HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Batteria: 50 dischi fondamentali.
Batteria: 50 dischi fondamentali. "The Madness of Many" Animals As Leaders
di [user #116] - pubblicato il

Gli Animals As Leaders sono un trio che ha dato prova di quante cose meravigliose si possano fare quando si scalzano preconcetti e limiti autoimposti. Armati di un entusiasmo e una freschezza tecnica disarmante, trainati da visione musicale unica, sono riusciti a re immaginare da zero e interpretare con piglio futuristico il progressive strumentale, genere sulla carta stanco e polveroso.
 La ricetta è stata di impiantare su questo stile musicale le influenze e commistioni più disparate: da un’apporto modernissimo di musica elettronica a un linguaggio chitarristico inedito che escludeva il basso a favore di due chitarre a otto corde. Il tutto condito con metal sperimentale, jazz moderno e persino world music.Il sound asfissiante e complesso con momenti di vera e propria ingegneria matematica,  rispecchia la virtuosa follia della band. 
Il plaining è frenetico, saturo dei suoni a 8 corde di Tosin Abasi e Javier Reyses scavate fino al punto di ruggire; il drumming di Matt Garska è qualcosa ai limiti del replicabile. Nella musica gli Animals As leaders cercano la via più complessa in ogni situazione, districandosi tra arrangiamenti, progressioni e armonie di altissimo contenuto tecnico e concettuale. E ne escono, sempre, nel modo meno scontato possibile. 

Batteria: 50 dischi fondamentali. "The Madness of Many" Animals As Leaders

Il carattere prodigioso della band non si è però esaurito nella sola approvazione da parte delle nicchia del progressive.
Il loro album” The Joy of Motion” del 2014 si è posizionato al numero 24 della Billboard Top 200, vendendo più di 13.000 copie nella prima settimana.
Il trio ha ottenuto enormi consensi di critica.  Rolling Stone ha esaltato la loro musica come una “folgorante esibizioni di destrezza.” E Abasi e Garska hanno impazzato sulle cover delle più autorevoli riviste mondiali di settore.
“The Madness of Many” è un album interessante perchè frutto dell’esclusiva visione di produzione della band. Javier Reyses  dichiarò: “Invece di arruolare un produttore, per la prima volta, abbiamo deciso  per fare tutto da soli. Ma questo disco brilla anche per l’apporto di idee ed energia avuto dalla band con Matt Garska. Dal suo ingresso nella band, nel 2012, il processo di scrittura del gruppo è letteralmente fiorito.



Matt Garska è figlio d’arte. Suo padre, Greg Garska, è un chitarrista professionista del Virginia. Matt inizia a suonare all’età di 8 anni e nell’adolescenza si cimenta in diverse e svariate situazioni stilistiche: Blues,Latin Funk e addirittura Punk. Si impone di suonare con musicisti più esperti di lui e questo lo aiuta a maturare velocemente e a sviluppare versatilità  in diversi linguaggi musicali. Decisivo l’ìincontro con il batterista Jo Sallins che lo ispira e sprona credere nella musica. Nel 2011 Garska si laurea al Berklee College Of Music  e dal 2012 fa parte degli Animals As Leaders.
Con  questa band riesce a trovare una forma di espressione unica,  fortemente basata sulla tecnica e velocità. Il drumming di Garska si sviluppa in un incastro ritmico dietro l’altro,  frutto di pattern ultra complessi che si inviluppano in esecuzioni spacca Bpm. 
Garska è libreria vivente di fill, sticking e gospel chops, un’eruzione di idee che riesce ad inserire anche nelle metriche più buie e contorte Dal vivo è impressionante perchè riesce a replicare con naturalezza disarmante ogni singola nota suonata sul disco.
Matt Garska è un batterista che stilisticamente può dividere. Perché, di sicuro, è l’antitesi di un batterismo tradizionale, interamente finalizzato al portamento del groove e per il quale i fill non sono che orpelli decorativi ed elementi che lanciano il fraseggio. 
Quello di Garska è un drumming quasi magnificamente opprimente, di poca aria: un all-in di note, gestite maestralmente sia in dinamica che in gusto musicale. Un batterista da ascoltare attentamente. Senza pregiudizi. Perché vista anche la sua giovane età,29 anni, farà di sicuro parlare ancora molto di sè.

Link utili
Il sito degli Animals As Leaders
Il sito di Matt Garska
Altro da leggere
Pubblicità
Icefish: progressive da super eroi...
Sons Of Apollo: ”Psychotic Symphony”...
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista...
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come l'aglio"...
Pubblicità
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"...
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Il batterista e l'ingegnere...
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica...
Massimo Moriconi: la tecnica serve per fare musica...
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio...
Sordine gel Wambooka: magnificamente appiccicose...
Non ascoltare il metronomo. Sentilo...
Questione di resistenza...
Paiste, Master Dry & Extra Dry Ride: test comparato...
Crash Masters Paiste: Crasharli è un piacere...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Nevermind dei Nirvana...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Lateralus dei Tool...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Batteria: 50 dischi fondamentali. "Enema of State", Blink182...
Commenti
di yasodanandana [user #699] - commento del 18/07/2018 ore 15:50:22
eccezionali..

anche se, andando fuori tema, la cosa che mi interessa più di loro è questo scambiarsi le parti di basso ed eseguendole sulla dieci corde ..
Rispondi
di simonec78 [user #13803] - commento del 21/07/2018 ore 19:40:41
Animals As Leaders -> spettacolo.
Rispondi
di fraz666 [user #43257] - commento del 08/08/2018 ore 12:12:33
Giganti. "The Madness of Many" mi è subito sembrato compositivamente meno ispirato di ”The Joy of Motion” ma come arrangiamenti e finezze è impressionante, è un disco più ritmico dei precedenti e si sente l'apporto di Garska
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964