CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Il chitarrismo secondo Dave Grohl.

di [user #43248] - pubblicato il
E noi che ci smazziamo sulle logiche tra melodie e armonie!
In fondo sono le idee che che portano al successo!!

C'e' da dire onestamente pero' che nel suo caso la strada era gia' spianata. A me piacciono tantissimo i Foo Fighters , ma non farei tanto il fenomeno al posto suo. Terrei il poster di Curt Cobain sulla testata del letto e una preghierina tutte le sere. :)
Dello stesso autore
I'm still flying to Baton Rouge !!!
Upgrade Harley Benton 450 vintage plus (l'ennesimo)
Buone Feste !!!
Un autentico diavolaccio
Fangose sensazioni
Dilemma del postuccio nell'astuccio !
Parlando di SG
Due buoni motivi.....
Loggati per commentare

di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 25/03/2018 ore 10:28:55
Lui e' un fenomeno, non ha bisogno di atteggiarsi a tale...in quanto al poster di Kurt Cobain per quello che ne so non e' che andassero molto d'accordo.
Non credo che si sia trovato la strada gia' spianata: cominciare un nuovo progetto dopo quello che han significato i Nirvana non deve essere stato per niente facile, la diffidenza, l'attaccamento dei fan verso i Nirvana, il diventare un front man con la chitarra in mano e non piu' dietro la batteria...piu' di vent'anni dopo e con grandi dischi alle spalle con i FF dicono che quest'uomo e' un vero fenomeno, la grinta che ha sul palco e' incredibile...a me Kobain mette tristezza solo a guardarlo in faccia.
Per quello che mi riguarda preferisco 100 volte i FF ai Nirvana.
Rispondi
Loggati per commentare

di team72filo [user #20000]
commento del 25/03/2018 ore 11:52:50
I gusti non si discutono,per carità,ma a prescindere da questo nella storia del Rock i Nirvana occuperanno un bel capitolo,ai Foo toccherà si e no un trafiletto molto probabilmente con riferimento diretto al capitolo di cui sopra...detto questo DAVE GROHL E' UN FENOMENO
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 25/03/2018 ore 11:57:32
Sante parole!
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 25/03/2018 ore 12:28:26
"nella storia del Rock i Nirvana occuperanno un bel capitolo"...probabile, soprattutto grazie al fatto che il leader si e' suicidato.
"ai Foo toccherà si e no un trafiletto molto probabilmente con riferimento diretto al capitolo di cui sopra."....non credo che piu di vent'anni e dieci album e tutti i Grammy vinti (per ora) potranno essere liquidati in un trafiletto....ed il capitolo di cui sopra sara' solo una palla al piede...staremo a vedere.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 25/03/2018 ore 12:36:04
Il fatto che liquidi l'importanza dei Nirvana con il fatto che Kurt Cobain si è suicidato non fa onore alla tua cultura musicale,d'altra parte colleghi il valore di una band al numero di album incisi ed ai Grammy vinti...
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 25/03/2018 ore 10:34:07
Sicuramente un bel gruppo i FF, anche se sono sicuramente sopravvalutati e soprattutto in questi ultimi anni proprio quando la loro produzione si è appiattita come fantasia.
Non mi piace molto come hanno impostato il loro sound, con tutte quelle chitarre che fanno un muro di suono ma non si capisce cosa facciano, ma sono di parte essendo venuto su con la chitarra monotraccia di Van Halen che da sola ti stende.
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 25/03/2018 ore 11:25:04
Eh beh...... hai detto poco! Quelli cosi' non li trovi nelle patatine!!:)
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 25/03/2018 ore 11:47:38
----Non mi piace molto come hanno impostato il loro sound, con tutte quelle chitarre che fanno un muro di suono ----
Sono d'accordo con te, non sono un loro fan ma quando li ascolto ho sempre l'impressione che ci sia troppa roba nel loro sound e nei brani, specialmente troppe chitarre.
Non sono mai stato un grande appassionato di band che hanno più di una chitarra al loro interno, a parte qualche caso una basta e avanza.
