HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
I chitarristi sono un bene per la società
I chitarristi sono un bene per la società
di [user #116] - pubblicato il

"Sarebbe impossibile vivere senza musica. Ma siamo in un periodo in cui tanto Pop "usa e getta" abbassa la qualità di quello che ascoltiamo. Per questo il lavoro di tanti chitarristi che scrivono la loro musica e lavorano nella qualità è prezioso. Offrono un apporto culturale e musicale alla società importantissimo"
Andrea Palazzo  è un musicista straordinariamente versatile: didatta, session man, dimostratore, artista solista. Recentemente l'abbiamo conosciuto meglio in una lunga intervista ma avevavo voglia di tornare a parlare con lui per eplorare l'aspetto più tecnico e chitarristico del suo lavoro.
Andrea, infatti, è un solista pregevole e il suo fraseggio è un appassionante compendio dei linguaggi tecnici più moderni degli ultimi trent'anni.
Ecco il resoconto di un'appassionante chiacchierata, chitarra al collo, di tecnica, fraseggio e chitarristi.

L’economy picking resta la tecnica più efficace per suonare gli arpeggi?
Sì, è in questo senso, Frank Gambale resta un riferimento. Ho studiato con attenzione il suo approccio. Mi piaceva moltissimo soprattutto nel disco “Centrifugal Funk” con Brett Garsed e Shawn Lane. Ma in tema di economy picking mi è piaciuto molto il tipo di evoluzione tecnica apportata da Richie Kotzen.
 
I chitarristi sono un bene per la società

In cosa consisteva?
Kotzen sull’impianto dei tradizionali arpeggi in economy, o sweep, ha integrato le possibilità esecutive del tapping e dello string skipping, contribuendo ad allargare gli intervalli e, di conseguenza, il respiro melodico degli arpeggi.
 
Hai esplorato questo tipo di possibilità?
Sì, utilizzo spesso questo tipo di soluzioni nel mio fraseggio. Per esempio, parto da un tradizionale arpeggio minore e lo sviluppo in questo modo:
questa è la forma tradizionale di un F#m.
 
I chitarristi sono un bene per la società

Grazie allo string skipping, salto la nota sulla corda di D, che è la quinta dell’arpeggio. Quindi sulla corda di B, dove ci sarebbe la b3 dell’arpeggio la sostituisco con l’11. La stessa 11, la ribatto con il tapping sulla corda di E cantino. L’arpeggio si trasforma in F#m add 11. Il salto di corda rende meno scontata l’esecuzione e il tapping ampia il senso melodico del pattern.

I chitarristi sono un bene per la società

Stessa cosa partendo da un arpeggio di Bm
 
I chitarristi sono un bene per la società

In questo caso, le stesse integrazioni tecniche, l’inserimento di tapping e string skipping, sono funzionali a omettere la b3, trasformando l’arpeggio in sospeso e integrando 9 e 11.
 
I chitarristi sono un bene per la società 

C'è un tuo brano a cui fare riferimento per ascoltare come utilizzi queste soluzioni sugli arpeggi?
Sì, utilizzo esattamente questi arpeggi in un mio brano, “Guitar Trainer”. Questa è la versione integrale. Attenzione che è accordata un semitono sotto.



Andrea ci ha omaggiato della trascrizione completa della sezione di brano che interessa gli arpeggi appena spiegati.
Per agevolarne lo studio la parte è stata trascritta e suonata in accordatura standard. La sezione suonata e poi trascritta è quella che va da 3:12 a 3:39 del brano integrale.




Questa invece la trascrizione di tutta la sezione.


 
Hai menzionato Gambale e Kotzen. Chi sono gli altri tuoi riferimenti?
Parlando dal punto di vista strettamente più tecnico di sicuro Joe Satriani per l’utilizzo dei modi e Paul Gilbert per la pennata alternata.
Però, devo dire che, invece, in un’analisi più ampia il mio artista totale preferito è Prince. Viceversa, se dovessi nominare un virtuoso o genio assoluto dello strumento, non penserei a un chitarrista ma a un bassista e ti direi Jaco Pastorius. Poi, per carità, restano i grandi amori chitarristici di sempre: Hendrix, Page, Gary Moore, Van Halen, Vai, Jason Becker, M.Lee Firkins, Mike Stern, Greg Howe, Shawn Lane, Allan Holdsworth, John Petrucci, Steve Lukather, Steve Stevens, Steve Morse, Michael Landau, Corrado Rustici, Guthrie Govan… la lista è infinita. Poi per il blues, tra le cose più recenti, mi piace molto Philip Sayce.

I chitarristi sono un bene per la società
 
Ecco, appunto, delle nuove generazioni chi apprezzi?
Seguo con interesse i nuovi guitar hero: Angel Vivaldi, Andy James, Aaron Marshall (Intervals), Plini, Nili Brosh, Tosin Abasi, Vitalism.
Inoltre, cosa fondamentale, nutro profonda stima e rispetto per tutti i colleghi italiani.
Professionisti che si danno da fare con grande dedizione e professionalità contribuendo a tenere in vita ed elevare un settore come il nostro.
 
E come se la passa questo settore?
Non è un periodo splendido. La colpa è di tanti prodotti di Pop “usa-e-getta” che condizionano tutto.
Per questo il lavoro dei musicisti che propongono la loro musica, che lavorano nella qualità è importantissimo, perché offre un apporto culturale-musicale prezioso per la società. In generale, credo sia assolutamente impossibile vivere senza musica e senza altre forme artistiche. Questi artisti lavorano duro perché questi tesori  ci arrivino nella loro forme qualitativamente più alte.

