HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Virgil Donati: come nasce una canzone
Virgil Donati: come nasce una canzone
di [user #116] - pubblicato il

Trasformare in musica, idee ed emozioni è la parte più emozionante e suggestiva del processo creativo di scrittura di una canzone. Virgil Donati ci racconta il suo approccio al songwriting; libere improvvisazioni al pianoforte o qualche spunto di chitarra distorta, diventano idee sulle quali, subito, appoggiare ispirazioni ritmiche.
Generalmente, il mio approccio alla composizione parte dal pianoforte e da un aspetto molto libero: l’improvvisazione. Mi siedo e semplicemente suono. Piano, piano iniziano a configurarsi idee, sensazioni sulle quali riesco già a sentire, immaginare, dei ritmi, delle possibilità di groove.
È una fase suggestive nella quale inizia uno dei processi più affascinanti della scrittura musicale: cercare di esternare, tradurre in note, sensazioni e idee. Fare letteralmente uscire sotto forma di musica ciò che sento, penso. Parto da qualcosa di basico, posso decidere di utilizzare il suono di pianoforte ma, perchè no,i quello di una chitarra shred, che amo. Per esempio, per il tipo di materiale degli Icefish, quel tipo di sonorità cosi aggressiva di chitarra o basso è perfetta.



Così, inizio a inquadrare i concetti base della canzone, le colonne portanti. In questo, come ho detto, riesco da subito a immaginare una parte ritmica sopra quanto sto suonando: per me è una cosa innata, imprescindibile, in quello che faccio. A quel punto, ho un bel canovaccio di idee su cui lavorare e sono pronto ad entrare in studio. Su quella bozza di idea armonico/melodico incido una batteria. Non è ovviamente definitiva: è una semplice guida che mi permette di continuare a sviluppare il pezzo in maniera sempre più dettagliata. Continuo a lavorarci finché non sono soddisfatto e tutto è abbastanza ordinato perché possa registrarci una parte di batteria definitiva. Da quel punto in poi, passo la palla agli altri musicisti: scrivo loro le parti e glie le invio assieme agli stems della sessione, la mia batteria e, separatamente, la base guida che ho costruito.
È così che nasce un mio pezzo.

batteristi icefish lezioni lezioni di batteria virgil donati
Link utili
Il sito di Virgil Donati
Il sito degli Icefish
Altro da leggere
Pubblicità
Tempi dispari con Marco Minnemann...
Simon Phillips: Suono & Accordatura...
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi...
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie...
Pubblicità
Aaron Spears: sospensione & pulsazione...
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Addio a Pat Torpey: innovazione, leggerezza e intelligenza...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show...
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo...
Quando il batterista è diventato protagonista...
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista...
Icefish: progressive da super eroi...
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come l'aglio"...
Lettura & versatilità...
Tre cose indispensabili per suonare la batteria....
Andare a tempo: predisposizione o formazione? ...
Commenti
di qualunquemente1967 [user #39296] - commento del 29/08/2018 ore 20:50:37
Virgil batterista straordinario ...e vederlo suonare in una formazione di Italiani è per me fonte di grande orgoglio ! 🇮🇹
Rispondi
di roccog [user #30468] - commento del 30/08/2018 ore 10:18:52
Punto chiave: partire da un 'improvvisazione per scrivere, comporre.
A volte invece si decide di aspettare l'idea per partire...e non arriva mai.
Rispondi
di iorocker [user #44327] - commento del 30/08/2018 ore 12:23:
Un grande .... Virgil mi lasciò senza fiato quando ascoltai l'album dei planet x "universe" ..grande tecnica, stile e pathos musicale che pochi batteristi hanno..e le stesse emozioni provai quando lo vidi suonare nel live at astoria di Steve Vai. Lui dice di suonare ..lasciarsi andare ed improvvisare per poter arrivare a comporre un brano, ma è necessario studiare teoria e tecnica a prescindere !
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964