Rispondi
di kelino [user #5]
commento del 25/03/2018 ore 10:44:59
Ho visto un documentario sui FF.
Grohl c'ha i coglioni "tanti".
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 25/03/2018 ore 11:14:24
Anch'io lo visto....e non mi e' piaciuto il modo che aveva di sbarazzarsi dell'uno o dell'altro, al punto che anche il primo chitarrista se ne era spontaneamente andato e che lui e' tornato a cercare.
Ovviamente il documentario segue il filo del" senza quelle scelte non sarebbero arrivati li" pero' nessuno puo' dire viceversa come sarebbe andata!
Anch'io lo stimo comunque , sia come artista che come carisma indispensabile per la band, anche per la scelta di registrare analogico.Sicuramente e' uno che sa' quello che vuole e che si c'ha i co***mi come dici. Un po' troppo ingombrante come personalita' .....forse!
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 25/03/2018 ore 12:35:22
e' successo che un giorno Roger Waters, Nick Mason, Rick Wright e Dave Gilmour si stavano recando a suonare ad una delle tante feste della birra nelle campagne inglesi quando ad un tratto qualcuno esclamo':" cavoli ragazzi, ci siamo dimenticati Syd!"...e qualcun altro rispose: "al diavolo...guida ed andiamo a suonare"
Nessuno sa come sarebbe andata la storia se Syd Barret fosse rimasto nei Pink Floyd, abbiamo davanti solo quello che e' successo senza se e senza ma...
Personalita' ingombrante? probabilmente ma senza di lui e la sua energia questa band sarebbe probabilmente una delle tante band anonime che naviga nel marasma della musica rock
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 25/03/2018 ore 14:54:34
"abbiamo solo quello che e' successo senza se e senza ma.."
Appunto , lui nel documentario citato de Kelino mette in evidenza il fatto che sono state le sue scelte anche dolorose a far si che la loro storia potesse andare avanti!
Sarebbe bello parlarne con Smear ...
Comunque mai senza di lui....anche perche' nei video e dal vivo e' un'assoluto talento .
Mi fa' impazzire il video con Jack Black
vai al link
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 25/03/2018 ore 11:59:39
SONO LE IDEE CHE PORTANO AL SUCCESSO è una frase tanto vera quanto spesso dimenticata,soprattutto dai chitarristi...pensa che Lester Bangs sosteneva che un buon disco rock non poteva essere fatto da gente che sapesse davvero suonare...poi certo,il buon Lester amava esagerare e non solo nelle sue affermazioni
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 25/03/2018 ore 12:43:29
"Lester Bangs sosteneva che un buon disco rock non poteva essere fatto da gente che sapesse davvero suonare".....mi vengono in mente i Led Zeppelin, i Jethro Tull ma anche i Pearl Jam e gli stessi Foo Fighters e tanti altri ...e mi viene da ridere....Lester chi???
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 25/03/2018 ore 13:03:16
A me sembra che la stai prendendo un po' sul personale...
Ho scritto io per primo che Lester Bangs amava esagerare,ma il nocciolo dalla questione e' il fatto che le band che citi come TUTTE le grandi rock band prima che essere formate da grandi virtuosi avessero(utilizzo di proposito il tempo passato perché sia i PJ che i Foo il loro meglio lo hanno dato da mo',i foo non sono nemmeno questo esempio di virtuosismo musicale volendo fare le pulci al tuo concetto)grandi idee musicali.
