CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

la misura giusta dei tasti per un refretting

di [user #48664] - pubblicato il
Salve, sto aiutando un mio amico a cambiare i primi tasti deteriorati di una chitarra che ha 40 anni, una Yamaha 12 corde FG 411 . Purtroppo i mei extra jumbo della Dunlop che avevo da tanto tempo non vanno bene e ho dei dubbi su quali possono andar bene. Pensate che il fret set  Dunlop 6S  /6300  small possa andar bene ? la lunghezza dei tasti che ho tolto e' di 4,50cm e sono ovviamente molto  molto piu'ìpiccoli dei miei jumbo pretagliati, ma non riesco a capire come sceglierli nell'assortimento messo a disposizione dalla Dunlop.,..Volevo riportare in vita questo buon vecchio strumento...Mi potete consigliare ? grazie
Dello stesso autore
Loggati per commentare

di pg667 [user #40129]
commento del 30/07/2018 ore 10:03:56
non vorrei scoraggiarti, ma non puoi cambiare solo qualche tasto...
cioè, potresti farlo se li avessi già cambiati tutti e fossero ancora in buone condizioni e sapessi esattamente quali tasti sono (ce ne sono decine e decine di misure e in base alla marca cambiano sensibilmente), ma così è impossibile, dovresti misurare l'altezza dei tasti rimanenti che però essendo vecchi saranno tutti consumati e con altezze tutte diverse e che oscillano a seconda di dove li misuri, quindi trovare un tasto compatibile è un po' difficile.

l'alternativa sarebbe fare un lavoro raffazzonato: misuri l'altezza del primo tasto che lasciate ed i tasti nuovi li comprate appena un pelo più alti per essere sicuri che le corde non freghino sui tasti rimanenti, ma il risultato se vi va bene sarà comunque decisamente scadente.

inoltre se non avete mai cambiato i tasti vi conviene fare pratica con qualche manico di fortuna se l'avete, perchè non è facile come sembra posare i tasti: la prima volta che ci ho provato svariati anni fa era su un basso che avevo pagato 10€ in pessime condizioni, ci ho messo un sacco di tempo e non avendo livellato i tasti (non sapevo si dovesse fare) dovevo tenere un action alta per compensare le diverse altezze dei tasti che non riuscivo a far andare per bene al loro posto.

pensateci bene.
Rispondi
di massimo nannelli [user #48664]
commento del 30/07/2018 ore 11:04:34
beh, i tasti sonstati tolti ormai e in passato ho gia' fatto molti di questi lavori a non ho avuto grossi problemi,Mi basterebbe avere pero' un'idea di che tipo di tasto mettere perche' poi se c'e bisogno la rettifica e la misurazione si fa rifinire ad un liutaio. E' proprio che non capisco le varie sigle all'interno dei vari modelli di tasto della Dunlop e se qualcuno, avendo fatto questo tipo di lavori, sa che tasti mettevano di serie al tempo per la Yamaha F411. Cosi' vado un po' al buio , facendo solo la comparazione coi miei jumbo ...Ho immaginato fossero gli small ma , appunto , non sono sicuro.
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 30/07/2018 ore 12:58:07
non è neanche detto che fossero tasti della Dunlop, non so ai tempi quante ditte li producessero, oggi sono centinaia.

ad esempio i tasti di Stew Mac hanno sigle diverse ed anche le misure differiscono rispetto ai Dunlop.

se i tasti tolti li avete ancora provate ad andare da un liutaio per farli misurare e magari riuscite a capire a quale tipologia corrispondono, ma la vedo dura.

senza contare che se porti da un liutaio una chitarra con solo 5 tasti nuovi da rettificare quasi di sicuro ti si presenterà una di queste 2 soluzioni:
a - ti fa il lavoro ma paghi comunque una discreta cifra perchè il solo posare i tasti è un lavoro di pochi minuti per un liutaio mentre le parti impegnative sono rettifica e ricoronatura.
b - ti rifà tutto il lavoro da capo cambiando tutti i tasti perchè difficilmente un serio professionista ti lascia uno strumento con una sistemata di fortuna, che ne va della sua reputazione.

