HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
peavey classic 30
di [user #48024] - pubblicato il (Modificato) 

ciao a tutti,sono un nuovo membro di accordo 
innanzitutto un saluto a tutti e poi vi volevo porre una domanda che è questa:
ho appena acuistato un peavey classic 30 (usato che mi deve ancora arrivare),è da qualche giorno che sto leggendo in giro per capirebene le caratteristiche,ma non ho ancora ben capito se è in classe A oppure no,qualcuno mi sà dare delucidazioni?
e poi in generale che consigli mi potete dare per l'uso e la manutenzione?
che cosa conviene controllare quando mi arriva?
Dello stesso autore
fender...
Commenti
di Sykk [user #21196] - commento del 13/03/2018 ore 11:10:19
Classe A/B con bias "caldo" e non regolabile senza modifiche.
Come i VOX.
Con un vero classe A non si arriva a 30 watt.
Ma... sorpresa! Suona benissimo lo stesso!
:-))))
Rispondi
di Pietro utente non più registrato - commento del 13/03/2018 ore 11:12:13
Non ti fare seghe mentali sulla classe del finale,il Classic 30 suona benissimo ti divertirai ;-)
Rispondi
di corry [user #48024] - commento del 13/03/2018 ore 12:22:42
quindi in caso di rivalvolatura non c'è bisogno di tarare il bias?
grazie delle risposte,ma sono un inesperto !!
Rispondi
di Pietro utente non più registrato - commento del 13/03/2018 ore 16:33:48
No devi solo prendere una coppia di finali "matched" e sei a posto.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 15/03/2018 ore 07:08:01
Io ho un Delta Blues, il circuito e' lo stesso., la prima volta che l'ho fatto rivalvolare il tecnico mi ha montato un trimmer per la regolazione del bias
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 13/03/2018 ore 13:32:03
Ha bias fisso quindi non regolabile, ciò significa che puoi sostituire le valvole finali (4 EL84), anche da solo (con cautela!) purché siano 4 accoppiate (matched). Per il pre non ci sono precauzioni particolari, a parte la solita cautela per non rimanere folgorati...;D
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 13/03/2018 ore 14:35:22
Si, in pratica una Plexi o una Rectifier hanno un finale che scalda meno e fornisce più potenza possibile grazie al fatto di far lavorare le finali in un punto di lavoro ottimale da questo punto di vista.
Punto di lavoro ottimale che richiede una taratura.
Nei vari Classic 30, AC30, Laney VC30 invece, il punto di lavoro è ben al di sotto della zona di rischio in cui le valvole potrebbero non lavorare correttamente (distorcere), quindi se da una parte ottieni una potenza inferiore, dall'altra hai il vantaggio di poter cambiare le valvole senza preoccuparti di fare la taratura.
Tutte le preamplificatrici invece, ovviamente sono stadi di amplificazione classe A, come succede in TUTTI gli amplificatori.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 13/03/2018 ore 16:05:4
Il bias regolabile ce l'ho anche su ampli non im classe A. Il fatto che certi escano fixed bias è solo una scelta progettuale.
Vedi ad esempio il Bassman, la versione RI è fixed mentre nella LTD puoi regolarlo.
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 13/03/2018 ore 16:57:12
Ma infatti si parla proprio di amplificatori NON in classe A.
Quelli in classe A che io sappia hanno sempre il bias fisso a metà della zona di lavoro.
Ah, più su ho fatto dei riferimenti a "hot bias" ma volevo scrivere "cathode bias", chissà dove avevo la testa.
Ecco, questo link sopperirà al mio pressapochismo:
vai al link
Rispondi
di KJ Midway [user #10754] - commento del 13/03/2018 ore 19:16:1
Allora non avevo capito perché citavo plexi e rectifier.
Comunque quella che indichi "metà zona di lavoro" è quel punto a metà della retta di carico che indica il punto di taratura "ideale" per gli ampi single ended.
Per quanto riguarda il bias degli ampli da te citati solitamente il produttore lo regola un po' freddo più per un discorso di durata che non di qualità, tranne sull'AC30 che solitamente è già regolato bello caldo.
Rispondi
di corry [user #48024] - commento del 13/03/2018 ore 15:58:00
grazie a tutti,ora mi è piu chiara la cosa !!
se ci sono altre cose importanti da saper sull'ampli ditemele pure !!
Rispondi
di alexus77 [user #3871] - commento del 13/03/2018 ore 22:24:10
Hai preso il mulo degli ampli per eccellenza. Se e' ancora un modello made in USA, anche meglio. E' stato il mio ampli principale fino a che non ho comprato un Deluxe Reverb. All'epoca non avevo spazio in casa, e ho venduto il mio... una delle peggiori scelte che abbia mai fatto.
Un cambio valvole (consiglio JJ) e speaker, e sei a posto. Per lo speaker, consigliatissimo rimpiazzare lo stock 16ohm con uno da 8ohm, da collegare alla presa speaker cab jack sul retro. Io avevo messo un Reverend Alltone, che suonava da paura, credo che un alnico ci vada anche alla grande.
Qui un bel po' di dritte su modifiche se ti interessa
vai al link
Rispondi
di corry [user #48024] - commento del 15/03/2018 ore 13:14:11
grazie a tutti raga,mi state dando dei consigli preziosi che metterò in pratica appena mi arriva l'ampli
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
Incontra e conosci Billy Gibbons
Workshop a Custom Shop Milano
Fender spiega la Jazzmaster
Boss WL: trasmettitori smart per tutti i gusti
I vostri articoli
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Come creare true bypass, looper e footswitch
I compleanni di oggi
Denis Buratto
spdylab
robe
Roberto250683
eliamariani
Lolloo
Claudio80
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964