HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Lettura & versatilità
Lettura & versatilità
di [user #116] - pubblicato il

Tra i temi che interessano maggiormente i nostri lettori c'è sempre quello legato a quali siano gli aspetti più importanti da curare nello studio e nella formazione di chi vuole diventare un musicista professionista. Lo abbiamo chiesto a Gianluca Palmieri, giovane e brillante batterista italiano che sì è ritagliato un posto al sole nella scena batteristica internazionale.
Per un giovane musicista che ambisce al professionismo, lettura e versatilità potrebbero essere tra gli aspetti più importanti da gestire e coltivare nella propria formazione. Non è necessario far diventare queste due doti le peculiarità della propria figura di musicista: esistono a tal riguardo fenomeni come Vinnie Colaiuta capaci di leggere e suonare una partitura anche al contrario; e di essere altrettanto incredibili tanto quando si cimentano con un repertorio jazz da Big band che in un contesto metal alla Magadeth.
Ma assodata una preparazione tecnica consolidata e una musicalità efficace, la capacità di saper leggere bene la musica e la destrezza nel sapersi misurare in maniera convincente in tanti generi e stili musicali, sono un valore aggiunto capace di offrire tante possibilità professionali in più.

Lettura & versatilità

Lettura e versatilità schiudono le porte a tutta una serie di lavori altrimenti difficilmente gestibili: orchestre, televisione, musical e tutte quelle convocazioni come sostituto dell’ultimo minuto, nelle quali non esisterebbe - fisicamente - il tempo per studiare e affinare un repertorio e un vocabolario musicale che ancora non si possiede. Invece, un bravo professionista, armato di una capacità di lettura efficace può presentarsi alla gig solo con le partiture e prendere e gestire in maniera calzante un lavoro, anche all’ultimo,
Questo riserva, ovviamente, tante possibilità d’ingaggio in più.
Erroneamente molti studenti guardano però allo studio di questi due talenti con sufficienza, se non addirittura additandoli come qualcosa di noioso rispetto a una pratica incentrata unicamente sul semplice suonare o affinare la tecnica.
Niente di più sbagliato per chi aspira a lavorare nella musica suonando.



Gianluca Palmieri è un giovane e brillante batterista italiano che sì è ritagliato un posto al sole nella scena batteristica internazionale. Dal 2013 è docente di batteria al prestigioso Musician Institute di Los Angeles e collabora in pianta stabile con il chitarrista Greg Howe che accompagna live e nell'attività discografica. Tra i tanti, Gianluca ha suonato anche con  Jimmy Earl,  Frank Gambale, Jenifer Batten, Stu Hamm, Bjorkestra, Reggie Hamilton, Jeff Richman, Dave Weiner...
Siamo entusiasti di accoglierlo tra le pagine di Accordo per "Chiacchiere di Musica & Batteria" una sua rubrica in cui parleremo della professione del musicista, tra studio, ascolti e formazione; non dmenticandoci di dispensare anche preziosi consigli per i musicisti più giovani o meno esperti. Ben arrivato Gianluca! (Gianni Rojatti)

 
batteristi gianluca palmieri lezioni lezioni di batteria
Link utili
Il sito di Gianluca Palmieri
Il sito del Musician Institute
Altro da leggere
Pubblicità
Adam Deitch: batterista e produttore...
Adam Deitch. Suonare la batteria Dubstep: influenze...
Le origini di Marco Minnemann...
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16...
Pubblicità
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Aaron Spears: sospensione & pulsazione...
Aaron Spears: pensare solo al groove...
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie...
Simon Phillips: Suono & Accordatura...
Simon Phillips e gli ostinato...
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi...
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di...
Agostino Marangolo: musiche da horror...
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo...
Ellade Bandini & le spazzole di Paolo Conte...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964