Se non conosci Lester Bangs mi spiace per te,magari informati,potresti fare piacevoli scoperte,di certo ha vinto meno grammy di Katy Perry
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 26/03/2018 ore 00:52:35
no....mi spiace non essere riuscito ad esprimere come si deve il mio pensiero: saper suonare a mio parer non significa assolutamente far virtuosismo...i Pink Floyd, tanto per fare un esempio banalissimo ma perfettamente calzante sanno suonare pur non essendo dei virtuosi cosi come gli Stones o i Beatles e tanti altri....riferendomi al mio precedente commento il peso dei Nirvana lo vedo piu' a livello sociologico che strettamente musicale cosi come lo sono stati i Sex Pistols o altri....i Sex Pistols che hanno segnato pesantemente un certo periodo alla fine degli anni '70 (anche se costruiti a tavolino all'insaputa di tutti) alla fine sono finiti nel dimenticatoio a testimonianza che, a mio modestissimo parere le mode, i trend, vanno e vengono ma la musica resta....il numero di album realizzati (non parlo di vendite sia ben chiaro) sono comunque una testimonianza tangibile di cio' che una band ha da dire, sara' poi di chi ascoltera' il compito di valutare il valore di tale testimonianza....nel caso dei FF io ho ascoltato dieci dischi di rock che molto spesso mi hanno emozionato cosa che non mi capitava dall'epoca di "Ten" dei PJ ....ecco, a differenza dei FF i PJ non sono piu' riusciti a produrre un album che avesse lontanamente (sempre a mio parere) la freschezza e l'energia del loro primo album, hanno pure fatto cose diverse, anche buone ma che non hanno raggiunto l'apice toccato con quel disco mentre i FF a mio parere si sono migliorati col tempo e secondo me ....i Nirvana a mio parere con Nevermind avevano gia' detto tutto in quanto l'album successivo, Utero lo trovo inferiore anche al primo...
In quanto al buon Lester ho voluto essere u n po' provocatorio.... probabilmente e' morto troppo giovane, penso che con il tempo, messo da parte l'ego smisurato e la voglia forzata di essere originale sarebbe diventato un grande scrittore....sicuramente meglio che come cantante/compositore
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 26/03/2018 ore 20:48:16
Posta in questo modo assume tutto un altro valore,poi si può concordare o meno,per come la vedo io il contesto sociologico e la musica che ne è espressione vanno di pari passo,è sempre stato così,se un disco come Never mind the bollocks uscisse ora lascerebbe indifferente pure i miei figli di 4 anni,invece come di certo saprai nel Giugno '76 il concerto dei Sex Pistols alla Manchester free trade hall con un pubblico di cinquanta persone o poco più ebbe un impatto tale su questi che diedero vita alla scena musicale più importante-e migliore- della Gran Bretagna da quel momento ai futuri 15 anni.Stessa cosa per Nevermind a suo tempo ed in quel contesto sociale e musicale ebbe un impatto devastante e da allora non c'è stato un album rock più importante di quello e questi al di la del polverone mediatico e dei trend più o meno costruiti che seguono questi eventi sono e rimarranno pietre miliari,c'è un prima e c'è un dopo.
Io Dave Grohl lo adoro,in tutta la sua carriera ha in ogni cosa che ha fatto-e ne ha fatte davvero tante- espresso al massimo e con grandi risultati il suo amore e la sua passione per la musica,a suo tempo da grande fan dei Nirvana ho apprezzato molto il suo voler proseguire la carriera,pensa che ero al primo concerto europeo dei foo al festival di Reading ed ad inizio di quel settembre li vidi suonare-AGGRATIS-alla festa dell'unità di Modena,però con tutta la stima che ho per lui i suoi lavori non possono essere paragonati come valore a ciò che fece con i Nirvana.
Rispondi
di JFP73 utente non più registrato
commento del 25/03/2018 ore 12:06:05
L'essere un ex nirvana sicuramente lo avrà aiutato dal punto di vista finanziario e come entrature nel music business ma per il resto credo che non debba ringraziare nessuno, si è fatto da sé prendendosi anche il rischio di lasciare il suo ruolo di batterista.
