HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Sordine gel Wambooka: magnificamente appiccicose
Sordine gel Wambooka: magnificamente appiccicose
di [user #116] - pubblicato il

Wambooka è un marchio italiano che produce sordine in gel per batteria. L’utilizzo di questo prodotto serve a ridurre e controllare le vibrazioni e le armoniche della batteria, favorendo una proiezione sonora più controllata e centrata. Nell’ampissima scelta di sordine che il mercato offre, Wambooka si è distinta per un dettaglio decisivo: une estrema collosità che le rende davvero performanti.
Con queste gelatine è possibile gestire la quantità di armoniche che si desidera tagliare a seconda di come vengono applicate: più la parte piccola della gelatina e attaccata al cerchio (e di conseguenza minore è la porzione di gelatina applicata alla pelle) più contenuto sarà il Dampening, ovvero il controllo delle armoniche.
Nell’ampissima scelta che il mercato offre, Wambooka si è distinto grazie a un dettaglio decisivo per la natura di questo prodotto: il carattere colloso e appiccicaticcio. Questo fa sì che la sordina resti attaccata, perfettamente adesa, alla pelle della batteria evitando rumori fastidiosi che, soprattutto in fase di registrazione o comunque di microfonazione, potrebbero compromettere suono e ripresa.
Il carattere fortemente adesivo delle Wambooka tradisce, inoltre, il fatto che queste gelatine non siano state studiate esclusivamente per la pelle battente: è possibile infatti, applicarle anche alle pelli risonanti di tom e timpani, dove qualunque tipo di materiale o espediente attaccato, finisce tradizionalmente per staccarsi, spostarsi o generare rumori disturbanti.
Questa caratteristica collosità non ne determina una natura monouso:  le sordine Wambooka  sono riutilizzabili e riposizionabili. E infatti sufficiente lavarle con acqua perchè riacquistino le loro originali caratteristiche di adesività.
Il Performer Pad di Wambooka, distribuito in Italia da Aramini, si presenta con un'elegante e funzionale scatoletta di metallo contenente due pad a doppio cerchio e due pad waffle, reattangolari e più grandi. 
Nel video test (per il quale raccomandiamo un ascolto con le cuffie) ci siamo concentrati sui pad a doppio cerchio.



Video e performance di Jonathan Vitali.
sordine sordine gel wambooka
Link utili
Wambooka sul sito di Aramini, il distributore italiano
Altro da leggere
Pubblicità
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Questione di resistenza...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Pubblicità
Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità....
Adam Deitch: Reggae & Dancehall...
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo...
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato...
Adam Deitch. Suonare la batteria Dubstep: influenze...
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"...
Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere...
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come l'aglio"...
Commenti
di losquarto [user #25961] - commento del 07/06/2018 ore 09:44:03
Provate, impressionanti, non si staccano mai, puoi modulare la quantità di sordinatura, resistono a tutto e dopo che le ho lavate sono tornate come nuove. Aspetto il Kick Damper per la cassa.
Rispondi
di Jonathan Vitali [user #46516] - commento del 08/06/2018 ore 16:28:01
Concordo, veramente un buon prodotto
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964