HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone
Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone
di [user #43172] - pubblicato il

Il vituperato Metal Zone deve il suono a precise scelte progettuali ma, se si ritiene troppo settoriale, bastano alcune modifiche per trasformarlo del tutto.
Chi più e chi meno, prima o poi tutti i chitarristi hanno provato un Boss MT-2. I più fortunati, spesso giovani e inesperti come lo ero io decenni or sono, lo ameranno nel loro primo periodo di chitarrismo metallaro, fatto di distorsioni estreme ed equalizzazioni a "V", per poi rendersi conto di avere a che fare con qualcosa che, se settato male, suona più simile a una tastiera che a una chitarra. Altri invece lo odieranno fin da subito.
In ogni caso, io mi sono ritrovato dopo tanti anni questo pedale acquistato in gioventù e ho provato a metterci mano per trasformarlo in qualcosa di molto più versatile. Il risultato: per capirci, non credo che lo toglierò mai più dalla mia pedaliera.

Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone

Il Metal Zone ha il pro di avere lo stesso suono con qualsiasi chitarra, permettendoci di fare i metallari anche con un ukulele, e una silenziosità incredibile unita a un'ottima qualità costruttiva e un valido buffer in bypass, ma a parer mio ha anche una marea di contro, tra i quali zanzarosità, trasparenza inesistente, poca efficacia nel mix e suono piuttosto nasale.
Quello che mi accingo a fare oggi è a spiegare la morfologia e le modifiche apportabili a un Boss MT-2 per trasformarlo da un distorsore spaccamuri molto settoriale a un overdrive molto spinto ma utilizzabile in moltissime situazioni, non solo nel metal.

Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone

Per sapere dove mettere le mani, dobbiamo capire com'è fatto e come funziona.
Questo pedale è composto essenzialmente da una serie di stadi di boost/equalizzazione e uno stadio centrale di distorsione.
Il primo stadio subito dopo il buffer d'ingresso è composto da una equalizzazione/boost, che prevede un roll-off delle frequenze basse, un marcato boost delle medie e un taglio netto di tutte le frequenze al di sopra dei 650hz, il tutto unito ad un boost di circa 20dB: in altre parole ci "ovatta" la chitarra in modo da renderla irriconoscibile. Questa cosa, per quanto strana sìa, ha un senso logico: provate a suonare metal con una Telecaster (ok, poi dipende da quale Telecaster, ma non divaghiamo) su qualsiasi altro distorsore e vi ritrovereste con un quantitativo di twang e altissime frequenze assolutamente controproducente per questo genere musicale. Questo nostro primo stadio provvede a fare in modo che ciò non avvenga, uniformando a livello di suono qualsiasi chitarra, ma rendendo inutilizzabili anche il controllo di tono o un eventuale pedale wah-wah a monte.
Il secondo stadio è la distorsione. Nulla di particolare: una semplicissima distorsione a diodi. Questo stadio distorce il suono dopo che questo viene amplificato fino a circa 250 volte che, moltiplicate allo stadio precedente, significa avere un'amplificazione totale che sfiora le 3mila volte. Sì, avete letto bene: tremila volte.
Il terzo stadio è un'altra equalizzazione fissa che boosta le medio-basse attorno ai 200hz e le alte intorno ai 5khz. Questo stadio è responsabile dell'estrema zanzarosità del pedale. Serve a contrastare il primo stadio di equalizzazione, facendoci sembrare il tutto meno medioso e più utilizzabile, se così vogliamo dire.
Infine, il quarto stadio è l'equalizzazione semi-parametrica, fra l'altro uno dei grandi pregi di questo pedale.

Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone

Passiamo a quello che possiamo modificare.
Al contrario di tante blasonatissime modifiche che si trovano in internet e che lasciano pressoché intatta la natura dell'MT-2, noi andremo a stravolgerlo totalmente, mantenendone il più possibile i pregi. Stranamente, per fare ciò dovremo ritoccare solo sei componenti.
Per i vari DIYer che vogliano cimentarsi nella modifica, troverete i componenti segnati direttamente sulla scheda del pedale. Per tutti gli altri... beh, abbiamo tutti l'amico smanettone, vero?

