HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
di [user #116] - pubblicato il

Lavorare alla propria formazione di musicista e, di conseguenza, alla costruzione di un' attività lavorativa e professionale in questo ambito, è un processo che non si limita alla pratica e allo studio tecnico e teorico del proprio strumento. Entrano in gioco valutazioni, investimenti e decisioni artistiche e professionali importanti. Ce ne parla Roberto Gualdi, uno dei migliori e più apprezzati batteristi italiani, che debutta con la sua nuova rubrica su Ritmi.
Roberto Gualdi, rifacendosi alla sua carriera,  traccia un percorso ideale attraverso il quale ha saputo orientare le sue scelte artistiche e indirizzare la sua strada professionale.
Per prima cosa, è necessario rivendicare l’importanza della componente anche puramente commerciale del proprio lavoro. Chi decide di fare il musicista come attività professionale non può esimersi da questo aspetto che è decisivo. “Tutti abbiamo comunque da pagare il mutuo” e un musicista, nello scegliere in quali attività investire, è tenuto a valutare quali gli garantiranno le condizioni più vantaggiose. Però, una volta assodato l’aspetto concreto della professione, Roberto ha chiarito come gran parte delle scelte che hanno orientato la sua carriera siano state dettate dall’istinto.

Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
Foto di Orazio Truglio

L’istinto lo ha portato ad abbracciare, nel tempo, quelle situazioni lavorative che gli avrebbero garantito gioia e benessere in quello che avrebbe fatto e suonato.
“Nel valutare in quali avventure musicali cimentarsi, alla fine, l’ultima parola spetta alla felicità. Quando decidi di fare un tour ti aspettano lunghissimi periodi on the road; autostrade, hotel, aeroporti: una quantità enorme di tempo da passare a stretto contatto con altre persone che lavorano con te. E’ impegnativo. Ma se ami la musica che hai scelto di suonare, il progetto nel quale hai deciso di investire, sali sul palco e tutte queste fatiche sono ripagate. Sei felice e ti rigeneri”.
Lavorare in un contesto musicale che si apprezza è una maniera per esercitare la propria professione in modo più sereno e appagante. Con gioia.
Per tanto, è necessario che un musicista cerchi di capire, veramente, quali siano i contesti musicali che lo appagano maggiormente, quelli nei quali sente di poter offrire con più leggerezza e facilità, il meglio del suo talento e del proprio impegno.
Roberto spiega come gli sia apparso evidente, da subito, che questa gioia nel suonare si trovasse nei contesti musicali che gli permettevano di esprimersi: di mettersi in gioco in maniera unica e peculiare come musicista.
 “Ci sono tournée che, obiettivamente, che le faccia un musicista piuttosto che un altro, non cambia molto. Tutto è talmente standardizzato e prodotto - tra arrangiamenti e sequenze - che se un batterista ha un bel suono, suona bene con il click, il progetto funziona, gira. Il tutto senza mettere in gioco una particolare originalità musicale. Io, invece, ero proprio alla ricerca del contrario.  Situazioni in cui proprio la mia personalità, il mio apporto artistico individuale, potessero fare la differenza. Per questo ho cercato, negli anni, di trovare artisti con cui esistesse un dialogo, una complicità differente: che volessero espressamente il mio modo di essere. E sono felice di suonare in contesti in cui percepisco ci sia un'interazione importante tra me e l'artisa. Roberto Vecchioni lo ascoltavo da piccolo e conoscevo i suoi pezzi, i suoi testi da prima di suonarci. Ogni tanto, mentre siamo in viaggio, gli chiedo dettagli su vecchie canzoni, dischi. E delle Premiata Forneria Marconi non parliamone nemmeno: da ragazzino avevo il loro poster in camera."

Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
Foto di Giovanni Mitolo

In questo percorso professionale e, prima ancora formativo, una prospettiva decisiva è offerta dal confronto con la carriera e la storia dei grandi musicisti che ci hanno preceduto.
“Ho iniziato a maturare questa ambizione sin da ragazzino. Simon Phillips era un esempio. Lui suonava con tutti ma sempre mantenendo una sua voce precisa, un’identità chiara, uno stile definito. E stessa cosa valeva per Manu Katchè. Erano due tra i miei eroi e ammiravo la loro capacità di portare - o mantenere - sempre la loro personalità nei progetti in cui erano calati, riuscendo così a farne veramente parte.”



Roberto Gualdi è un gigante della batteria italiana. Ha suonato, tra i tanti, con Lucio Dalla, Nek, Piero Pelù, Enzo Jannacci, Ron, Elio & Le storie Tese e Dolcenera. Attivissimo come didatta (sua la cattedra di batteria al CPM di Milano) è un musicista versatile e curioso che spazia tra l'attività come session man di lusso
( batterista nelle trasmissioni televisive XFactor o Zelig) a progetti di sperimentazione e ricerca come Twinscapes, trio strumentale con  Lorenzo Feliciati e Colin Edwin, bassista dei Porcupine Tree. Da anni ha consolidato la sua collaborazione artistica con Roberto Vecchioni e la Premiata Forneria Marconi.
Siamo orgogliosi di presentare la sua rubrica, Rob's Corner, su Ritmi. Roberto parlerà di musica, batteria, ascolti, ritmo, chitarristi e mille altre cose. Dispensando, ogni volta, spunti e consigli preziosi. Ben venuto Roberto! (Gianni Rojatti)
batteristi lezioni lezioni di batteria roberto gualdi Rob's Corner
Link utili
Il sito di Roberto Gualdi
La pagina officiale di Roberto Gualdi
Il corso di batteria di Roberto Gualdi sul sito del CPM
Tama, la batteria di Roberto

Altro da leggere
Pubblicità
Marco Minnemann fa 13!...
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16...
Un ostinato alla Simon Phillips...
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi...
Pubblicità
Ellade Bandini: copiare da tanti...
Aaron Spears: sospensione & pulsazione...
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani....
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di...
PFM: doppia batteria o batteria doppia?...
Doppia cassa: non solo ritmica ...
Linear Fill: il metodo di batteria ...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio...
Come le batterie dei dischi...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line...
Commenti
di MM [user #34535] - commento del 16/03/2018 ore 20:41:04
Un grandissimo.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 17/03/2018 ore 11:52:00
Benvenuto! Ben venga una rubrica che serva pure a chitarristi e bassisti. A quelli della Daw (e se consenti) c*e da piratare vai al link e farci qualcosa.
Rispondi
di LaPudva [user #33493] - commento del 18/03/2018 ore 12:07:22
Evvai Roberto! :D
Rispondi
di maurizio lauroja [user #7491] - commento del 23/03/2018 ore 08:39:09
Mi accodo :)
Rispondi
di Carrera [user #31493] - commento del 19/03/2018 ore 08:52:05
Conosco bene Guali perchè l'ho visto in azione molte volte: PFM (forse 2 o 3), con Cesareo e la band di cover e recentemente con il tour RG di Ibanez.
Secondo me è uno che ha molto da insegnare perchè si vede che pensa da musicista e non solo da batterista. Ha tecnica, suono, gusto e sempre scelte musicali. E una versatilità pazzesca. Molto bello leggere cosa passa per la testa a un musicista del genere.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964