CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Il suono del Big Muff... parliamone

di [user #21196] - pubblicato il
Voglio condividere la mia esperienza dato che ho da poco un Big Muff (versione American) in pedaliera, via di mezzo tra fuzz e distorsore, dotato di un controllo toni molto particolare che regala un suono intrigante.
(continua nei commenti)
Dello stesso autore
Regressione a bedroom player
Pickups - pensieri sparsi
Simulatori e IR (Impulse Response)
La musica si può sempre ricondurre a una tonalità o a una scala?
Pedaliera da viaggio di Paul Gilbert
Tappi per musicisti
Nuova chitarra da Leo Fender
Fender Alternate Reality (con video)
Loggati per commentare

di Sykk [user #21196]
commento del 04/04/2018 ore 12:38:17
Per chi non lo sapesse, col tono si regolano il livello degli alti e dei bassi, quando gli uni si abbassano, gli altri aumentano e viceversa (cercate “big muff tone response” su google immagini per avere il dettaglio).

E i medi? Assenti ingiustificati intorno al kilohertz (nella versione russa la curva dei bassi in realtà sconfina un po’ di più verso le medie, per questo emerge meglio nel mix).
Il Ram’s Head è ancora più scavato ma non è un problema se lo utilizzi su un medioso Hiwatt, mentre fa indispettire i fan di Gilmour che cercano lo stesso suono su altri amplificatori.

Problema: già il suono è confuso per la fuzzosità del pedale, e l’assenza di medie lo rende ancora meno intelligibile suonando insieme alla band.

Soluzione1: Tube screamer a monte, in questo modo le medie escono leggermente meglio, ma niente di radicale, e cambia anche il carattere del pedale che fa uscire bene anche i palm muting.

Soluzione 2: Equalizzatore a valle, pompando le medie il suono viene trasformato, non sembra neanche più lo stesso pedale, può funzionare se si vuole un bel suono pieno da assoli (Gilmour), me se volete il suono ritmico grunge e cattivo non potete esagerare, quasi impossibile trovare uno “sweet spot”.

Soluzione 3: Limitarne l’uso a pochi pezzi, quelli dove il suono così confuso funziona, c’è anche il vantaggio che se sbagliate gli accordi nessuno se ne accorgerà

Soluzione 4: Usarlo solo nei dischi e fare concerti solo negli stadi, così il suono acustico della batteria non è predominante ed il fonico in qualche modo si arrangia.

Va bene c’è una certa ironia, comunque quello che è sicuro è che si tratta di un pedale unico ma complicato, non a caso è uno di quelli più comprati, rivenduti e ricomprati della storia.
Rispondi
di Stewe15 [user #39871]
commento del 04/04/2018 ore 13:06:44
Ho posseduto il Big Muff versione americana per un bel po' e, benché da solo sia poco gestibile, si può risolvere con un qualsiasi od a patto che sia medioso. Ovviamente il trucco sta nell'usare l'od con pochissimo gain e tanto volume. In molti dicono che è ingestibile ecc... ma la verità è che è lo è se setti male la manopola del sustain. Infatti ha fin troppa distorsione e consiglio vivamente di usarlo con la manopola del sustain ad ore 9 o giù di lì (massimo ad ore 10/11).
Ora sono passato ad un clone del Ram's Head perché ha delle frequenze alte (a prescindere dalla regolazione del tono) che mi fanno impazzire.
Devo dire che mentre sulla versione americana posizionando il tono a metà (ore 12) scava le medie, nelle altre versioni questo non succede.
Concordo sull'equalizzare con un eq a valle, poiché, se regolato a dovere, ti fa uscire bene soprattutto nei soli.
Le alternative sono comprarsi una qualsiasi delle versioni russe che hanno molti più medi oppure un clone della prima versione (triangle big muff).
N.B. Dico clone perché la versione originale è inavvicinabile :)
Tuttavia a prescindere dalla versione di Big Muff, consiglio di boostarlo comunque con un pedale prima del Muff.
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 04/04/2018 ore 13:57:23
Credo che tu stìa facendo un po'di confusione:
Il controllo di tono del bigmuff è in realtà la regolazione di quale frequenza di medie andiamo a tagliare. In altre parole c'è un equalizzatore che taglia totalmente le medie e tu col controllo di tono scegli quale frequenza di medie togliere.
Quindi, come ti è stato già detto, se ti servono medie, cambia pedale!
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 04/04/2018 ore 14:02:12
Non è proprio così, anche se in parte il risultato è quello che dici tu, vedi la figura 4.1 al link:
vai al link
Il punto è che per il grunge è bello quel suono caratteristico senza medie, per questo cambiare pedale non è un'opzione.
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 04/04/2018 ore 13:05:07
Soluzione 5 valutare altro. ;))))
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 04/04/2018 ore 15:17:32
Io lo lascio con il tono praticamente a metà (un pochino sbilanciato verso i bassi, diciamo a ore 11), poco gain e buon volume, e va che è un piacere.
Rispondi
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 04/04/2018 ore 15:31:47
Soluzione 5: deluxe big muff con controllo mids dedicato e switch freQ ;)
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 04/04/2018 ore 15:43:35
Ci avevo pensato, ma non so quanto il risultato possa essere diverso dalla soluzione 2
Rispondi
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 04/04/2018 ore 16:08:18
Io ce l'ho da novembre dopo essere passato per PI, nano e little. Tutta un'altra storia. Lo uso per cose a metà strada tra smashing pumpkins e kyuss. Mi ci sto trovando da dio. Ho ultimamente provato pure la reissue del green russian. Si pappa pure quello!
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 04/04/2018 ore 20:19:37
Ma come lo usi, mid boost sempre attivo oppure è comunque meglio per le altre funzionalità?
Rispondi
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 04/04/2018 ore 23:14:3
Sì, sempre attivo. Molti lo usano per le parti solistiche. Io invece lo boosto con un altro fuzz.
Qui ci sono dei suggerimenti sui settaggi:
vai al link
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 05/04/2018 ore 11:37:14
Concordo. C'è pure il controllo Attack che è geniale.
Oppure Custom Muff Costalab, medioso di suo, buca tranquillamente il mix.
Rispondi
di Lisso [user #45363]
commento del 04/04/2018 ore 18:00:2
Consiglio di bypassare totalmente il controllo di tono con una modifica al circuito (tipo il Big Muff Tone Wicker).
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 05/04/2018 ore 09:20:57
Big Muff w/ Tone Wicker: si può bypassare il tono per un suono ancora più devastante e si può scegliere tra una configurazione più mediosa e una più scavata. Per me è uno dei migliori Big Muff in circolazione :-)

