VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Carl Verheyen: se vuoi un suono personale, scegli la Stratocaster
Carl Verheyen: se vuoi un suono personale, scegli la Stratocaster
di [user #17844] - pubblicato il

"Molti amanti della Les Paul hanno costruito un suono riconoscibile, ma la Stratocaster permette di crearne uno davvero personale", parola di Carl Verheyen.
Tra i turnisti più ricercati sulla scena californiana e musicista stimato per la sua trasversalità stilistica, Carl Verheyen è riconosciuto come uno dei maggiori esperti di suono chitarristico in circolazione. In studio Carl alterna molteplici strumenti, ma la sua opinione è lapidaria: chi suona una Stratocaster - e i single coil in senso più ampio - finirà istintivamente per creare un suono di gran lunga più distintivo e personale.
Ce lo ha raccontato durante una lunga intervista davanti alle telecamere di Accordo, tra una chiacchiera sulle chitarre, sulla cura del suono e sul lavoro di musicista.
Attivate i sottotitoli su YouTube per la traduzione in italiano.




Il concetto che Verheyen sostiene ruota intorno alla maggiori difficoltà che si riscontrerebbe nel cercare di costruire un buon suono distorto con una Stratocaster o altre chitarre simili dotate di single coil.
Secondo il chitarrista statunitense, chi suona chitarre con humbucker è portato a entrare dritto in un amplificatore e godere da subito del suono che gli viene fornito dall'accoppiata. Con i single coil, invece, bisognerebbe faticare di più per ricercare un buon equilibrio timbrico, individuare lo sweet spot dell'amplificatore laddove comincia a increspare e su quello costruire - un mattone alla volta - il proprio timbro. Questo processo porterebbe inevitabilmente ogni chitarrista a percorrere una strada diversa, arrivando a un traguardo sonoro del tutto individuale e di gran lunga più riconoscibile rispetto alla concorrenza a doppia bobina.
D'altra parte, è noto come diversi chitarristi abbiano tirato fuori proprio dalla Stratocaster dei timbri profondamente diversi gli uni dagli altri riuscendo a svelare volti inediti dell'ammiraglia californiana. Ne abbiamo discusso anche in passato qui su Accordo.

Quella di Carl, però, non è una crociata contro l'humbucker e conclude chiarendo che nulla vieta a un appassionato di Les Paul di costruire un proprio suono, ma le stesse caratteristiche timbriche della Stratocaster porterebbero, secondo Verheyen, a lavorare in maniera diversa sul proprio suono, finendo con l'ottenere un tono unico.
carl verheyen chitarre elettriche fender il suono interviste stratocaster
Link utili
Come suona la Stratocaster
Mostra commenti     36
Altro da leggere
Marcus Miller e Robert Trujillo sono la coppia di maestri che non ti aspetti
Ronciswall: una visione italiana per la chitarra elettrica del futuro
ST-Modern Plus HSS è la Strat-style ultramoderna di Harley Benton
La mia LadyBird
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
La Epiphone Coronet diventa americana
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964