Anzitutto cominciamo col primo stadio.
Rimuoviamo il condensatore C35: questo disattiverà totalmente il boost delle frequenze medie, ma ci restituirà una notevole carenza di basse. Per recuperare leggermente ma non troppo, sostituiamo la resistenza R46 con una da 22kohm: questo avrà anche la funzione di abbassare notevolmente l'inutile quantitativo di gain disponibile mantenendo un roll-off sulle basse estreme che permetterà comunque al pedale di non fuzzare. Rimuoviamo la resistenza R42 per recuperare un po' di gain e sostituiamo il condensatore C31 con uno da 4,7nF, per alzare il cut-off delle alte frequenze in ingresso a circa 2,5khz, mantenendo quindi una certa silenziosità ma rendendo il pedale sensibile al tipo di chitarra e (finalmente) all'utilizzo del wah.
Ora, se ci piace il suono generale del Metal Zone, potremmo già fermarci qui e avere comunque un pedale più trasparente e utilizzabile... ma a noi non basta: vogliamo la distorsione più naturale e gestibile possibile. E allora via: modifichiamo anche il terzo stadio.
Rimuoviamo il condensatore C22 e sostituiamolo con un ponticello: con ciò, annulleremo completamente la post-equalizzazione a fronte di un piccolo calo del volume di uscita. Infine, sostituiamo il condensatore C18 con uno da 2,2nF, per creare un taglia-alto fisso a 3,5khz in stile TS-9, che comunque possiamo compensare col controllo delle alte frequenze.

Et voilà! Abbiamo un nuovo pedale con una voce notevolmente migliorata. Zanzarosità sparita, mantenendo però le eventuali possibilità metallare del pedale. L'unica cosa a cui dobbiamo stare attenti è che, ovviamente, avendo ora un pedale che è molto trasparente, non ci permetterà più di fare metal con una Telecaster, non perché il gain non sìa sufficiente, ma perché la trasparenza guadagnata manterrebbe il twang della nostra chitarra. Se vogliamo spararci roba alla Aerosmith con una Stratocaster, possiamo eccome: versatilità assoluta garantita, dagli ZZ Top ai Cannibal Corpse.

Infine, se tutto ciò no dovesse bastarvi, eccovi la chicca finale: vogliamo trasformarlo in un fuzz davvero davvero cattivo? Sostituiamo il condensatore C34 con uno da 1uF per bypassare il roll-off delle basse nel primo stadio e il gioco è fatto.

Quindi, riepilogando:
- C35 rimosso
- R46 cambiata in 22kohm
- R42 rimossa
- C31 cambiato in 4,7nF
- C22 sostituito con un ponticello
- C18 cambiato in 2,2nF

Inoltre, per trasformarlo in un fuzz:
- C34 cambiato in 1uF

Spesa totale: 2-3€ di componenti e un'oretta di lavoro. Buon divertimento col vostro nuovo pedale preferito!

