CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Batteria: 50 dischi fondamentali.
Batteria: 50 dischi fondamentali. "Enema of State", Blink182
di [user #116] - pubblicato il

Nell’estate del 1999 i Link 182 sfornano “Enema of the State” disco decisivo della loro carriera. E’ il terzo album che il gruppo pubblica e arriva dopo un recente cambio di line up e l’introduzione di un nuovo batterista. I più accolgono il nuovo lavoro con leggerezza, certi che l’interesse che gravita attorno al punk sbarazzino della band non durera oltre la moda effimera di un'estate.
 “Enema of the State”, invece,  resta nelle zone alte della classifica  di Billboard’s top 200 per oltre un anno.
“All The Small Things” è il brano che tira il botto e svolta la storia della band. Diventa uno dei singoli più celebri degli anni 2000 e - spinto da Mtv - si accaparra premi su premi, grazie anche al divertente video, una sorta di parodia che sberleffa tante pop star.



Il lavoro in studio del terzetto di San Diego formato da Mark Hoppus, Tom DeLonge e il batterista Travis Barker è una via di mezzo tra le sonorità punk più moderne e ammiccanti al pop dei Green Day e dei Sum 41 e  quelle più ruvide e  incazzate di Rancid e dei Nofx. 
Le tematiche dei testi della band sono distaccate dalla scena di protesta punk e non c’è quell’aggressività, irriverenza e impegno politico di Sex Pistols o Clash. I Blink182 scrivono in maniera semplice, trattando per la maggior parte temi che rispecchiano la quotidianità di giovani studenti nel pieno della pubertà: e i testi sono divertenti, quasi comici per quanto coloriti. 
Il punk resta vivo nel suono della band, garantito dall’ esperienza del produttore Jerry Finn che ha lavorato con Rancid, Morrisey, Bad Religion, Sum41 e The Offspring.

Batteria: 50 dischi fondamentali. "Enema of State", Blink182

Il sound è asciutto, fresco, d’impatto e, nonostante il riffing veloce e arrabbiato della chitarre  supportato da una batteria frenetica e ricca di fill, sempre solare. 
La stesura dei brani è semplice anche se non così scontata. Le linee di basso sono elementari, la melodia della voce - che per alcuni potrebbe risultare quasi fastidiosa - è ruffiana e conquista. Ma è il lavoro di Travis Barker alla batteria a risultare monumentalea dir poco. 
Travis Barker combina una grande velocità, requisito fondamentale per il genere, con una buona tecnica che gli permette di  spaziare su più fronti dinamici, dal completo silenzio a intensità importanti.  Fino a quel momento pochi batteristi della scena punk erano stati così creativi ed espressivi. 
Nasce nel 1975 a Fontana in California e inizia a suonare da bambino. Nel secondo anno delle superiori vince un audizione ed entra a far parte della banda della scuola suonando il rullante fino alla fine degli studi. Grazie a questa esperienza si guadagna una tecnica delle mani superlativa.
Il contatto con Tom e Mark avviene nel 1998, quando la sua band di allora,  gli Aquabats, fecero da  spalla al tour dei Blink182. E proprio durante quel tour, i Blink rompono col loro batterista Scott Raynor. Barker è l’uomo giusto, nel posto giusto, al momento giusto. Ed entra nella band.
Le influenze musicali di Travis vanno in larga parte ricercate nel jazz e nell’hip hop e i batteristi a cui si è maggiormente ispirato sono Steward Copeland, Tommy Lee e Tré Cool.
Mentre suona, di Travis colpisce il costante atteggiamento distaccato mentre picchia sulla batteria con assoluta precisione e forza. Due fattori che difficilmente si osservano contemporaneamente.

batteria: 50 dischi fondamentali blink 182 recensioni travis barker
Link utili
Il sito dei Blink182
Acquista "Enema Of The State"
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Sid Vicious, la faccia del punk
Green Day live e lezioni di punk con Marky Ramone
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie
Adam Deitch: batterista e produttore
Batteria: 50 dischi fondamentali
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles Davis
Batteria: 50 dischi fondamentali. Nevermind dei Nirvana
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Batteria: 50 dischi fondamentali. Lateralus dei Tool
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato
Adam Deitch. Suonare la batteria Dubstep: influenze
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"
Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come l'aglio"
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964