CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
L’introvabile Zephyr di John Lee Hooker torna in vita
L’introvabile Zephyr di John Lee Hooker torna in vita
di [user #116] - pubblicato il

Epiphone celebra i 100 anni di John Lee Hooker con la riedizione della Zephyr, l’introvabile semiacustica a cassa stretta amata dal King of the Boogie.
La data di nascita di John Lee Hooker, riferimento indiscusso per i bluesman a venire e tra gli artisti che hanno gettato le basi per quello che sarebbe poi divenuto il rock n roll, non è del tutto sicura. Di certo, si sa che il King of the Boogie è venuto al mondo intorno al 1917 e ora Epiphone intende celebrarne la storia 100 anni più tardi con una riedizione di uno degli strumenti più rari che gli siano mai stati visti tra le braccia. La Epiphone Zephyr era tra le chitarre preferite di Hooker, che l’ha usata per incidere alcuni dei suoi maggiori successi. Solo 13 - tra cui la sua - ne furono prodotte nel 1961 e, tra il 1959 e il 1963, ne videro la luce solo 45. Stavolta l’introvabile Zephyr torna in una partita limitata a mille esemplari con la collaborazione della famiglia di John Lee Hooker.

L’introvabile Zephyr di John Lee Hooker torna in vita

La Epiphone Zephyr John Lee Hooker si ispira all’originale costruita nel 1961 e aggiunge appunti moderni come hardware efficiente ed elettronica d’ultima generazione.
La cassa in acero laminato è uno standard per la categoria e la Zephyr non rinnega la tradizione, incollandovi un manico in mogano con striscia centrale in acero. Il profilo Vintage C riempie la mano e trasmette le vibrazioni abbondanti e vigorose, restituendo tutto il feel di uno strumento d’annata in pieno stile blues. Per aggirare le limitazioni del CITES senza rinunciare alla resa e all’estetica classica, la tastiera è in pau ferro su un raggio da 12 pollici per 20 medium jumbo fret seminati su un diapason da 24,75 pollici.

L’introvabile Zephyr di John Lee Hooker torna in vita

Sulla paletta, arricchita da una placca bianca con logo Epiphone in stile vintage, trovano posto sei meccaniche Wilkinson Deluxe con chiavini color avorio e un capotasto in delrin. Sulla cassa, le corde sono ancorate a un tailpiece a trapezio e poggiano contro un ponte in pau ferro a intonazione compensata e regolabile in altezza.

La voce elettrificata della Zephyr è affidata a una coppia di mini-humbucker Epiphone ProBucker, controllati attraverso volumi e toni indipendenti e con un selettore a tre posizioni sulla spalla superiore.

L’edizione limitata, visibile nel dettaglio sul sito ufficiale a questo link, è infine accompagnata da un certificato di autenticità, una custodia rigida e una tracolla in pelle.
Nel video diffuso da Epiphone per l’occasione, il bluesman Charlie Musselwhite racconta la Zephyr e il suo rapporto con John Lee Hooker.

chitarre semiacustiche epiphone john lee hooker zephyr
Link utili
John Lee Hooker Zephyr sul sito Epiphone
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Namm 2019: Gretsch
Nuovi pickup e finiture inedite da Gretsch
G2622: una Gretsch non come le altre
G5622T: una Gretsch come si deve
DC Pro è la prima Epiphone del 2019
Godin cede al fascino del twang
Seguici anche su:
News
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964