Per tutti coloro che avranno voglia e pazienza di cimentarsi nella modifica, declino ogni responsabilità sui danni che possano derivare da un lavoro fatto male. Se non siete in grado, evitate di modificarlo per non ritrovarvi con un pedale malfunzionante o addirittura inutilizzabile, o peggio ancora rischiare di farvi male!
boss effetti e processori elettronica gli articoli dei lettori mt2
Altro da leggere
Pubblicità
12 delay, loop e suoni stereo da EHX nel...
Tornano con Waza due insospettabili classici...
HX Stomp: alta tecnologia Line 6 in formato...
Kodiak: tremolo con tap tempo e onde custom...
Pubblicità
Commenti
di LuigiFalconio85 [user #42411] - commento del 29/09/2018 ore 12:07:45
Non per qualcosa ma il Metal Zone è nato per essere Metal Zone...se voglio un overdrive mi compro in TS9....eh
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 29/09/2018 ore 12:39:08
Amen.
Rispondi
di fla72 [user #29005] - commento del 29/09/2018 ore 12:49:39
si, la mod ci sta tutta, se non lo si vuole buttare nel secchio. bisognerebbe sentirlo , ma dovrebbe uscire simile ad un blues driver .
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172] - commento del 29/09/2018 ore 23:16:25
In effetti si. A livelli molto bassi di gain assomiglia lontanamente al blues driver, salvo poi avere una riserva di gain moooolto più ampia e un eq semiparametrico.
Rispondi
di c9 [user #37327] - commento del 29/09/2018 ore 22:58:49
Dagli zz top ai cannibal corpse... dai per favore
Rispondi
di Francis Metal [user #46100] - commento del 29/09/2018 ore 23:09:36
in realtà il metal zone ha la possibilità di essere regolato in mille modi, e davvero puoi andare dall'hard rock fino ai Cannibal Corpse. Io ho visto da qualche parte che esiste la mod Death metal, non so se ne vale la pena...
Rispondi
di fa [user #4259] - commento del 30/09/2018 ore 07:39:3
Interessante, ma riusciresti a postare un video?
Rispondi
di redcapacci [user #33920] - commento del 01/10/2018 ore 08:18:27
vuoi mettere andare ad una jam blues e lasiare tutti di stucco con un metal zone in pedaliera ?
Rispondi
di NICKY [user #46392] - commento del 01/10/2018 ore 08:59:19
io non ho mai capito perchè molti overdrive / distorstorsori da soli suonano da paura, dinamici, caldi, belli panciuti, insomma da pelle d'oca!!! poi una volta messi in pedaliera e portati in sala prove suonano sgonfi, insulsi e anche parecchio finti! e non sto parlando solo di pedali Boss, parlo anche di pedali Boutique da oltre € 200,00
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 01/10/2018 ore 09:27:35
Collegamenti?
Qualità cavi?
Disposizione in pedaliera?
Alimentazione?
Auto suggestione?
Rispondi
di NICKY [user #46392] - commento del 01/10/2018 ore 10:32:46
Ciao! ho una pedaliera alimentata con un Voodoolab 4X4, buffer costalab in ingresso e tutti i cavi reference. la catena è cosi disposta BUFFER, CRYBABY, OVERDRIVE, DISTORSIONE, CHORUS, DELAY, REVERB, BOOST.
io sottolineavo solo quello che mi dice anche chi ascolta da fuori la band, ovvero che alcune distorsioni quando interagiscono con le frequenze di altri strumenti si trasformano in uno sciame di zanzare impazzite o scoregge al megafono!!!!
L'ultimo pedale che ho preso e che suonato insieme alla band mi ha davvero deluso è il MADPROFESSOR 1, ovvero un Plexitone con reverbero e funzione Brown incorporati, sulla carta e casa una figata pazzaesca, ma innescato insieme alla band risulta davvero insignificante!!!!

p.s. il bassista usa JAZZ, PRECISION, MUSICMAN e diverse testate, quindi non si tratta di un solo strumento avverso!
Rispondi
di RedRaven [user #20706] - commento del 02/10/2018 ore 15:17:3
Forse stai cadendo nell'errore più comune del chitarrista che suona da solo (come me): ti fai un suono che sta bene senza altri strumenti, quindi occupa tutto lo spazio di frequenze, basse, medie, alte, e hai un livello di gain gradevole da solo e gradevole su quelle frequenze. Poi collassa tutto. Prova anche solo con un looper a registrare una traccia, e a fraseggiarci sopra. Quando lo faccio io, accade quel che dici, ovvero che quel che pareva ottimo si impasta e diventa indistinto. Quel che faccio ( o che sento fare chi suona bene in gruppo, o isolando le tracce di pezzi che suonano bene) è al contempo ridurre il gain, ma di tanto, e scegliere che frequenze occupare. Di norma la chitarra che suona bene in gruppo lascia via un sacco di basse, e un po di medie. Prova.
Rispondi
di esseneto [user #12492] - commento del 01/10/2018 ore 10:23:49
Potrebbe essere proprio colpa della pedaliera , alimentazione a catena , collegamenti e pedali magari non molto compatibili tra di loro possono degradare il segnale . Sicuramente un overdrive o distorsore provato a casa a volumi bassi avrà una certa resa , lo stesso in sala prove con basso e batteria magari con un ampli diverso dal proprio a volumi decisamente più alti suonerà un pò diverso , in un contesto live dove i volumi sono ancora più alti e l'ambiente ( interno/esterno) condiziona pesantemente l'acustica penso si possa veramente testare la validità o meno di un pedale che comunque è sempre legata al fattore ampli + chitarra senza dimenticare i cavi determinanti sul risultato finale.
Rispondi
di NICKY [user #46392] - commento del 01/10/2018 ore 09:00:
insomma non riescono a bucare il mix tra un basso e una batteria
Rispondi
di bluesfever [user #461] - commento del 01/10/2018 ore 13:13:53
Prova con un equalizzatore
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 01/10/2018 ore 14:11:46
Per la mia esperienza c'entrano poco ampli e pedaliere/pedali. Come scrive bluesfever, il problema è nell'equalizzazione: se ti fai i suoni a casa da solo non uscirai mai dal mixer perchè quando suoni da solo crei un suono pieno in cui basse ed acute sono enfatizzate, insomma un suono piacevole, ma che viene poi sovrastato dalle basse più potenti di basso e batteria e dalle acute di tastiera, di nuovo batteria e voce. Per uscire dal mix devi sfruttare le frequenze medie, che gli altri non occupano. Il problema è che il suono da usare con la band, usato a casa da solo è proprio triste. Prova a lavorare di equalizzatore in sala con gli altri e vedrai che risolvi.
Ciao
Rispondi
di NICKY [user #46392] - commento del 01/10/2018 ore 15:46:45
grazie per i consigli Francesco!!!!

