HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Maurizio Solieri:
Maurizio Solieri: " Troppo artisti per farci da manager"
di [user #116] - pubblicato il

Nell'estate di 30 anni fa, Vasco è nel pieno del successo di "C'è chi Dice No", uscito l'anno prima. Però, il pezzo che impazza tra radio e televisione, vero tormentone di quella stagione, è "Alzati La Gonna" della Steve Rogers Band, gruppo formato proprio dai musicisti di Vasco, capitanati dalla sei corde di Maurizio Solieri.
Inauguriamo gli appuntamenti con Maurizio Solieri  festeggiando un compleanno importante, quello di "Alzati La Gonna". Successo discografico e tormentone estivo del 1988, fu il più popolare singolo della Steve Rogers Band. La band era stata formata da Vasco Rossi nel 1980 che voleva un gruppo di musicisti fidati che lo accompagnasse in studio e dal vivo.
"Alzati La Gonna" è il secondo disco della Steve Rogers Band che rinuncia anche all'apporto di Vasco come songwriter e confezionava un album pregevole.
Dopo anni di tour e incisioni con Vasco, i musicisti sono rodati e affiatatissimi: gli arrangiamenti sono freschi e suoni e playing il meglio di quanto si potesse, allora, ascoltare in ambito rock in Italia. Rispetto alla produzione di Vasco, in "Alzati la Gonna" si respirava un piglio più scanzonato e irriverente e, soprattutto la chitarra di Maurizio Solieri, si esprime più disinibita e irruenta. Nonostante "Alzati La Gonna" sia il pezzo più popolare, il vero capolavoro di quell'album rimane "Bambolina", una ballad equlibrata e perfetta in scrittura, suoni e arrangiamenti. Con la chitarra di Solieri che sfoggia il meglio del suo mondo sonoro e musicale.



A proposito della Steve Rogers Band, una delle domande che ci si fa più di frequente e perché non ci sia stato un seguito al grande successo di “Alzati La Gonna”. Era un gran disco e voi una grande band.
Eravamo troppo artisti per essere dei bravi manager di noi stessi...
 
Non avevate la consapevolezza del successo che vi stava investendo?
Quando è esplosa la popolarità della Steve Rogers Band sono iniziati i nostri tour, la promozione radiofonica, televisiva, avevamo le fan che ci seguivano, suonavamo la nostra musica, slegati da Vasco. Figurati se stavamo a pensare a contratti, diritti, edizioni…Non avevamo nemmeno gli strumenti per gestire quel tipo di faccende perché ci stavamo letteralmente inventando - formando sul campo - nel mondo musicale professionista. Nessuno di noi conosceva a priori, quel mondo, quel sistema.


 
Però avevate Guido Elmi, che si era staccato da Vasco per seguire voi come manager…
Sì, ma sai, Guido non era diverso da noi. Anche lui si era creato quel ruolo all’interno della situazione Vasco, Steve Rogers Band. ma era un ragazzo che si era laureato in Scienze Politiche e per un periodo aveva gestito un pub dove faceva panini…
Tutti noi siamo diventati professionisti piano, piano, negli anni. Io, Vasco, Massimo Riva (che tra l’altro aveva 10 anni meno di me) Mimmo Camporeale di SIAE, Diritti d’Autore non sapevamo nulla, non capivamo nulla. È stato un bagaglio di esperienze che abbiamo conquistato nel tempo, che io ho iniziato a capire dopo anni…
 
Quindi, da questo punto di vista, ti sei formato totalmente da solo?
Sì, mi sono fatto da solo. E Vasco uguale del resto. Lui veniva dal collegio, aveva fatto un po’ di università…ma nessuna formazione musicale autorevole. Ci siamo semplicemente incontrati, accomunati dalla passione per la musica a lavorare in una radio.
 
La tua famiglia ti supportava?
Vengo da una famiglia tradizionale, dove nessuno mi ha mai aiutato dal punto di vista musicale. Del resto appartenevo a una generazione i cui genitori avevano visto e fatto la guerra. Mio padre proveniva da una famiglia di contadini ma era diventato medico e questo faceva sì che a casa stessimo bene. Quindi, in quella mentalità, prendere una laurea, avere il famigerato pezzo di carta era il traguardo più ambito che un genitore potesse  auspicarsi per il proprio figlio. Lo vedo nel confronto con il mio, che oggi ha 13 anni e suona la batteria. Da quando ne aveva cinque, lo osservavo al ristorante che con coltello e forchetta gioca sui piatti, facendo ritmi. Io da piccolo facevo lo stesso ma nessuno ha mai assecondato questa mia passione.

Maurizio Solieri: " Troppo artisti per farci da manager"
 
Per voi, quindi, c’era solo musica, nessuna strategia...
Per noi suonare era il massimo della vita: non pensavamo ai soldi, non ce ne fregava niente.
Io lo dico sempre: già agli inizi con Vasco, prima del successo, noi ci sentivamo come se fossimo stati i Rolling Stones.
Quando salivamo sul palco non ci preoccupavamo nemmeno di piacere al pubblico; volevamo piacere a noi stessi, tanto si amava quello che stavamo facendo.
Erano anni di gavetta pesante ma che si affrontava con il sorriso sulle labbra.
 
