CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
La corda si incastra quando uso la leva
La corda si incastra quando uso la leva
di [user #19372] - pubblicato il

Ponte mobile e tenuta d'accordatura possono convivere, ma necessitano di alcuni accorgimenti per setup e componenti adatti.
Ho una Stratocaster Standard Pro con ponte a sei viti in stile vintage. Se uso la leva del vibrato, le corde più sottili tendono a incastrarsi e solo un bending di un tono riporta il tutto in accordatura esatta.
Ho già provato a settare il ponte in appoggio sul corpo con le quattro viti centrali più allentate e le due laterali che fanno da perno. La situazione è migliorata nettamente ma non è ancora soddisfacente.
Ho letto parecchio al riguardo e il consiglio comune sarebbe il trio capotasto in grafite ponte a due pivot e magari autobloccanti. Vale la pena mettere mano alla chitarra facendo questi upgrade costosi oppure è meglio prendere una American Elite/Deluxe? Qualcuno di voi utilizza la leva con la American Deluxe?
Non utilizzo la leva in maniera esasperata stile Floyd Rose, ma adoro il buon vibrato energico alla Stef Burns, per intenderci.

La corda si incastra quando uso la leva

Risponde Pietro Paolo Falco: quello che descrivi è un problema comune ma, in genere, di facile soluzione. La corda che si incastra durante l’uso della leva, perdendo l’accordatura e riacquistandola quasi alla perfezione quando la si stira con un bending, dipende senza dubbio dall’attrito che si genera in un punto del suo percorso. Un ponte potrebbe causare perdita di accordatura anche per un cattivo settaggio o delle viti rovinate che non gli permettono di tornare in posizione originale dopo l’uso, ma non mi sembra questo il caso.
Una corda può accumulare tensione o perdere presa in corrispondenza della selletta del ponte (la porzione che finisce nel blocco inerziale) o anche sulla meccanica a causa di un componente scadente o un montaggio errato. Il più delle volte, però, si tratta del capotasto: un solco troppo sottile, rovinato per l’usura o male realizzato a monte, può far sì che la corda allentata dal ponte scivoli verso la paletta, incastrandosi poi quando il ponte torna in posizione originale. Così la corda risulta più tirata di prima e si ottiene una nota crescente, che tende a correggersi quando la stiriamo.
Il miglioramento che hai notato con il nuovo assetto del ponte potrebbe dipendere semplicemente dalla minore escursione di un ponte poggiato al body rispetto a uno completamente sospeso.
La soluzione potrebbe essere limare (o far limare a un professionista) il solco corrispondente o sostituire del tutto il capotasto con uno migliore: è un intervento da pochi euro che potrebbe rivelarsi risolutivo.
chitarre elettriche fender hardware stratocaster
Nascondi commenti     8
Loggati per commentare

di fa [user #4259]
commento del 27/08/2018 ore 21:58:37
Ciao, non sono un esperto, ma riporto ciò che ho visto fare. Potresti provare con della polvere di grafite sul capotasto... aiuta a far scorrere meglio la corda. Nel caso poi non funzioni, come scritto sopra, probabilmente sarà sufficiente limare e allargare il buco sul capotasto. Ciao! Fab
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 28/08/2018 ore 08:03:49
lubrificare il capotasto va bene ma prima i tutto gli slot del capotasto devono essere fatti come si deve
Rispondi
di zacca171 [user #45487]
commento del 28/08/2018 ore 00:01:58
ciao, gli interventi da te citati gli ho fatti su una G&L Legacy tribute.
per prima cosa dopo aver acquistato la chitarra, ( usata), ho da subito tolto due feltrini che stavano sotto i pivot che ostacolavano il movimento del ponte dopo di che ho messo le meccaniche autobloccanti e la situazione è molto migliorata, ma solo dopo aver messo il capotasto graftec e uno stabilizzatore del tremolo autocostruito la chitarra è diventata perfetta.
Solo facendo qualcosa simile ad un divebomb perde un po l' accordatura.
Lo stabilizzatore che mi sono autocostruto l' ho copiato da internet, esttamente da questo:
vai al link
Rispondi
di diavoletto86 [user #19372]
commento del 29/08/2018 ore 07:48:56
Grazie per le risposte, ieri sera per prima cosa ho passato un po' di burrocacao sul capotasto e ho montato una muta nuova più grossa, da 9 46 a 10 46.
La situazione è migliorata moltissimo, oserei dire già quasi perfetta.
Ho deciso lo stesso di far controllare/sostituire il capotasto, che materiale mi consigliate?
grazie mille
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880]
commento del 29/08/2018 ore 09:31:25
Osso di vacca non sbiancato è l'ideale. A livello funzionale quello sbiancato è uguale ma color avorio è molto più bello. Occhio a fartelo fare da uno che LO SA FARE e considera che fino ad ora non ho beccato UN SOLO liutaio che sapesse fare un capotasto a regola d'arte. Tutti che lavorano "ad occhio", che sommergono le corde nei solchi, che fanno i solchi perpendicolari alla tastiera e che non hanno la minima idea di come lucidare un capotasto. Anche l'occhio vuole la sua parte.
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 29/08/2018 ore 10:06:58
Quando si abbassa la leva si allentano le corde lungo tutto il percorso, fino attorno al perno della chiavetta, per tutte le spire che la corda è stata avvolta, ecco perché è importante fare non più di 2 spire di avvolgimento attorno al perno di modo che poi con un bending si possa rimettere in tensione la corda anche attorno al perno nelle sole 2 spire o meno.
Relativamente al capotasto di qualità va detto che migliora la sonorità, ma relativamente alla maggior scorrevolezza occorre dire che pur favorendo il ritorno della parte di corda allentatasi oltre il capotasto, favorisce anche l'allentamento della corda oltre il capotasto all'abbassamento della leva, infatti, onde evitare ciò si usa il bloccacorde oltre il capotasto o le meccaniche autobloccanti.
Mettendo un capotasto più scorrevole occorre almeno montare meccaniche autobloccanti se non si vuole montare un blocchetto bloccacorde. Saluti Paul.
Rispondi
di diavoletto86 [user #19372]
commento del 29/08/2018 ore 13:40:50
che materiale consigli per il capotasto?
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 29/08/2018 ore 15:01:18
Ciao Diavoletto, premetto che sulle mie due chitarre ho i capotasti originali in plastica, sulla Fender Flame ho un ponte Stile Tune-o-matic Schaller STM (di serie) con i roller al posto delle sellette, la chitarra ha un suono molto potente da spenta, (forse anche perché è una hollow body, forse perché ha il manico incollato) comunque è certo che i roller non spengono il segnale … anzi.
Per questa ragione, dovessi cambiare il capotasto, farei un'operazione definitiva montando il Fender Roller Nut LRS (Linear String Rotation), che sembra essere il migliore, è su microcuscinetti. Lo vende Thomanna 58 euro, ma forse si trova anche a meno, occorre però fare attenzione alla larghezza del capotasto, non so se ne fanno di varie misure, avendo una leva vibrato monterei, contemporaneamente, delle meccaniche autobloccanti, nella vita tutto è un compromesso … per cui … Saluti Paul.
Rispondi
Altro da leggere
MTG: distorsore Fender con mini-valvola
Torna la rara Supro Tri Tone
Matt Bellamy acquisisce Manson Guitar Works
Da ESP LTD una sgargiante serie 400 per il 2019
Lo Sugar Chakra di Phil Collen ora in vendita
Cool Gear Monday: Snakehead, il primo prototipo Telecaster
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964