HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Alice Cooper per lo spot Dodge: il rock tira ancora
Alice Cooper per lo spot Dodge: il rock tira ancora
di [user #116] - pubblicato il

Il rock è ancora in grado di parlare al grande pubblico e lo fa con lo stile di sempre. Guarda il mitico cameo di Alice Cooper nel nuovo spot Dodge Durango.
Le fantasie delle nuove generazioni saranno anche popolate di rapper e DJ, ma il buon vecchio rock dimostra ancora una volta di non aver sparato tutte le sue cartucce. Non è un segreto che le vette delle classifiche siano ormai dominate da tutt'altro genere musicale, eppure la scelta dell'agenzia che ha curato lo spot della nuova Dodge Durango per un cameo speciale da inserire nel suo ultimo lavoro non cade su una pop star né su un rapper, bensì su un vero veterano del rock: Alice Cooper.

Già apprezzato sullo schermo in più occasioni, tra cui l'indimenticabile apparizione in "Wayne's World" (da noi "Fusi Di Testa", "noi non siamo degni..."), Alice non ha mai nascosto di provare un certo gusto nel non prendersi troppo sul serio, guadagnandosi così le simpatie anche del pubblico generalista.
L'immagine cupa e perversa che ne avvolge il personaggio e la musica è stavolta volta il perno di un simpatico spot pubblicitario per la Dodge Durango con Apple Car.

La storia ha inizio sul retro del Roxy Theatre di Sunset Strip a West Hollywood, dove un assistente si prepara per affrontare un duro compito: reperire tutto il necessario per allestire il camerino di Alice Cooper, che sarà lì a breve.
Il giovane si dà un gran da fare per soddisfare le richieste del management dell'artista, correndo da un capo all'altro della città mentre lo stereo suona "Under My Wheels". Rose nere, corvi impagliati, palloncini neri, persino una capra: tutto sembra perfetto ma, quando il principe delle tenebre fa il suo ingresso nel camerino, con tanto di boa vivo al collo, lo spiazza con un "perché tutto questo nero?!".



L'interesse di un'agenzia di comunicazione a quei livelli è un chiaro segnale che, sebbene l'industria discografica mostri dei numeri tutt'altro che lusinghieri per il genere, l'immaginario comune è ancora legato alla musica rock e ne apprezza con convinzione protagonisti e iconografie, in particolare quando sono presentati con la leggerezza e l'ironia che da sempre contraddistinguono il genere.

