CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche
Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche
di [user #17404] - pubblicato il

Un piccolo studio per esercitarsi su uno degli aspetti più delicati del fraseggio solista: fondere e legare in un discorso fluido e omogeneo diversi aspetti armonici. Lavoriamo in Gm e mescoliamo tra loro pentatonica, scala blues, arpeggi e una scala diatonica, in questo caso Dorica.
Un buon punto di partenza nello studio della chitarra solista è organizzare in maniera analitica tutti gli elementi armonici che potremmo utilizzare sopra una progressione sulla quale dobbiamo improvvisare o scrivere un assolo.
Nello studio che proponiamo si è supposto di suonare su una progressione in Gm dorico.
Gli accordi che la formano sono i seguenti. Nella backing track sono eseguiti da un synth ma qui ne proponiamo ugualmente delle diteggiature, funzionali a u 'esecuzione alla chitarra ritmica.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

A questo punto, sono state sintetizzate alcune opzioni armoniche che si sposavano con il sound della base, ammiccante a funk, blues, R&B; per ciascuna è stata ritagliata una diteggiatura o pattern da utilizzare. E’ ovvio che in una prima fase di studio, sia necessario avere di ogni opzione armonica selezionata la visione completa attraverso tutta la tastiera (quindi una mappatura esaustiva di tutte le diteggiature e i possibili rivolti).

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Ma sedimentato questo tipo di conoscenza, può essere pratico concentrarsi, selezionare e limitarsi a una serie di posizioni che garantiscano le sonorità che si cercano e sono funzionali al tipo di fraseggio che si intende praticare.
Nel caso di questo studio, sono state privilegiate quelle posizioni che avrebbero permesso al fraseggio di mantenersi vicino a un playing più tradizionale, stretto e impiantato sulla scala pentatonica. Nel nostro caso, si partiva da una pentatonica di Gm (G, Bb, C, D, F)



La prima opzione è caduta sulla diteggiatura di arpeggio di Gm7 (G, Bb, D, F).
A ben guardare, questo arpeggio ha tutte le note della pentatonica di Gm, tranne il C la sua quarta. Ne fornirà una sonorità vicinissima ma più snella, aperta.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Il secondo elemento è un arpeggio Dm7 (D, F, A, C).
Questo arpeggio mantiene due note dell’accordo di Gm7 sott’inteso, la quinta giusta D e la settima minore F. E le integra con due estensioni melodiche interessanti: la nona A e la quarta giusta C.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Si procede con due diteggiature della pentatonica di Gm.
La prima integra la 5b, nota Blues. Questa viene isolata in un piccolo pattern che salta la corda di B e si snoda tra il E cantino e le corde di G e D. Si osservi come, diteggiato in questo modo, il pattern evoca il suono di un arpeggio diminuito di G (G, Bb, Db).

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Il secondo frammento pentatonico mette in gioco l’utilizzo delle corde a vuoto.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Sulla corda di E cantino viene sviluppato in senso orizzontale un frammento di scala diatonica di Gm.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Quindi compare un altro arpeggio, costruito sullo scheletro di una triade di Bb. La triade è integrata con due estensioni melodiche e diventa un arpeggio di Bb add4/9. (Per chi volesse approfondire questa tipologia di arpeggi, sintetizzata come  “Scala Arpeggio” suggerisco la visione del mio manuale “Tecnica Fraseggio & Esercizi").

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Di nuovo compare l’arpeggio di Dm7.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

In chiusura, un’impennata ritmica: un frammento di scala di Gm dorico viene eseguita con una sestina di sedicesimi. Un’accelerazione che accende la dinamica dell’assolo.

Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche

Vi lascio all’elaborazione di un frammento di assolo che mescola tra loro tutti questi elementi.



Una volta analizzato e imparato, l’invito è quello di elaborare in maniera analoga ma personale tutti gli elementi proposti.



Il frammento di assolo analizzato in questa lezione fa parte di un brano completo, chiamato "Trappala". Eccolo, per chi fosse interessato ad ascoltare per intero come si sviluppa e articola il fraseggio lungo lo sviluppo melodico del pezzo del pezzo.

 
lezioni
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Acquista "Tecnica, fraseggio & Esercizi" di Gianni Rojatti
La pagina dei Dolcetti, la band di Gianni
In vendita su Shop
 
ROLAND BK5 Tastiera elettronica con arranger
di Musicanova
 € 749,00 
 
Malalicks (Federico Malaman)
di Accordo.it
 € 25,00 
 
SQUIER Paranormal Super-Sonic Graphite Metallic
di SLIDE
 € 399,00 
 
Blackstar Id Core 10 v2
di Banana Music Store
 € 108,00 
 
Marshall DSL20HR
di Gas Music Store
 € 299,00 
 
LENCO Giradischi LBT-188
di Personla Sound
 € 249,00 
 
DIXON PSY-P1I ASTA SUPPORTO A GIRAFFA PER PIATTI DA BATTERIA PSYP1I
di Borsari Strumenti Musicali
 € 59,00 
 
SOUNDSATION CAM AUDIO PRO MICROFONO DA REGISTRAZIONE PER VIDEOCAMERA
di SL MUSIC
 € 48,90 
Nascondi commenti     4
Loggati per commentare

di FrankieBear [user #29169]
commento del 17/07/2018 ore 08:34:22
molto interessante! grazie!
Rispondi
di Ged03 [user #37912]
commento del 20/07/2018 ore 18:51:29
cosa è una scala diatonica?
Rispondi
di Gianni Rojatti [user #17404]
commento del 22/07/2018 ore 10:15:54
Ciao, una scala diatonica è una scala che al suo interno contenti intervalli di tono e semi-tono.
Si differenzia dalla scala cromatica che, invece, procede per soli intervalli di semitono.

Per esempio, la scala di Do maggiore è una scala diatonica.
Tutte le note distano tra loro un tono tranne MI e Fa e Si e Do che, invece, distano un semitono.
Rispondi
di Ged03 [user #37912]
commento del 22/07/2018 ore 21:26:06
ah ok non sapevo che la scala maggiore si chiamasse così, praticamente tutti e 7 i modi (ionico,...locrio) sono scale diatoniche
Rispondi
Altro da leggere
Costruire un riff: tra accordi & melodia
Due riff per ripassare i modi
Giacomo Castellano: Riff Raff Crunch
Come utilizzare gli arpeggi di settima per improvvisare
Steve Vai, Guitar Extravaganza!
Michael Angelo: tre esercizi in pennata alternata e modo dorico
Modo Dorico e arpeggi semidiminuiti
Dorico: arpeggi, blue note e metallo
Fraseggio Dorico: tra arpeggi e pentatonica
Fraseggio & improvvisazione - Quattro idee in Dorico
Darran Charles: una grande chitarra progressive
Nili Brosh, una ventata di aria fresca e grande chitarrismo
Alternata: Paul Gilbert Vs John Petrucci
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
SOLDANO HOT ROD 100 PLUS
Visualizza l'annuncio
NUX Mighty Plug - Come Nuovo, in garanzia
Visualizza l'annuncio
Jad Freer Groan Chorus
Seguici anche su:
Altro da leggere
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964