Tanta stima
Rispondi
di coprofilo [user #593]
commento del 25/03/2018 ore 16:48:54
Credo che Dave abbia avuto un ruolo sottovalutato nella storia dei nirvana. I nirvana di bleach erano una buona band ma non erano certo la band del momento. Dave veniva dagli Scream, band molto underground ma conosciuta e stimata a livello mondiale, band inserita nella scena hardcore ma molto diversa dal 99% delle band che gravitavano nella stessa orbita. Ricordo che all'epoca la cosa non passò inosservata. Dopo il suo ingresso uscì nevermind, disco decisamente divun altro livello rispetto a bleach che pure è un gran bel disco. Poi venne il grande successo, nacque la divinità di kurt e nacque InUtero che fu un disco importante ma non a livello di nevermind. Poi accadde quello che tutti sappiamo, e da li saltò fuori Dave con i foo fighters ed altre cose di altissimo livello. Il tutto non più da batterista ma da cantante/chitarrista, cambiamento non facile. Ultimamente trovo che siano un po'appannati, probabilmente gli interessa più garantirsi un buon rientro economico piuttosto che creare musica "innovativa", però alla fine di questo pippone mi sento di dire che Dave non abbia "fatto carriera" grazie ai Nirvana ma sia stato fondamentale per la carriera dei Nirvana stessi e che il suo successo attuale sia merito della sua storia musicale e non solo dei pochi anni nei Nirvana.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 26/03/2018 ore 10:52:12
Mah, presupposto che di questo tipo di intervista ce ne sono a centinaia: musicisti affermati che fanno finta che comporre sia come bere acqua fresca, occorre un po' di realismo. Senza studiare o armonizzare puoi cavar fuori 10 canzoni, 20, ma poi inevitabilmente torni ai clichè che conosci.
Sul fronte del rapporto con Cobain, non so se Grohl debba ringraziare quegli o i suoi genitori o suo nonno; però da non fan (di entrambi) non posso non riconoscere quel che altri hanno scritto prima di me: prima di Grohl non è che i Nirvana abbiano fatto sfracelli e dopo i Nirvana il nostro si è inventato un gruppo tutto nuovo e si è anche ben smarcato dal Nirvana Style.
Ciao
Rispondi
di Oblio utente non più registrato
commento del 26/03/2018 ore 21:02:30
Ciao ! Ecco tu hai colto il punto ...perche' uno a freddo che guarda quest'intervista , vede un Dave Grohl che se ne esce dicendo : " Si sapevo suonare gli accordi semplici in prima posizione e osservando la chitarra la prima corda corde e la converto in grancassa , le altre viai via nei muti infine le ultime nei piatti e ale' eccomi qua!!l"
Ti viene da dire (io ho un po' esagerato citando Cobain in quel modo ) , ma insomma ce lo vedi un pincopallino sconosciuto che passa dalla batteria alla chitarra e mette su una band di successo!
Io l'ho sempre visto suonare come un comune mortale a parte certi riff corde a vuoto studiati ad arte e di grande effetto ..per amor di Dio , ma in ogni caso sei un ex Nirvana e i tuoi fans ti conoscono come tale e ti riconoscono anche il merito di aver contribuito come batterista alla ribalta mondiale di quella band ,poi ovviamente grazie al tuo carisma e alla tua bravura e alla tua bella testa , perche' sei un tipo in gamba. Novoselic ad esempio non puo' dire la stessa cosa avendo messo su band anche lui , ma non fare quello che la butta sul facile perche' per te e' cosi'.Come fosse irrilevante il fatto che hai dato il tuo numero di tel a Novoselic che ti ha chiamato per venirti a vedere con Curt che successivamente a sua volta ti abbia ingaggiato .
Poi dici bene anche sostenendo che si e' smarcato dai Nirvana (la cui storia e' stata breve per le ragioni che conosciamo) anche perche' via via si e' passati da un'evocativo Grunge a un piu' schietto Punk/rock, con canzoni piu' orecchiabili e di piu' facile composizione ,anche dal un punto di vista dei testi ! Anyway W i FF e W Dave Grohl per il rock che ancora oggi ci da' . :)
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 26/03/2018 ore 20:19:57
Una delle poche, vere rockstar che ci sono rimaste. Onori.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Tre super-Strat da Charvel per il Summer Namm 2019
Timing, plettro e altre storie
Silverwood: torna “il meglio” del catalogo Supro
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg
Daniel Kelly II è il vincitore del “Shure Drum Mastery 2019”
Brexit Guitar: dreadnought satirica da Martin
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964