valutate se non vi convenga cambiarli tuti...
Rispondi
di massimo nannelli [user #48664]
commento del 30/07/2018 ore 11:11:24
per la precisione ho tolto solo i primi cinque tasti che erano vermante devastati gli altri sono in ottime condizionio nonostante l'eta' giurassica ...Il mio amico suonava solo in prima posizione!...e poi qualche colpo lo devono aver preso...Quindi mi contenterei di farla tornare a suonare in modo sufficiente senza alcuna pretesa.
Rispondi
di massimo nannelli [user #48664]
commento del 30/07/2018 ore 13:31:33
ok anche cambiarli tutti ma il problema si pone ugualmente come all'inizio ; quali tasti metterci ? quale tipo ? questo e' quello che vorrei sapere...Certo se la lortpo ad un liutaio e' inutile porsi il problema ma al mio amico e' stato detto da un liutaio 1 ) di tenersela cosi' 2 ) che se cambiava i tasti e tutto il lavoro nopn gli conveniva per ilvalore della chitarra in se'. Per questo vi vhiedevo se era possibile avvicinarsi alle misure dei tasti originali in modo davvero da sostituirli anche tutti . Poi per la rettifica posso sentire un altro mio amico liutaio.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 30/07/2018 ore 14:25:37
Di norma non si cambia mai qualche tasto, si cambiano tutti.
Se tu vuoi cambiare solo i primi 5 devi armarti di calibro e misurare altezza e larghezza della corona dei tasti esistenti e scegliere un tipo di tasti che più ci si avvicina, molto meglio se perfettamente uguali.
La Dunlop ha delle tabelle che ti mostra tutte le misure dei tasti che produce. Cerca in rete.
Oppure da questo rivenditore trovi tanti tipi di tasti con tutte le misure.
vai al link
Rispondi
di massimo nannelli [user #48664]
commento del 30/07/2018 ore 14:49:47
Grazie mille per le dritte.! Speriamo di poter fare un 'operazione che rasenti la decenza ! Almeno pero' la chitarra tornera' a suonare tanto senno' resta buttata li' in un angolo. Grazie anche per il link.
Rispondi
di Sparklelight [user #41788]
commento del 31/07/2018 ore 11:56:35
Prova a chiedere direttamente alla Yamaha.
Rispondi
di doctorjazz [user #26422]
commento del 01/08/2018 ore 01:32:13
Anch’io devo consigliarti di non fare un lavoro errato. Se devi refrettare una tastiera il lavoro prevede il cambio di tutti i tasti. È ovvio che per fare ciò occorre una certa esperienza e manualità, non ultimo l’attrezzatura, senza la quale ti troveresti a non poter continuare. Per le mie chitarre ho fatto la scorta di fret , non pretagliati , ma di tipo a matassa presso un laboratorio di liuteria tedesco e ho potuto scegliere in basa alle dimensioni della testa del fret, della sua altezza, del tipo di metallo, cosa che potra trovare facilmente su Internet. I tasti vanno tagliati e sagomati in base al tratto di tastiera interessata , non comprare tasti pretagliati, sono soldi buttati.
Rispondi
di Raptor [user #48281]
commento del 01/08/2018 ore 23:17:30
Salve a tutti.
Qualcuno mi informa se prima di inserire i tasti si debba eliminare le ancorette di piantaggio estreme, onde evitare inestetismi dovuti a piantaggio sbordante delle stesse, sia parziale che completo ma con deformazione del legno?
Devo iniziare tre tastiere che ho intarsiato e non vorrei buttarle per una piccolezza, grazie.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 02/08/2018 ore 14:51:13
"Ancorette di piantaggio estreme"... mi mancava :-))
Che io sappia, se la tastiera non ha binding, non devi togliere nulla.
Devi solo inserire il tasto e rifinire il manico meglio possibile, magari stucchi con la Super glue.
Poi c'è anche chi, in assenza di binding, elimina il terminale del codolo, come se il binding ci fosse, e magari fa una stuccatura dello slot (solco).
Ho visto strumenti che in assenza di binding nascono con lo slot non passante, cioè si ferma qualche millimetro prima del bordo del manico, in questo modo non vedi il terminale del tasto annegato nella tastiera, ma lo slot in questo caso è fresato a CNC.
Rispondi
di Raptor [user #48281]
commento del 13/10/2018 ore 00:11:02
Io freso tutto a CNC ed ero partito con il modello della UV7 che ha le sedi passanti e i tasti visibili lateralmente, non avevo pensato ad alternative ma mi piace ugualmente a lavoro finito, lo preferisco ad eventuali stucchi e colorazioni in tinta.
W le ancorette!! Magari ci posso anche pescare !!
Grazie in ogni caso per il consiglio, potrei attuarlo sul prossimo modello se non applicherò il binding, ci sto ancora pensando se fresare le sedi o meno, ho timore che risulti tutto troppo "plasticoso"
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964