CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

headrush nun te temo...

di [user #5] - pubblicato il
Ciaone.

Dello stesso autore
Il mio approccio all'ampless
HX STOMP. Cambio ma resto in famiglia...
Mesa Boogie. Altro che helix, fractal o hea...
Pinuccio Cardano Jazz Bass (kelino signature)
Non mi piego al digitale. Visto che da un p...
HX Line 6. Cambio ma non troppo...
Clip TUNER. Dopo averne provati ta...
legni e pick up
Loggati per commentare

di francesco72 [user #31226]
commento del 05/10/2018 ore 11:04:43
Ho appena commentato su un altro post il mio scarsissimo entusiasmo per questa pedalierina. Vero è che la qualità è alta ed ha un costo, ma tre switch? Se il bello di questi aggeggi è poter avere a portata di piede mille mila suoni dando anche leggeri ritocchi ad un programma di base sempre uguale, perchè poi doversi affannare a saltellare tra i pulsanti? Il tutto avendo sborsato 600 dollaroni. Le sorelle maggiori (ma anche le altre macchine line 6 di quel tipo) hanno il grande vantaggio, almeno per me, di metterci a disposizione almeno 4 switch per il cambio di programma (all'interno della stessa patch) più altri 4 switch per accendere e spegnere al volo singoli effetti, nonchè il pedale d'espressione/volume. Come ho già scritto: se avessi i soldi salterei a piè pari 'sto mezzo coso costosissimo e passerei direttamente alla Helix LT; diversamente la Mooer GE200 ha il pedale d'espressione costa la metà, ma non credo valga la metà.
Ciao
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 05/10/2018 ore 13:11:53
Certo se uno la gestisse via pedaliera midi e la usasse solo a preset mi sembra una gran bell'aggeggio, ancora devo vedere per bene come funziona però di sicuro è pensata per essere integrata con altri effetti, comunque si può usare anche in modalità stomp ed avere 3 effetti per esempio...
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 05/10/2018 ore 18:19:40
E' vero, ma non mi sembra che sia l'obiettivo; se devi iniziare ad aggiungere roba oltre che il costo aumenta lo spazio e, a quel punto, il suo punto di forza che è il minimo ingombro andrebbe a farsi benedire.
Ciao
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 05/10/2018 ore 19:27:14
Secondo me invece l'obbiettivo è anche quello, per una cosa all in one c'è la Helix mamma e per chi non vuol separarsi da qualche pedale singolo che ama particolarmente c'è questa, chi non vuole simulazioni di ampli e i.r. c'è la Helix hx di recente uscita.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 08/10/2018 ore 08:53:44
Premetto che se spendo 600$ pretendo che i suoni che mi piacciono ci siano tutti e magari qualcuno in più, altro che aggiungere pedali.
Comunque io non mi riferivo ad effettistica, ma al controllo: questa con soli tre switch è proprio poco poco gestibile, per questo indicavo di aggiungere un controller ed un pedale di espressione. Ovviamente se uno preferisce spendere 600$ poi dover ballare il tip tap tutta la sera, libero di farlo.
Ciao
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 08/10/2018 ore 11:06:21
Considerando il fatto che più o meno sono tutti troppo cari :):) volendo se uno la usa a preset il tip tap non lo balla, conta che la helix grande costa quasi il doppio, se uno vuole un pedale d'espressione basta un roland da 40 euro ma non tutti lo vogliono e quindi questa è fatta apposta per essere integrata nella pedaliera secondo me, alla fine basterebbe aggiungere pochi altri effetti per avere un set up completo, comunque preferisco la hx effect perchè non uso i.r.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 08/10/2018 ore 11:35:41
Capisco il tuo punto di vista, ma non lo condivido. Io parto dal presupposto dell'amatore per cui spendere 600$ deve darmi qualcosa di assolutamente completo e comodo. Non è una verità assoluta, semplicemente io non ritengo di voler spendere quei soldi per un hobby, in uno strumento utile solo in parte perchè abbisogna di qualcos'altro per darmi un risultato completo. Mi permetto, però di precisare che non sono tutti così cari e, sinceramente, ho provato strumenti assai più economici che danno ottima prova di se'. Ad esempio avevo il pod 500hd ed ora sono passato alla firehawk fx. In entrambi i i casi si spende meno e la qualità è più che buona per uno come me che fa' 6/8 concerti all'anno tra feste della birra, sagre e intrattenimento per piccoli locali all'aperto. Al momento se dovessi andare su macchinette piccole, questa qui è proprio l'ultima che penserei, prima vengono mooer ge 200 e nux cerberus (lo so che questa è differente mancando le simulazioni di ampli, ma mi pare che il resto dell'effetistica possa supplire egregiamente ).
Ciao
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 08/10/2018 ore 11:50:53
-----Mi permetto, però di precisare che non sono tutti così cari e, sinceramente, ho provato strumenti assai più economici che danno ottima prova di se'.-----
Con me sfondi una porta aperta su questa cosa, la penso come te, esistono tanti multieffetti dal prezzo ottimo che non vengono sfruttati come dovrebbero e basterebbe perderci un pò più di tempo per avere risultati ottimi.
Il fatto è che la Helix pare abbia algoritmi molto più accurati rispetto al pod più tutto il discordo i.r.
Comunque come ho detto prima, se uno la affianca ad una minibuddy per esempio potrebbe avere banchi da 10 preset, ai voglia a completezza, se poi la paragoni ad uno Strymon per esempio è molto più conveniente.
Comunque non la comprerò neanche io.).).).
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Tre super-Strat da Charvel per il Summer Namm 2019
Timing, plettro e altre storie
Silverwood: torna “il meglio” del catalogo Supro
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg
Daniel Kelly II è il vincitore del “Shure Drum Mastery 2019”
Brexit Guitar: dreadnought satirica da Martin
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964