Alice Cooper, dalla sua, non è mai stato così attivo. È prossimo l'arrivo del suo ultimo live album contenente l'esibizione del 7 dicembre 2017 all'Olympia Theatre, parte del tour promozionale del disco Paranormal pubblicato lo stesso anno. A Paranormal Evening At The Olympia Paris sarà disponibile a partire dal 31 agosto 2018 nei formati doppio CD, doppio LP e digitale ed è già possibile pre-ordinarlo sul sito ufficiale.
alice cooper curiosità
Link utili
Preordina l'album sul sito di Alice Cooper
Altro da leggere
Pubblicità
Ben Stiller riunisce la band di quando era...
La SG di Tom Petty con Bob Dylan va all'asta...
Apple Music scavalca Spotify?...
Rubate chitarre rare dallo store Maton...
Pubblicità
Commenti
di Aynrand [user #35588] - commento del 13/07/2018 ore 13:29:28
Ho sperato invano che quella del pop latino fosse solo una moda passeggera, adesso la cosa si sta tristemente ripetendo con l'autotune.
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609] - commento del 14/07/2018 ore 14:57:29
Per quanto riguarda la pop music penso che stiano seguendo la strada di riproporre sempre un'unica canzone con delle variazioni minime.
In questo modo sembra che la canzone sia nuova ma è già nelle orecchie della gente.
Già da tempo utilizzano praticamente solo gli intervalli
I IV V VI.
Mescolando gli accordi ma senza uscire da quella "via".
L'autotune mi pare un altro tassello.
Usandolo in modo molto marcato, in pratica distruggono la timbrica del cantante robotizzandolo e rendendolo sostituibile in modo indolore.
Rispondi
di Aynrand [user #35588] - commento del 15/07/2018 ore 09:04:54
Si, io mi riferivo in modo specifico al pop latino per come sta demolendo ormai da anni una grande cultura misicale come quella sudamericana (al di fuori del sudamerica ovviamente, a differenza del neomelodico italiano che dalla fine degli anni 60' ha devastato il panorama nazionale...). Per l'autotune sono invece più pessimista, a me pare che stia diventando una sorta di espressione generazionale.
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609] - commento del 15/07/2018 ore 21:58:1
Beh! Col pop latino sfondi una porta aperta con me.
Ma il problema non è solo il pop.
C'è una corsa ad uniformare anche musiche più complesse tipo la salsa, o più tradizionali tipo la bachata appena raggiungono una certa popolarità.
Girano più soldi, spostano la produzione negli studi statunitensi e tutti i brani diventano uguali.
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 13/07/2018 ore 13:36:17
che mito! Alice è stato il mio idolo da teenager, grazie per la info dell'uscita del nuovo live che comprerò assolutamente
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 13/07/2018 ore 17:03:26
Embè, la Nissan da noi non fa uno spot con Paranoid in sottofondo?
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 13/07/2018 ore 17:20:16
Si ma non c'è Ozzy che stacca gli specchietti a morsi!
:-)))
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 14/07/2018 ore 08:22:1
Maledetta censura!
Rispondi
di Lucifer [user #46960] - commento del 13/07/2018 ore 19:39:37
E non è solo il Rock che tira ancora... :)
Rispondi
di E! [user #6395] - commento del 14/07/2018 ore 00:46:10
E' il rock che tira ancora... O è Alice Cooper che resta un'icona?
Io continuo a vedere invecchiare le rock star e a vederne spuntare pochissime di nuove, ma forse sono un po' pessimista.
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 14/07/2018 ore 08:23:11
Il ruolo del Rocker è essenzialmente sparito dal panorama musicale. Lo stesso concetto di Musica Rock non ha nulla a che fare con il passato.
Rispondi
di Capra_Poliuretanica [user #30609] - commento del 14/07/2018 ore 14:39:01
La capra nel video non sono io.
Non mi somiglia, non fa parte ne della mia famiglia ne della cerchia delle mie amicizie.
Ed anche la voce è completamente differente.
La sua è migliore.
;-)
Rispondi
di ventum [user #15791] - commento del 14/07/2018 ore 20:11:11
Posso esser un po' caustico? Il rock tira ancora per il maschio 40 50 enne che il reparto marketing ha individuato come principale potenziale acquirente dell'auto...sorry. Le pubblicità per i prodotti da giovani la fanno altri artisti. Ma tornerà come tutte le mode, lo stesso ma mai diverso
Rispondi
di Sykk [user #21196] - commento del 15/07/2018 ore 09:15:04
Beh dai anche per noi giovani!
Ah no dimenticavo che ne ho 38...
Auto sportiva ma comoda e spaziosa.. ci penserò...
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Hot topics
Ascolta Redemption, il nuovo singolo di Joe Bonamassa
Alice Cooper per lo spot Dodge: il rock tira ancora
Ben Stiller riunisce la band di quando era ragazzo e pubblica un disco
Massimo Varini "rimasterizza" gratis il Manuale di Chitarra
Il nuovo proprietario della Strat di Custom Shop Milano 2018
Dischi e recensioni
Angolo DIY
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Come creare true bypass, looper e footswitch
Interviste
Albert Lee: la strumentazione del perfetto country boy
Michael Lee Firkins: Apple e Spotify non aiutano la musica
Carl Verheyen: se vuoi un suono personale, scegli la Stratocaster
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
RedSeven: sbirciamo dietro la griglia del nuovo hi-gain italiano
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964