HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Tre cose indispensabili per suonare la batteria.
Tre cose indispensabili per suonare la batteria.
di [user #116] - pubblicato il

Tre dritte per partire con il piede giusto nello studio delle batteria. Utili anche per chi suona già da tanto ma ha bisogno di uno stimolo per tenere accesa la passione. A suggerircele Gianluca Palmieri, docente di batteria in una delle scuole più prestigiose al mondo, il Musician Institute di Los Angeles e strumentista di spicco nella scena jazz rock e fusion internazionale.
AMORE:
La batteria è uno strumento che necessita tanta passione, amore vero. Perché è uno strumento che va praticato quotidianamente. Infatti, per migliorare è più fruttuoso suonare un’ora ogni giorno piuttosto che farne otto di fila, una sola volta alla settimana, magari la domenica. Sono quindi necessari metodo, costanza e disciplina.
Inoltre non è uno strumento facile: è rumoroso, ingombrante, pesante da trasportare.
Quando c’è un concerto in un locale, il batterista ha così tanto da montare ed allestire che è sempre il primo ad arrivare e l’ultimo ad andarsene.
Insomma, chi decide di diventare un batterista deve essere pronto ad affrontare sacrifici importanti che solo un grande amore e una profonda dedizione possono motivare.

Tre cose indispensabili per suonare la batteria.

PAZIENZA:
Se si vuole diventare dei bravi batteristi è necessario costruire delle basi solide.
Soprattutto nella fase iniziale, sarà necessario avere la giusta pazienza perché le cose da studiare saranno tante: tecnica, lettura, solfeggio. Anche se non si avrebbe voglia di fare altro che suonare, bisognerà rispettare un percorso di studio organizzato e supportato da un bravo insegnante. Pazienza.

(A questo proposito, merità una letta questa intervista ad Adam Deitch: "Mia madre si raccomandava sempre non diventassi una testa di tamburo. Uno di quei batteristi che non pensa ad altro che a battere sulle pelli. Bisogna preoccuparsi della musica. E la batteria è solo uno strumento per farla") (Clicca)

DIVERTIMENTO:
Il divertimento è una componente imprescindibile che alimenta la passione e sprona alla pratica.
Per questo sarà importantissimo ritagliarsi, all’interno dello studio personale, il tempo per suonare ogni giorno qualche brano che si ama. Ogni volta che si termina una sessione di studio, un consiglio prezioso è quello di regalarsi dieci minuti di puro divertimento suonando un brano che si apprezza e che stimola la nostra musicalità. Anche se è qualcosa di tecnicamente al di sopra delle nostre capacità, va visto come una semplice sfida, un gioco. L’aspetto più importante sarà quello di alzarsi dalla batteria con addosso le emozioni e il divertimento di aver suonato qualcosa che ci diverte. La fine perfetta di una sessione di studio.

batteristi gianluca palmieri lezioni di batteria
Link utili
Il sito di Gianluca Palmieri
Il sito del Musician Institute
Altro da leggere
Pubblicità
Simon Phillips: Suono & Accordatura...
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo...
Aaron Spears: sospensione & pulsazione...
Agostino Marangolo: musiche da horror...
Pubblicità
Virgil Donati: mai farsi fuorviare dalle opinioni altrui...
Bass Therapy: tecnica e teoria al servizio della musicalità...
Tante domande sui linear...
Massimo Moriconi: la tecnica serve per fare musica...
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo...
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista...
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"...
Un artigiano della musica...
Non ascoltare il metronomo. Sentilo...
Lettura & versatilità...
I 5 batteristi migliori dell'Universo...
Paiste Pstx: splash, hats e crash. Attacco e decadimento a...
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"...
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del...
Batteria: 50 dischi fondamentali. "Toto IV" dei Toto...
Commenti
di yasodanandana [user #699] - commento del 23/08/2018 ore 21:16:5
grazie
Rispondi
di Merkava [user #12559] - commento del 24/08/2018 ore 10:24:25
ב''ה
1) tamburi
2) bacchette
3) seggiolino
Rispondi
di Carrera [user #31493] - commento del 24/08/2018 ore 15:05:38
Ma queste sono regale d'oro per ogni strumentista, altroché!
Devi essere un ottimo insegnante Gianluca. Hai una passione contagiosa: fai venire voglia di fare le cose per bene.

p.s. qualunque strumento tranne i cantanti...ultimi ad arrivare, primi ad andare...divertimento solo quando dicono loro. Pazienza...degli altri...
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964