HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
David Bowie torna con un album suonato da zero
David Bowie torna con un album suonato da zero
di [user #116] - pubblicato il

Il cofanetto Loving The Alien raccoglierà il meglio degli anni '80 firmati David Bowie più una riedizione di Never Let Me Down risuonata per l'occasione.
Il 12 ottobre 2018 arriverà nei negozi di tutto il mondo il cofanetto Loving The Alien, la raccolta dei lavori musicali di David Bowie compresi tra il 1983 e il 1988 più tre album inediti, tra cui spicca una versione interamente risuonata di Never Let Me Down.

David Bowie torna con un album suonato da zero

Il pacchetto sarà disponibile nelle versioni in 11 CD, 15 LP e per il download digitale e racchiuderà le versioni rimasterizzate degli album prodotti da David Bowie nella metà degli anni '80. Tra rarità, testimonianze audio e una raccolta di remix, Loving The Alien vedrà anche la pubblicazione di tre dischi inediti.
Per l'occasione, singoli e tracce sparse pubblicati tra il 1983 e il 1988 come il duetto con Mick Jagger "Dancing in the street" e quello con Pat Metheny "This is not America" sono stati radunati nell'album Re:call 4, a cui si affianca la compilation inedita Dance.
Punta di diamante del cofanetto, però, è l'edizione di Never Let Me Down completamente risuonata da una band messa insieme per l'occasione con musicisti che hanno collaborato in passato con Bowie. Il produttore Mario McNulty ha recuperato le tracce originali dell'album, salvato quelle registrate da David, il cantato e poco altro, e ha fatto interamente suonare da capo tutto il resto, talvolta reinterpretando e reinventando le parti strumentali.



L'idea di ripubblicare Never Let Me Down in questo modo era già stata affrontata da David Bowie quando ancora in vita, ma fu poi accantonata. Ora diventa realtà presso gli studi Electric Lady di New York grazie a colleghi come Reeves Gabrels, il chitarrista David Torn, Sterling Campbell alla batteria, Tim Lefebvre al basso, un quartetto d'archi arrangiato da Nico Muhly e con la collaborazione di Laurie Anderson.
album david bowie
Link utili
Sito David Bowie
Altro da leggere
Pubblicità
White Album mai sentito prima per i 50 anni...
Online il video di Valley Of Fire di Jason...
Album in arrivo per i Greta Van Fleet...
I Muse presentano Pressure: il video che non...
Pubblicità
Commenti
di coldshot [user #15902] - commento del 29/07/2018 ore 12:07:55
Bowie è stato il mio musicista preferito per anni e tutt'ora è in vetta alla classifica, tuttavia se c'è un disco che mi ha sempre detto poco e anche una decade che artisticamente non è stata il massimo per me questo è proprio Never Let Me Down e gli anni '80.

Comunque sono curioso di sentirlo anche se sarebbe stato più bello visto il modo in cui ha chiuso la sua carriera e la sua esistenza con Blackstar non avere pubblicazioni postume tanto dopo quello che è riuscito a fare con l'ultimo album farà sembrare qualsiasi pubblicazione successiva abbastanza inutile.
Rispondi
di marcoguitar [user #15320] - commento del 29/07/2018 ore 12:21:33
L'ultimo album è e sarà Blackstar, adesso cominciano con le puttanate rieditate, CD postumi, avrebbe voluto questo, avrebbe fatto quello, sarebbe stato così e cosà. È cominciata ufficialmente la speculazione bowiana. Garantiamo il superfluo.
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 29/07/2018 ore 13:08:55
Sono d'accordo, un mio amico bassista due giorni dopo la morte mi propose do fare una tribute band sulla scia della speculazione, gli dissi che se vedevo un cantante davanti a me che lo scimmiottava gli avrei piegato la chitarra in testa.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 29/07/2018 ore 12:29:41
Bowie: agli inizi non mi piaceva ma con "Heroes" e il suo periodo di Berlino ho cambiato idea! Come con Jagger, ha fatto parecchi duetti live forse non su disco - solo video YouTube.
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 29/07/2018 ore 13:48:
Io penso che dal 1969 al 1980 non ne abbia sbagliata una con le dovute differenze, nel senso che Ziggy Stardust l'album è superiore a Diamond Dogs per esempio ma in generale la qualità è stata a dei livelli notevoli , poi può anche non piacere e c'è chi come te lo preferisce nella parte della trilogia e per quanto mi riguarda c'è poco da dire visto la qualità.

Gli anni '80 sono quelli dove ha fatto il botto specialmente con Let's Dance prodotto da Nile Rodgers che tra i dischi di quella decade è il migliore ma non è paragonabile ad i suoi lavori fino a Scary Monster.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 29/07/2018 ore 14:30:44
Per un giovane è pratico comprare un box set di questo genere piuttosto che andare a trovare dischi originali uno-per-uno. Una cosa è di per certo - le produzioni sono al massimo del possibile, produttore-studio-fonici-musicisti-strumentazione, etc.
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 29/07/2018 ore 15:26:35
Un giovane oggi non ha certo problemi a trovare tutta la produzione di Bowie con un click e poi in questo cofanetto mancano tutte le perle degli anni '70 a parte qualcuna.

Si le produzioni saranno al massimo ma un artista di questo calibro va ascoltato album per album, qui suonano i brani degli anni '80 a parte 4-5 degli anni '70.



Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 29/07/2018 ore 12:40:35
voglio sperare che questo sia un omaggio al suo genio (e che pertanto operazioni del genere si fermino qui) e non una mera speculazione post mortem.

Tra l'altro dopo Blackstar, senza di lui vivo a curare un nuovo album, tutto quello che ci potranno/vorranno propinare sarà soltanto un surrogato.
Rispondi
di tormaks [user #26740] - commento del 30/07/2018 ore 08:48:40
Magari Mick Ronson faceva la cottura differenza?
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Hot topics
Al via il piano Gibson per riprendersi dalla bancarotta
Album in arrivo per i Greta Van Fleet
Col CITES non si scherza: mega-sequestro a Cremona
I Muse presentano Pressure: il video che non abbiamo capito
Un video inedito di John Lennon per la riedizione di Imagine
Dischi e recensioni
Angolo DIY
Interviste
Arrogantia ammicca al vintage d’avanguardia con la Kairos
Luigi Grechi: "Il CD è arrivato alla fine della corsa!"
I chitarristi sono un bene per la società
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964