HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
di [user #116] - pubblicato il

Sbadataggini, agitazione, ansia da prestazione possono vanificare la nostra concentrazione prima di uno show. E comprometterne la buona riuscita. Come ci si prepara a un concerto? Lo abbiamo chiesto a uno dei più grandi batteristi del pianeta, Virgil Donati.
Virgil Donati è senza dubbio il batterista di riferimento nel progressive più moderno. Capace, in questo genere, di contaminare il suo drumming con i linguaggi del metal e della fusion, ha accompagnato i più grandi chitarristi del pianeta: da Holdsworth a Vai, passando per Gambale e Henderson. Siamo riusciti a raggiungerlo in occasione del recente tour italiano dei suoi Icefish (splendido progetto prog metal con Marco Sfogli alla chitarra) per parlare di warm up, songwriting, fraseggio e personalità.
In questo primo appuntamento, abbiamo chiesto a Virgil Donati quali siano le sue abitudini prima di un concerto.
Per capire come, a fronte dei repertori e generi straordinariamente complessi con i quali si cimenta, trovi la giusta concentrazione e la necessaria scioltezza prima di salire sul palco. Ne sono usciti una manciata di consigli che torneranno utili a batteristi e musicisti di ogni livello.

Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show

"Se devo pensare a quelle che sono le mie abitudini prima di un concerto, le cose che faccio  per preparami e concentrarmi, in realtà è il soundcheck l’aspetto per me predominante. Se possibile cerco che questo sia il più lungo, dettagliato e minuzioso possibile. Il soundceck non serve solo a ottimizzare suoni e ascolti: va bene per scaldarsi e jammare con gli altri musicisti. Questa pratica mi aiuta ad arrivare rilassato e pronto al concerto. Ovviamente il tempo che puoi prenderti per un soundcheck varia a seconda delle location, della situazione in cui sei coinvolto e, ovviamente, del tempo che hai a tua disposizione. 
Quando sei in tour devi prendere quello che arriva e adattarti: dal soundcheck, al tempo che hai per scaldarti non è sempre detto che tu possa gestire questi tempi come preferisci. 

Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show

In generale, però, io sono a stretto contatto con il mio strumento ogni giorno, da una vita. Mi esercito sempre e questo mi offre il grande, prezioso, vantaggio di sentirti praticamente sempre pronto, per qualunque cosa.
Ecco, una cosa importante: quando sei in tour e suoni molti show, suoni con un’intensità che è molto superiore a quella che spendi e utilizzi quando ti eserciti. Per questo le mie sessioni di pratica e riscaldamento in tour non sono mai troppo veloci ed energiche e, soprattutto, troppo lunghe. Mi basta suonare quel pò, per sciogliermi appena, e subito mi sento a mio agio, pronto per il concerto. E questo ,senz’altro è merito dello studio e della pratica quotidiana. 
Quanto a quelle abitudini legate al pre concerto, tipo farsi un drink tra amici, rilassarsi chiacchierando e scherzando, sì, perché no. Anche se io bevo solo acqua, e praticamente non tocco alcuna bevanda alcolica, benchèmeno prima di un concerto."

batteristi lezioni di batteria virgil donati
Link utili
Il sito di Virgil Donati
Il sito degli Icefish
Altro da leggere
Pubblicità
In This Life - Virgil Donati...
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie...
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani....
IceFish: la nuova band di Marco Sfogli e Virgil Donati...
Pubblicità
Virgil Donati: mai farsi fuorviare dalle opinioni altrui...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio...
Questione di resistenza...
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Adam Deitch: Reggae & Dancehall...
Una doppia cassa fake...
Sons Of Apollo: ”Psychotic Symphony”...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964