CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo
Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo
di [user #17844] - pubblicato il

Abbiamo assistito al primo concerto del tour italiano 2018 di Carl Verheyen. Ecco un assaggio dello show e una sbirciata agli strumenti usati.
Carl Verheyen è tornato. Sei date lo vedono in giro per l'Italia mentre scriviamo queste righe, ancora caldi della tappa d'inaugurazione del 24 aprile 2018 al Teatro Maria Aprea, parte della struttura che ospita l'Accademia Giuseppe Verdi di Volla, cittadina appena fuori Napoli.
Carl è già noto al pubblico partenopeo, che lo aveva incontrato lo scorso ottobre per una clinic e ha accolto stavolta la band al completo con il calore di un tutto esaurito.

"Padrone di casa", Andrea Palazzo accoglie i presenti in qualità di opening act e presentatore della serata. Per lui alcuni brani strumentali, prima affidando una splendida esecuzione di "Satch Boogie" alla sua inseparabile Variax, poi completando il set con le sonorità più rock e tradizionali della Revstar. Come sempre, la sua tecnica è ineccepibile e la padronanza dello strumento regala un vero esempio di stile.
Scaldata a dovere la sala, Andrea cede il passo al blues acustico di Daniele Gigli, un "gigante buono" che approccia il pubblico dapprima riservato, quasi timido, ma dimostra una grinta invidiabile non appena il suo slide comincia a scivolare lungo le corde della resonator. In un continuo crescendo, la breve esibizione esplode in una versione di "Whole Lotta Love" coi fuochi d'artificio.

Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo

I ritmi sono serrati ed è già il momento della portata principale. Una rapida presentazione da parte dell'accademia e Carl Verheyen è in posizione. Con lui Dave Marotta al basso e John Mader alla batteria. Il tour vede la presenza eccezionale del campano Marco Corcione alle tastiere.

Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo

Assistere a un'esibizione di un musicista del calibro di Carl Verheyen fa coincidere intrattenimento e didattica. Quanto il pubblico vedrà quella sera sarà una continua lezione su come tenere il palco, interfacciarsi con gli spettatori, interagire con la band, curare il suono in una maniera a dir poco chirurgica e suonare a livelli altissimi facendo sembrare tutto dannatamente facile.

Già dal primo brano, Carl sfoggia tutta la sua esperienza. L'apertura è acustica, solid body Parker al collo. Mader attacca picchiando le pelli con le mani, dando un assaggio della sua seconda natura di percussionista che emergerà più volte durante il concerto, compreso un poderoso assolo più avanti in serata. Senza interruzioni, mentre la dinamica della canzone si fa più intensa, Verheyen trova il tempo di passare alla sua fida LSL Strat-style per un primo momento elettrico. Il Bongo a cinque corde di Marotta sorregge solido e ricco i compagni. Corcione accompagna discreto e rispettoso la formazione di consumati sessionmen, ma non mancheranno gli attimi da protagonista anche per lui, nei quali saprà farsi valere con groove e gusto da vendere.

Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo

Verheyen sembra in forma e di ottimo umore. Se c'è una parola per descrivere il suo modo di rapportarsi col pubblico è "gioviale". Il chitarrista racconta, scherza e la sala risponde con entusiasmo e partecipazione.
Il tour è un'occasione per Carl di promuovere il suo ultimo disco intitolato Essential Blues e il blues prende largo spazio nella scaletta, ma il set è ancora una volta una dimostrazione assoluta e disinvolta della versatilità stilistica che lo ha reso famoso.
Tutto avviene fluido, senza scossoni, ma in un attimo ci si trova a passare dal blues elettrico puro di "Stealing Gas" all'acustica e solare "Adeline". Non si perdono di vista passaggi che ammiccano più alla fusion, dove il solismo si fa spinto, con armonie sempre ben strutturate e un fraseggio articolato, hybrid picking in quantità e la giusta dose di lick signature con la leva del Tremolo.
Il chitarrismo di Carl, però, è sempre al servizio della canzone e la sua tecnica potrebbe quasi passare inosservata a degli occhi meno attenti. Il pubblico dell'Accademia però è composto per la maggiore di musicisti, in gran parte chitarristi, e tutti si accorgono di come il pollice spunti di tanto in tanto al di sotto della tastiera per richiamare una nota sui cantini durante un intricato arpeggio, di come gli armonici pizzicati qua e là vadano ad ampliare il range degli accompagnamenti e con quale naturalezza Verheyen riesca ad addolcire il suo crunch carico di corpo, sustain e carattere quando è il momento di omaggiare la memoria di Jerry Reed: il pollice saltella sui bassi ed è subito ragtime.

Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo

In ogni sezione, il suono non è lasciato mai al caso.
Carl ha con sé due chitarre. La Parker è riservata alle parti acustiche, mentre tutto il resto va alla LSL CVS, modello signature di liuteria californiana che vede un continuo lavoro sui potenziometri e sul selettore, anche solo per valorizzare brevi frasi con l'incisività del ponte sui bassi o la profondità del manico sui cantini.

La pedaliera è essenziale, ma completa. Un overdrive Nobels ODR1 e un italianissimo VDL Il Distorsore compongono la sezione gain. Un riverbero Wampler Reflection e un delay analogico Seymour Duncan Vapor Trail si occupano degli ambienti. Un piccolo Polytune Mini provvede alle accordature.
Sebbene Carl viaggi leggero in pedalboard, non rinuncia a portare con sé ben due amplificatori. Un Mesa Boogie Lonestar e un Brunetti Singleman siedono alle sue spalle. Le regolazioni sono quasi tutte in flat: gran parte del lavoro spetterà alla chitarra.

Carl Verheyen: strumentazione e spettacolo

Prima del concerto di Volla, abbiamo incontrato Carl per un'intervista in esclusiva su musica, suono e strumentazione. Prossimamente avrete modo di vederne i frutti su queste pagine: nel frattempo, vi consigliamo di tenere d'occhio il calendario delle date per scovare quella più vicina a voi.
Per ingannare l'attesa, potete vedere l'album fotografico completo del concerto di Volla sulla pagina Facebook di Accordo a questo link.
carl verheyen concerti
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Essential Blues sul sito di Carl Verheyen
Le date del tour italiano
Accademia Giuseppe Verdi
Guarda l'album fotografico su Facebook
In vendita su Shop
 
Tecnica, fraseggio ed esercizi (Gianni Rojatti)
di Accordo.it
 € 22,00 
 
QUIKLOK S/221 6 BK Cavo assemblato 2 Jack 6.3 mono /Jack 3.5 stereo di lunghezza 6 MM S-221-6-BK
di Borsari Strumenti Musicali
 € 16,00 
 
Nux NCH-1 Monterey Vibe (spedizione inclusa)
di Gas Music Store
 € 39,00 
 
Chitarra elettrica Soundsation
di Guitars & Co
 € 175,00 
 
Fender Pickguard/Control Plate Mounting Screws (24) (Chrome)
di Centro della Musica
 € 6,00 
Visualizza il prodotto
Fender Usa Custom Shop Eric Clapton Stratocaster Black + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.399,00 
 
Vox AC-30 Top Boost 1969
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.000,00 
 
ALESIS - SAMPLEPAD 4: PERCUSSIONE ELETTRONICA E SAMPLE PLAYER A 4 PAD
di Music Works
 € 155,00 
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Leva del tremolo: regolazione e trucchi con Carl Verheyen
Un tester d’eccezione per lo swiss knife delle Telecaster
In studio? Fai ciò che chiedono, a modo tuo
Guarda Jon Gomm in concerto dal suo studio
Carl Verheyen: “Home studio e digitale? Non saranno mai un 10”
Il blues? Questione di template
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Custom Shop Custom Authentic Historic 68 VOS
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964