Io ho un Pi americano, ma il Tone Wicker lo prenderei molto volentieri perché tira fuori sfumature davvero interessanti ed è molto più sfruttabile negli assoli.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 05/04/2018 ore 10:02:04
Quindi hai avuto modo di confrontarli fianco a fianco?
Sicuramente il Deluxe è quello che offre più possibilità ma anche il Tone Wicker in effetti sembra piuttosto interessante.
Adesso poi c'è anche il reissue della versione con amplificatori operazionali (Op Amp), anche quello è interessante ed ha il bypass del tono.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 05/04/2018 ore 10:18:03
Ho provato solo nano, micro, pi grande e tone Wicker. Il nano è identico al classico pi Americano; il micro è sempre nel solco ma è leggermente diverso timbricamente; il Tone Wicker riesce a suonare come il classico Pi, ma offre anche un suono più "potente" escludendo il controllo di tono e uno più medioso inserendo il Tone Wicker. Con il Tone Wicker inserito siamo in territorio Gilmour, per intenderci. Il bello è che quel suono tipico del Big Muff su un Hiwatt, cremoso e medioso, lo ottieni anche su un ampli stile Fender, cosa impensabile col classico Pi :-)

Il Deluxe non lo conosco affondo, sicuramente è più flessibile. Per l'uso che ne farei io, il Tone Wicker basterebbe :-)
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 27/04/2018 ore 11:34:05
Siccome ero curioso ho scaricato il tone stack calculator ed ho provato a mettere i valori dei componenti dei vari Muff.
vai al link

Ho scoperto una cosa interessante, nell'Opamp si ha il bilanciamento tra alti e bassi col tone a ore 1.00 - 1.30, proprio come lo setta Corgan, mentre sui Muff a transistor questo bilanciamento è a ore 12.00, quindi chi copia i settaggi di Corgan sui Muff a transistor sbaglia in partenza.
Inoltre il "buco" di medie frequenze con l'Opamp è intorno ai 600Hz, mentre sul russo o sul PI standard è sopra i 1000Hz. Per questo bucano in modo così diverso.
Rispondi
di AlexEP [user #35862]
commento del 05/04/2018 ore 10:58:2
Io ho il Custom Muff della Costalab ed il Ram's Head della Vick's Audio. Il primo è medioso di suo, l'altro ha uno switch che ti permette di avere il Big Muff in versione midscooped, flat o midboost.
Per quanto concerne l'uso, io lo spingo alternativamente (a volte anche congiuntamente) con compressore, boost e blues driver (a seconda del suono che mi serve) ed ho Hiwatt valvolare. Suoni solistici eccezionali.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 05/04/2018 ore 11:59:28
Se ti piacciono le versioni con tante alternative ci sarebbe l'Hoof Fuzz, che permette un controllo continuo tramite manopola tra scooped, flat e mid boost.
Sono comunque modifiche fattibili facilmente al Muff (esclusi i modelli con componenti SMD) o ad uno dei tanti kit di montaggio.
Rispondi
di AlexEP [user #35862]
commento del 05/04/2018 ore 15:28:32
Grazie ma sono a posto! Ho anche un Civil War, Un Little Big Muff ed il FZ7 della Biyang (che suona come il Pi) ;-)
Rispondi
di NorwegianWood [user #18676]
commento del 06/04/2018 ore 08:17:24
Mai provato il Triangle Buff della Mooer? ;-)
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush
Nembrini Audio PSA1000 Analog Saturation Unit e PSA1000Jr
Slö: riverbero Multi Texture
Anche Way Huge nella guerra dei Klon
L'ottava edizione di Piano Milano City
Game Of Thrones suona Fender
Carbon Copy aggiornato e in miniatura
Brian Johnson tornerà in tour con gli AC/DC
Batteristi al centro dell'attenzione
MOD 5: patch bay e IR loader in pedaliera
Gibson: conto alla rovescia per il nuovo catalogo
Schertler in Italia con Aramini
Godin fa ascoltare le sue prime acustiche

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964