CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Come avvicinarsi al suono dei multieffetto coi pedalini?

di [user #44787] - pubblicato il
Buongiorno a tutti, chiedo a voi per un consiglio. Provengo da un uso ventennale di pedaliere multieffetto, collegate a valvolari o Solid state a seconda dei casi. Negli ultimi tre anni ho scoperto il "magico mondo dei pedalini" abbinati ad un discreto valvolare, complice anche un progetto di musica rock blues. Pienamente soddisfatto dei suoni, ma (c'è un ma...)... In determinati ambiti non riesco ad ottenere i suoni di prima. Specialmente per i soli, prima riuscivo ad avere un suono abbastanza omogeneo, e ottimo per il legato, ma con un buon mantenimento della dinamica... Adesso nonostante abbia i pedali singoli che replicano le stesse funzioni di prima (compressore, equalizzatore, OD e distorsore delay, chorus all'occorrenza), non c'è verso di ottenere la stessa fluidità... E questo inevitabilmente influisce sulla versatilità del mio setup.
Ad esempio sulla pedaliera avevo un suono solista con compressore, eq, overdrive tipo Marshall, e delay... Per quanto mi sforzi non riesco ad ottenere gli stessi risultati coi pedali. 
Tutto questo l'ho percepito maggiormente quando per un progetto di musica italiana ho suonato con la mia pedaliera (una vecchia Boss GT3) in diretta nel mixer e col mio ampli come spia. 
"Bravo, hai scoperto l'acqua calda!", direte voi. Eppure.... Mi aspettavo un minimo di versatilità in più. La mia ascia è una AM Strato del 2007, il mio ampli è un Rivera 55r....i pedali sono compressore kokko, od TS9, od OCD, distorsore simil RAT, Eq a 5 bande tomsline, chorus-delay H2O....
Ogni suggerimento è ben accetto... Grazie
Dello stesso autore
Atom Amplifiers - Il caldo suono delle valvole dalle zone del Carso
VALVOLARE SENZA BIASING? Ciao a tutti, il mio Rive...
Problemi improvvisi cavi di volume - parte seconda
Pedale MINI con Tap Tempo? Ciao ami...
BOHEMIAN GUITARS: GUAI FEEDBACK - Ciao amici accor...
Inchiostro elettrico: rivoluzione o semplice "dive...
Loggati per commentare

di Lucifer [user #46960]
commento del 27/08/2018 ore 11:56:57
Occhio che sei entrato nel circolo vizioso dei pedalini singoli! Ricomprati la pedaliera... :)
Rispondi
di DottorZero [user #44787]
commento del 27/08/2018 ore 11:59:46
Ahahahah ahah è veroooooooooo!!! Ma per i suoni non c'è confronto... Suona tutto più naturale.... Anche troppo (dati i miei evidenti limiti tecnici😂😂😂)!!!
Rispondi
di luis68 [user #35769]
commento del 27/08/2018 ore 14:17:0
Io per anni ho usato una boss gt collegata ad un finale brunetti 60/60il tutto finiva in una cassa marshall 2x12 e recentemente ho risentito dei video dell'epoca ed avevo un suono notevole,oggi uso i pedali ma ci ho messo molto ad avere un suono che mi piacesse,il problema e che mentre nella pedaliera hai tutto con i pedali bisogna fare motli esperimenti comprando,vendendo e ricomprando.

Per cui credo che se non sei soddisfatto del tuo suono solista potresti prendere in considerazione un dist tipo l'hot british della radial,ti basta solo quello per i lead ha gain da vendere,abbastanza compresso e si puo' scolpire il suono a piacimento
Rispondi
di giudas [user #48068]
commento del 27/08/2018 ore 22:28:56
Uso una line6 m13 su testata fender bassbreacker 45. Per quanto mi riguarda è la soluzione definitiva a cui sono approdato dopo milioni di soluzioni.
Rispondi
di kelino [user #5]
commento del 29/08/2018 ore 16:33:55
Concordo.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 28/08/2018 ore 14:19:07
Non capisco... ma se ti trovi meglio con la vecchia Boss, forse ti conviene continuare con quella.
Rispondi
di NorwegianWood [user #18676]
commento del 29/08/2018 ore 09:56:19
Sposta il compressore a valle:
ts9 > OCD > Rat > Comp.
con i primi tre scegli il tipo e la quantità di saturazione...
e poi regoli il comp in modo da ottenere sia un boost di volume e sia il sustain desiderato per i solo.
Uso questa disposizione da anni...non capisco perché sia così poco usata...
consente di avere un buon sustain pur non esagerando con la saturazione...a tutto vantaggio dell'intelligibilità del suono...
Rispondi
di DottorZero [user #44787]
commento del 29/08/2018 ore 10:01:25
Ciao, grazie del consiglio! In effetti avevo visto un articolo su Accordo che suggeriva una disposizione del genere del compressore, non ricordo se lo avevi scritto tu....L'importante è non esagerare con la saturazione, pena aumenti del fruscio...
Di sicuro è una soluzione da provare!
Rispondi
di NorwegianWood [user #18676]
commento del 29/08/2018 ore 10:17:39
sì, credo sia il mio articolo di moooolti anni fa!
certo...non bisogna esagerare...
il compressore, comprimendo la dinamica del segnale, "tira su" il noise floor...
anche gli overdrive e i distorsori, comprimendo la dinamica, fanno praticamente la stessa cosa...aggiungendo però saturazione (più o meno "rumorosa", a seconda dei pedali).

Sinceramente...preferisco avere un suono meno saturo...e recuperare il sustain perso col compressore...così il mio suono è ugualmente "fluido" sotto le dita...ma più chiaro.
Ricevo complimenti per il mio sound tutte le sante sere.
Prova!

Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964