se posso darvene uno io, ragazzi compratevi subito senza neanche pensarci (anche se è come il santo gral da trovare) il pedale REVV G3 è pazzesco, versatile e con una pacca incredibile! mai sentita una dinamica così!

vai al link
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 01/10/2018 ore 10:07:06
non per fare l'apologia del Metal Zone (che non mi piace) ma di recente ho visto un video di Ola Englund in cui lo provava: inserito nell'ingresso frontale dell'ampli suonava come ci si aspetta pure su un'ampli da migliaia di euro (mi pare fosse un Mesa), ma inserito nel return aveva un suono totalmente diverso, lontano dai miei gusti ma comunque decisamente buono, non zanzaroso.
Rispondi
di RedPuma [user #43439] - commento del 05/10/2018 ore 12:35:22
Ho visto anche io il video di Ola. Effettivamente in quella configurazione ha un suono differente. Però MICA CE LO DICONO il modo ottimale di usarlo. Vale a dire nel "return". Beh comunque, l'MT2 non mi soddisfa. Oggi c'é decisamente di meglio. Tanto tra i "boutique" quanto tra i pedali "standard" della TC Electronic ed altre marche.
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 05/10/2018 ore 13:26:19
la cosa strana è che probabilmente è solo un caso il fatto che suoni (molto) meglio.

cioè, il metal zone nasce per entrare nell'ingresso dell'ampli non nel return, non credo la boss l'abbia mai ne indicata ne suggerita da nessuna parte questa opzione.
Rispondi
di Floyd [user #143] - commento del 05/10/2018 ore 09:35:01
Interessante. non ho mai avuto un Metal Zone, ma mi diverto a modificare qualsiasi cosa, in primis amplificatore, chitarre, e certamente anche pedali.
Trovandosi questi pedali a prezzi decisamente bassi nel mercato dell'usato, sarebbe interessante provare le mods. Prima o poi dovrò prendermi una stazione dissaldante, che è il lavoro più rognoso quando si fanno delle mods ai circuiti in pcb.
grazie della condivisione, e se puoi pubblicare anche solo una traccia audio per farci capire il risultato....
saluti
Rispondi
di RedPuma [user #43439] - commento del 05/10/2018 ore 12:16:05
Interessante. Credo di essere il terzo che ti chiede se puoi condividere qui una demo sul tuo operato, magari su YouTube.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Chi ha inventato davvero il tapping
HX Stomp: alta tecnologia Line 6 in formato pedale
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Tornano con Waza due insospettabili classici Boss
Da EMG due set passivi per Stratocaster senza saldature
I più commentati
Dophix vi condanna al Purgatorio, per Lussuria
HX Stomp: alta tecnologia Line 6 in formato pedale
Come suona la mia stanza?
Doyle Bramhall II, "Shades": splendida ruvidità e genuinità artistica.
Chi ha inventato davvero il tapping
I vostri articoli
Altamira N200CE: una bella sorpresa
Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone
Una stratoide di nome Silver Sky
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Fender Modern Player Telecaster Plus
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964