Davvero non pensavate al successo?
È questa la differenza con i ragazzi di adesso che vogliono il successo immediato. A noi non importava. Poi il successo con Vasco è arrivato, improvvisamente, e ci ha travolti.  Ma fino ad allora noi si viveva quella gavetta - anche se dura - sempre entusiasti. Per noi non era qualcosa di accessorio alla popolarità. Eravamo felici di suonare. Ci facevamo tutte le Feste dell’Unità, dell’Avanti nelle zone di provincia di Modena, Ferrara, Bologna, Reggio…e salivamo sul palco euforici di poter suonare i nostri pezzi. Ci bastava quello. In quel periodo io sfoggiavo una testata e cassa Marshall e quasi me lo portavo a letto! Era già il massimo della vita!

E adesso?
Adesso se qualcuno vuole informarsi su cos'è un contratto discografico va su Google e trova tutto. Allora erano altri anni...

lezioni maurizio solieri steve rogers band vasco rossi
Link utili
Il sito di Maurizio Solieri
Acquista "Dentro e Fuori dal Rock'n'Roll"
Altro da leggere
Pubblicità
Matt Schofield: esercitarsi sulle scale è uno schifo...
Gli assolo di chitarra fanno vomitare...
Paul Gilbert: perchè il blues è meglio del metal...
Ho fracassato la chitarra. Mi presti la tua?...
Pubblicità
Maurizio Solieri: al grosso pubblico la musica non interessa...
Federico Poggipollini: come suonare "Certe Notti"...
Corde fini, cervello grosso...
Cesareo sul Kemper: "Pappa pronta ma non impari a cucinare"...
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un...
Bonamassa: "B.B. King mi diceva, occhio alla grana!"...
Concerto del Primo Maggio: scarsa attenzione alla musica....
Maurizio Solieri: "Dentro e Fuori Dal Rock'n'Roll"...
Nili Brosh: vivere da musicista...
Commenti
di francesco72 [user #31226] - commento del 31/08/2018 ore 14:25:30
Solieri dice una grande verità: l'artista deve fare l'artista, al management deve pensare un esperto di quel settore; peccato che poi cada nella presunzione che "con l'esperienza" (da artista) si diventi anche manager. In Italia assistiamo allo strano fenomeno per cui prendendo in mano una chitarra ci si sente chitarristi e firmando un contratto ci si sente avvocati; purtroppo, o per fortuna, son ruoli e competenze diverse. Quando lo capiremo saremo 60 anni indietro agli altri, ma almeno avremo finito di retrocedere.
Ciao
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 31/08/2018 ore 15:20:42
-----Solieri dice una grande verità: l'artista deve fare l'artista, al management deve pensare un esperto di quel settore-----
Purtroppo non funziona quasi più cosi almeno che non si parli di livelli alti.
Rispondi
di roccog [user #30468] - commento del 31/08/2018 ore 14:30:19
Emozionante e coinvolgente leggere i retroscena di quegli anni, dischi, successi direttamente da chi era protagonista. Che storia straordinaria Solieri!
Rispondi
di ADayDrive [user #12502] - commento del 31/08/2018 ore 16:02:29
Sia la storia di Vasco che di Solieri grondano di emilianità anni '80, periodo e collocazione che riconosco malgrado appartenga ad una generazione posteriore alla loro: lo spazio giovani della festa dell'Unità (in cui chiunque poteva suonare quasiasi cosa, l'unico problema era non infastidire l'orchestra di liscio), l'atteggiamento scanzonato con cui ci si affacciava alla vita, la voglia di non pensare ai problemi...
Citando Guccini, altro emilianissimo: "A vent'anni si è stupidi davvero, quante balle si hanno in testa a quell'età..."
Rispondi
di betelobo [user #25981] - commento del 01/09/2018 ore 00:53:49
Applaudo!!!
Rispondi
di c9 [user #37327] - commento del 31/08/2018 ore 22:5
Grande pezzo Bambolina, classico suono di Solieri e classico arpeggio ma veramente grande
Rispondi
di esseneto [user #12492] - commento del 03/09/2018 ore 09:26:15
Grande Solieri , io ho iniziato con Clapton e i riff di Maurizio !
Rispondi
di Fritz [user #333] - commento del 03/09/2018 ore 11:22:01
Con tutto il rispetto, l'ammirazione per gli ottimi musicisti e la nostalgia di quel periodo, credo che la SRG oggi tenda ad essere sopravvalutata.
Trovo che fosse un po' uno scimmiottamento dei brani di Vasco ma senza il suo "quid" compositivo e interpretativo. Risentendoli oggi mi sembrano brani decisamente poco interessanti e di parecchio inferiori a quelli di Vasco dello stesso periodo.
Rispondi
di fraz666 [user #43257] - commento del 03/09/2018 ore 11:46:25
Bei tempi, troppo. Oggi è cambiato praticamente tutto, dall'essere artisti alle feste dell'Unità
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 03/09/2018 ore 19:52:49
a proposito di Massimo Riva.. ve la ricordate questa:
vai al link vai al link
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Peppino D'Agostino: respirazione e meditazione prima del concerto
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964