VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Mixing Tutorial - Come enfatizzare le Basse Frequenze con la Distorsione
Mixing Tutorial - Come enfatizzare le Basse Frequenze con la Distorsione
di [user #45705] - pubblicato il

In questa puntata di Mixing Tutorial impareremo ad usare la distorsione per aumentare la presenza di basse frequenza per cassa e basso.
È consigliabile l'ascolto in una stanza trattata con dei buoni monitor o un paio di cuffie da studio.
Buona visione!



Plugin utilizzati in questa puntata:
iZotope Trash 2
izotope trash 2
Link utili
iZotope
Nascondi commenti     13
Loggati per commentare

di TidalRace [user #16055]
commento del 27/04/2018 ore 10:11:30
Ciao, il suono di basso mi sembra già leggermente distorto e volutamente tagliato sui bassi per sentire meglio il cambio. Mi chiedevo, se volessimo evitare qualsiasi distorsione sul basso o anche sulla cassa della batteria potremmo anche utilizzare un limiter in modo d'enfatizzare comunque i due strumenti dal suono così grave, oopure secondo te non funziona?
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 27/04/2018 ore 10:45:29
Ciao TidalRace,
se non ricordo male la traccia di basso era la somma della DI Box e dell'amplificatore microfonato, che probabilmente era un po' saturo.
Il bello di questa tecnica è che la saturazione aggiunta non viene percepita come vera e propria distorsione ma come un aumento di basse frequenze che anche con un equalizzatore classico non si riesce ad ottenere.
Con un limiter andresti a lavorare contemporaneamente su tutto il segnale e non solo sulla parte bassa. Puoi provare con un limiter o compressore multibanda, lavorando solo sulle basse frequenze, ma se comunque sotto non c'è segnale, potrai alzare il volume, ma non aggiungere frequenze dove non ci sono.
Puoi usare in alternativa dei bass enhancer, come l' Rbass di Waves o i processori Aphex, che lavorano comunque sullo stesso principio più o meno.
Un'altra alternativa possono essere i processori tipo il Subsynth di Brainworx o il DBX 120X, che creano una linea sintetizzata che viene aggiunta al segnale originale, proprio come fa un octaver per chitarra, basta poi dosarlo sapientemente per far percepire un aumento di basse frequenze e non il segnale sintetizzato.
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 27/04/2018 ore 10:59:35
Si infatti intendevo un limiter multibanda, ma alzare il volume sotto i 100 hz non equivale ad aumentare le basse, visto che poi l'armonica successiva si trova sopra ai 100 hz?
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 27/04/2018 ore 11:13:35
Si, alzare il volume sotto i 100Hz equivale ad aumentare le basse, ma il problema si presenta quando sotto i 100Hz, vuoi per le caratteristiche dello strumento, vuoi per la ripresa sbagliata, c'è poco o niente. Se per esempio a 60Hz non c'è già più niente, per quanto tu possa alzare la frequenza con un equalizzatore, non riuscirai a sentire più di tanto.
Con una distorsione di questo tipo vengono create armoniche e subarmoniche, le prime aiutano lo strumento ad emergere anche su speaker di piccola dimensione, le seconde riempiono gli "spazi vuoti" del segnale. Tutto questo senza snaturare la parte alta del segnale ;)
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 27/04/2018 ore 11:29:34
Chiarissimo, grazie.
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 27/04/2018 ore 11:34:59
Figurati! Ciao :)
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 27/04/2018 ore 12:01:03
Se ci sono convertori digitali a bassa qualità sono da esaminare per suonare dal vivo. Spiego la logica: agli albori dei samplers a prezzi accessibili sono partito con un Ensoniq Mirage... a 8 bit lo-fi. La distorsione inerente al 8 bit è perfetto per dare grinta a basso e batteria. Poi un Emu Emax a 12 bit mid-fi. Infine un Akai S1000 keyboard costoso a 16 bit hi-fi. 8 bit stravince per il tipo di uso contemplato nell'articolo! Qui si parla però di registrazione - batteria A MANO con keyboard e non loops prefabbricati senza personalità.
Ogni tanto (per chitarra) uso un EQ per il basso! È un pedale tipico Boss, GEB-7 Bass Equalizer - grafico con sliders, 7 frequenze e volume master. Manovrando i controlli e mandando a un pre a valvole già spinte per un sound crunch ancor più spinto può essere una soluzione pratica per suonare live. Ottimo per chitarra e dosando le basse frequenze a piacere si può avere un effetto usabile.
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 28/04/2018 ore 17:04:45
Ciao Claes,
esattamente! Molte volte le macchine che appaiono "scarse" sulla carta, hanno un sound e un carattere utile per arricchire e rendere interessante una registrazione.
Questo vale ancora di più oggi, dove è molto facile ottenere un sound pulito anche con macchine relativamente economiche. La distorsione e la saturazione sono diventati elementi fondamentali nel mix tanto quanto eq e compressione.
Rispondi
di maxventu [user #4785]
commento del 27/04/2018 ore 12:04:
chiarissimo, utilissimo e mai banale. Non credevo che con la distorsione si potesse anche aggiungere "corpo" in basso. Complimenti davvero continua così.
A proposito di processori tipo subsynth, io a volte uso il plug in di default di Logic, credo si chiami sub bass. Non è male, ma mi pare che quando applicato ad un basso, il plug in non crei un segnale esattamente una ottava sotto. Ciao
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 28/04/2018 ore 17:00:34
Ciao maxventu,
grazie dei complimenti! Cercheremo di continuare su questa strada ;)
Ho controllato il SubBass di Logic Pro che non ha un comportamento proprio prevedibile, ma comunque crea delle componenti aggiuntive intonabili.
Se inserisci un Test Oscillator come primo plugin su una traccia, poi il SubBass e per ultimo il MultiMeter riesci a vedere graficamente esattamente come si comporta. Prova a cambiare la frequenza del Test Oscillator per vedere come cambia il comportamento di SubBass a seconda della freuqenza.
Rispondi
di nolo [user #45689]
commento del 27/04/2018 ore 19:53:38
grazie mille non conoscevo il trick
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 28/04/2018 ore 17:01:04
Ciao nolo,
siamo contenti che il video ti sia stato utile!
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 28/04/2018 ore 21:08:47
Aggiungo a Nolo...Idem!!! Trick da provare :)
Rispondi
Altro da leggere
iZotope RX 8: restauro audio alla massima potenza
7 plugin FREE per Natale
iZotope Music Production Suite 3
Mixing Tutorial - iZotope Tonal Balance Control
Friday Free Plugin - iZotope Ozone Imager
Restauro sonoro all’ennesima potenza con iZotope RX7
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964