HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Ralph Salati: pennata alternata medicina per il ritmo
Ralph Salati: pennata alternata medicina per il ritmo
di [user #116] - pubblicato il

Parte su Didattica un nuovo esclusivo ciclo di lezioni con Ralph Salati dei Destrage. Un percorso di studio rivolto ai chitarristi che vogliono affinare il loro linguaggio tecnico, con un particolare occhio di riguardo alla pennata alternata, tecnica che - più delle altre - sprona a un lavoro di perfetta sincronizzazione le due mani e obbliga a una piena consapevolezza ritmica.
Ralph Salati è uno dei più interessanti solisti dell’ultima generazione: è un chitarrista metal colto che affianca a un linguaggio shred evoluto e attualissimo una preparazione armonica e una consapevolezza ritmica ragguardevoli. Salati, noto soprattutto essere il chitarrista dei  Destrage, (band metal tra le più seguite e apprezzate del momento), è anche un didatta molto attivo e motivato
In questa serie di pillole didattiche, Ralph Salati parlerà soprattutto di studio della tecnica, con particolare attenzione al tema della pennata. L’approccio verrà esaminato nelle sue diverse applicazioni basate ora sull’alternate, ora sull’economy ora sull’approccio misto, metodologia che prevede il bilanciamento di pennata e legato. La pennata alternata sarà la protagonista di questi approfondimenti e sarà analizzata attraverso la comparazione delle impostazioni di icone come Paul Gilbert, John Petrucci e Steve Morse.

Ralph Salati: pennata alternata medicina per il ritmo

Tra gli esercizi e gli spunti di lavoro finalizzati a far progredire questa tecnica, si insisterà sull’importanza dello studio dei pattern e sulla corretta impostazione di questo approccio, attraverso l’utilizzo di set ridotti e la piena consapevolezza del disegno ritmico che questi sottintendono.
Inoltre, la pratica della pennata alternata sarà approfondita con esercizi di sincronizzazione, salti di corda, utilizzo di gruppi irregolari, inserimenti cromatici nelle scale a tre note per corda, studi sulle triadi e sugli arpeggi, utilizzo e combinazione di differenti figure ritmiche.
Infine, non mancheranno suggerimenti e consigli sull’approccio allo studio e alla routine delle sessioni di pratica, con alcune interessantissime considerazioni su come agiscono sull’attività di un musicista le influenze esterne dell’ambiente e delle abitudini in cui è questi è calato.
Un rosa di proposte di studio e lavoro, ricche e brillanti, tra le più articolate e approfondite presentate qui su Accordo. 

Ralph Salati: pennata alternata medicina per il ritmo

Nella tua proposta didattica riservi grandissimo spazio alla pennata alternata. Perchè ritieni sia così importante come tecnica?
La pennata alternata costringe a lavorare a una perfetta sincronizzazione tra le mani. E questo obbliga il musicista a concentrarsi ed affinare il proprio senso ritmico. E il ritmo, ritengo, sia l'elemento portante della musica. Studiare la pennata sprona il chitarrista a ragionare da batterista, a immergersi nel ritmo. 

Hai qualche suggerimento sul suono da utilizzare quando si studia la pennata?
Bisogna lavorare con ogni tipo di suono. Suoni diversi aiutano a far uscire sfumature e dinamiche differenti del playing. Il che è decisivo per scoprire e quindi risolvere tutti i difetti di impostazione e pronuncia. Non bisogna mai esagerare con il gain ma è necessario esercitarsi spaziando tra suoni clean e distorti.

In che progetti sei coinvolto?
Ho appena concluso un tour americano con i Destrage e approfitterò del periodo di pausa, fino all'inizio delle date estive, per lavorare al mio disco.
Ho una rosa di sette brani su cui sto lavorando, sarà una sorta di Ep. Vorrei cercare di farmi meno problemi possibile circa il genere musicale in cui ingabbiarne scrittura e produzione, concedendomi ampia libertà stilistica. Di sicuro, comunque, ci sarà una forte e moderna impronta progressive e ampi richiami al Djent.
Anche il nuovo disco dei Destrage è in cantiere.

Con i Destrage questa estate farete dei concerti assieme ai Meshuggah...
Sì: io sono un loro grandissimo fan. Ci sono molte loro influenze nella musica che scrivo e suono. In particolare, da loro ho preso un certo approccio alle poliritmie: in questo, sono i maestri assoluti. Dal vivo sono impressionanti, sembrano un disco per quanto sono precisi. E non è una cosa da poco visto la complessità del loro repertorio. Mi piacciono davvero molto. Magari, un loro disco faccio fatica ad ascoltarmelo dall'inizio alla fine per quanto sono pesanti e complessi. Dal vivo però, un loro concerto è un "viaggone" che ti trascina dall'inizio alla fine.



Foto di Annalisa Russo
destrage lezioni ralph salati
Link utili
La pagina dei Destrage
Il sito dei Destrage
La pagina di Ralph Salati
Ralph Salati sul sito Ibanez
Altro da leggere
Pubblicità
Impariamo le scale con Andy Timmons...
Tosin Abasi – Sweep & combinazioni di arpeggi...
Scala blues & corde a vuoto con Carl Verheyen...
Fraseggio Blues: maggiore e minore con Carl Verheyen...
Pubblicità
Gus G: "Shred estremo per pentatoniche estreme"...
Tony MacAlpine: arpeggi e salti d'ottava...
Marco Sfogli: Modern Sweep...
Sweep Picking: il meglio di Didattica...
Pentatoniche a tre note per corda: string skipping, tapping...
Come studiare a metronomo: tra velocità e qualità...
Bruce Bouillet: string skipping sotto i raggi X...
Raffinatezze varie su shred ignorante...
Scott Mishoe: meteora shred che influenzò Govan...
Paul Gilbert: shredder redento...
Bomba: meglio il blues o lo shred?...
Ricky Portera e l'assolo de "L'Ultima Luna" di Dalla...
Commenti
di Carrera [user #31493] - commento del 21/05/2018 ore 16:14:10
Grande professionista. Visto e sentito in azione nel tour Ibanez ha una proposta estrema ma molto concettuale. Seguirò di sicuro le lezioni e sono curioso per il disco nuovo.
Grazie!
Rispondi
di jdessi [user #27382] - commento del 25/05/2018 ore 09:10:56
"una proposta estrema ma molto concettuale" di solito si traduce con "boring" e non mi sembra il caso di Ralph Salati
Rispondi
di Carrera [user #31493] - commento del 28/05/2018 ore 18:04:22
Ma no...io volevo dire che era davvero tosto! Perché noioso...il mio intento era tutt'altro...
Rispondi
di jdessi [user #27382] - commento del 28/05/2018 ore 18:33:0
scherzavo :D
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Inizio a studiare chitarra
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964