I chitarristi sono un bene per la società
andrea palazzo interviste lezioni
Link utili
Il sito di Andrea Palazzo
Altro da leggere
Pubblicità
A Scuola di Sweep - La pennata...
A Scuola di Sweep - Triadi Minori...
Tosin Abasi – Arpeggi in Sweep Picking ...
Tosin Abasi – Sweep & combinazioni di arpeggi...
Pubblicità
Tony MacAlpine: Sweep & Tapping da morire......
Tosin Abasi: Tapping, arpeggi e fantasia!...
Marco Sfogli: Modern Sweep...
Sweep Picking: il meglio di Didattica...
Pentatoniche a tre note per corda: string skipping, tapping...
Bruce Bouillet: string skipping sotto i raggi X...
Bruce Bouillet: "Lo sweep più famoso dei Racer X"...
Arpeggi con sweep & tapping...
Michael Angelo: la mia storia con lo sweep...
Giacomo Castellano: "Tip Tapping"...
Nili Brosh, una ventata di aria fresca e grande chitarrismo...
Come utilizzare gli arpeggi di settima per improvvisare ...
Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche...
Frequentare una scuola di musica: pro e contro...
Nili Brosh: vivere da musicista...
Commenti
di JoeManganese [user #43736] - commento del 03/09/2018 ore 19:11:33
Ci sono troppi chitarristi che pensano di saper scrivere musica, mentre sono solo bravissimi esecutori. Il loro problema è che non sanno riconoscerlo e finiscono col suonare benissimo banalità melodiche da non poterci credere.
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 03/09/2018 ore 22:24:36
Molto vero.
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 04/09/2018 ore 01:14:3
Molto vero nel senso che sono d'accordo con Joe Manganese.
Rispondi
di gl68nav [user #9185] - commento del 04/09/2018 ore 21:22:15
Standing ovation! Ho le mani spellate a forza di applausi. :-)
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 03/09/2018 ore 22:47:47
io non so se i chitarristi siano un bene per la societa', io so solo che a me suonare la chitarra piace un sacco
Rispondi
di fraz666 [user #43257] - commento del 04/09/2018 ore 15:47:24
"Seguo con interesse i nuovi guitar hero: Angel Vivaldi, Andy James, Aaron Marshall (Intervals), Plini, Nili Brosh, Tosin Abasi, Vitalism." oooooohhhhh bravissimo Andrea, fa sempre bene un po' di novità in un settore in cui una gran parte degli 'appassionati' è rimasta agli anni '70 ('80 quando va bene)
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 04/09/2018 ore 19:29:15
Angel Vivaldi, un altro che non dovrebbe suonare musica sua.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 05/09/2018 ore 11:03:08
Qual'è l'etá media dei fans Metal? Proprio qui vicino c'è un bar chiamato Zeppelin, una idea di Mike Tramp, cantante dei White Lion. Passo davanti ogni sera on my way home - il pubblico è giovanissimo! Insomma, piace la musica "vintage". Zep, Stones, U2, Cream.... Agli altri piace Rihanna, Beyoncé, Lady Gaga (cmq produzioni fortissime). Rap non va - c'è da capire cosa sia successo in USA in quanto a testi generalmente improvvisati e slang sempre incapibile.
Le vendite sono modeste per tutti... A parte artisti in lingua natale - certe volte. È sempre più difficile esportare all'estero pezzi in inglese dalla Danimarca, però bravi ad importare! Matia Bazar #1 in Svezia e 2 o 3 in Norvegia e Danimarca su Mega Records. Per un chitarrista è anche un pò strano fare samples che poi saranno usati per Dance / Techno da classifica. Li mandi al producer che poi deciderà se usarlo o no! Per lo sballo vi mando un esempio mio - Leila K in Svezia: "C'mon Now" vai al link
Rispondi
di FenderStratoFender [user #29391] - commento del 06/09/2018 ore 14:28:50
Mah. L'approccio ultratecnico alla chitarra, la figura del "guitar hero" appunto, non mi sembra abbia apportato poi moltissimo sul piano culturale. Uno dei pochissimi a "bucare" è stato Yngwie Malmsteen, poi?
Non voglio trollare nessuno, ma un Billie Joe Armstrong di 20-22 anni fa, con il suo stile, semplice ma riconoscibilissimo fatto di 4 accordi, ha avuto un peso culturale incalcolabile sia per composizione che tecnica. E non a caso imitatissimo.
Rispondi
di fa [user #4259] - commento del 06/09/2018 ore 15:58:44
Noi chitarristi siamo spesso troppo legati alla tecnica esecutiva, alle posizioni, agli arpeggi, scale ecc. ecc. dimenticandoci della musica. Col tempo mi sono accorto che i chitarristi che mi piacciono di più sono quelli che traggono ispirazione da altri strumenti, perché li trovo più freschi e originali. Mi piace ascoltare chitarristi che approcciano gli accordi in modo pianistico e solisti che prendono fiato come i sassofonisti.... Sarà la vecchiaia. Senza nulla togliere ad Andrea Palazzo che è bravissimo! Ciao Fab
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Peppino D'Agostino: respirazione e meditazione prima del concerto
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964