 Apocalypse, Schecter la tocca morbida

Certamente la Apocalypse è degna del nome che porta. È una chitarra estrema sia nel look che nel sound. Non bisogna però pensare di avere a che fare con uno strumento dal timbro freddo e compresso. Certo l’output invidiabile degli humbucker mette a dura prova i clean, ma di contro tende a scaldare per bene i preamplificatori per ottenere una voce calda e profonda. Il manico regala ottime sorprese, soprattutto sulla settima corda che non risulta mai ovattata (merito anche di un ottimo setup già di fabbrica). 

Quando si passa alla distorsione la C7 si sente subito a casa. Già partendo dai crunch diventa graffiante. Le medie si fanno più evidenti e le basse spingono. È una gara a chi grida di più, soprattutto quando si ruota la manopola del gain. Tutto però è sempre gestibile, intellegibile. Le note, anche negli accordi più complessi, restano sempre chiare, per un sound sempre a fuoco, preciso. 



La Apocalypse è bella e comoda da suonare, un’arma letale per chi cerca una sette corde da corsa, ma che possa comunque sparare riff granitici all’occorrenza. Il prezzo è di quelli importanti, raggiunge i 1800 euro di listino (con uno street price di 1449€), ma questa Schecter li vale tutti. 

Schecter è un marchio distribuito da Gold Music 
 
apocalypse c7 chitarre elettriche schechter
Link utili
Schecter è un marchio distribuito da Gold Music
Mostra commenti     18
Altro da leggere
SL4X: in prova la Jackson da corsa per la fascia media
La Les Paul richiede più manutenzione?
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Doheny V12: gli humbucker tripli della offset G&L
Supro replica la Dual Tone di David Bowie
DC Pro è la prima Epiphone del 2019
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964